LA NUOVA PIAZZA DI BRACCAGNI

www.braccagni.info: la piazza che non c’era ora finalmente c’è, anche se solo “virtuale”.

Per la verità questo è stato solo un trasferimento. Prima eravamo alloggiati in un “piazzale” che si è improvvisamente affollato: il luogo era poco accessibile, lo spazio divenuto ormai stretto, il brusio impediva di seguire tutti i ragionamenti che si stavano sviluppando.

Per questo, raccogliendo anche i suggerimenti di questa comunità virtuale, abbiamo creato un nuovo spazio che dovrebbe essere più confortevole, ma non è finita qui. I lavori sono sempre in corso e ci aspettiamo ulteriori suggerimenti per migliorarlo perché, è bene precisarlo, questo è uno spazio a disposizione di chi lo vuole usare, per chi ha qualcosa da dire. Certo, dire che è di tutti è come dire che non è di nessuno. Per questo ci sono dei compiti assegnati:  chi si occupa di fare il moderatore e chi il webmaster.

Attualmente la struttura del blog è suddivisa così: in alto a destra c’è la “Piazza virtuale” che in questo momento contiene tre argomenti di discussione:

l’Us Braccagni: uno spazio riservato ai tifosi della squadra gialloverde e che intende seguire da vicino il campionato della prima squadra ma anche quello del settore giovanile; l’importante è che  ci siano persone che puntualmente intervengono per ragguagliarci sui vari risultati e commenti.

La questione Usi Civici: argomento molto acceso e sentito dalla popolazione, del piano e del colle.

I Monumenti del Mazzo: argomento nato intorno alla presenza di edifici un po’ “strani” che sono nati (o che stanno nascendo) nella frazione di Braccagni e che si è sviluppato  lungo più direttrici. Qui si parla del cavalcaferrovia, della nuova viabilità paesana e siamo andati  a finire al monumento al badilante di Grosseto. In sintesi questo spazio è dedicato allo sviluppo urbanistico architettonico della nostra zona.

Sotto ci sono le “categorie”, che fungono da archivio, da informazione, mentre con altre si può interagire vedi “Rispondere per le rime”.

Al centro c’è la “bacheca” che viene continuamente aggiornata e dalla quale possono scaturire ulteriori argomenti di discussione.

Vedere i commenti è semplicissimo: basta cliccare sopra il titolo dell’articolo, in fondo da la possibilità (molta gradita) di lasciare il proprio commento.

Perché questo  blog? Semplice, perché siamo convinti che “il silenzio uccide le idee”.

Buona navigazione e discussione a tutti.

Archiviato in: LA VITA DI PAESE

Tag:

RSSNumero commenti (16)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. il granocchiaio ha detto:

    Benvenuta piazza!
    Che tu sia virtuale e non di “ciccia” un po’ dispiace, ma è anche segno dei tempi. Certo, sempre pe accontentassi del meglio, sarebbe stato meglio avelle avute tutte e due, come forse ci si meritava, ma per ora è ita così, e pigliamola così.
    La piazza è qualcosa che ti fa sentire abitante più aperto e in comunione con altri, ti fa sentire più completo e calzato di tutto punto, un completamento di cui è difficile fare a meno. Se non ce l’hai è come sentirsi un po’ amputati. Credo si potrebbe scrivere un intero libro per elogiare “la piazza”.

    Però va detto: un c’è confronto tra le due.

    Anche se in chiave romantica rivendico la supremazia dell’usato sul nuovo, della meccanica sull’elettronica, della stilografica sulla stampante, del tortello maremmano fatto mano col marciapiede sulla tagliatella che ti dura anche un anno, e via dicendo fino alla piazza di “ciccia” rispetto a quella virtuale. Ma non è per questo che disdegno o rifuggo l’uso del moderno. Anzi! Guai a perdere anche un solo treno nella bolgia dell’evoluzioni: c’è il serio rischio che non riesci più a risalirci sopra, e allora: addio Rosa.
    Chi adopera internet o altre meraviglie del web lo sa: o stai al passo giorno per giorno o rischi di essere tagliato fuori dagli ultimi ritrovati, dalle nuove possibilità che ogni settimana si moltiplicano. E siccome beneficiare di queste possibilità non è cosa da poco, le apprezzo e cerco di stare in sella “alla botte”, come dice il mi amico Volturno.
    Prova delle straordinarie possibilità offerte da questi nuovi mezzi e sistemi è proprio questa “piazza virtuale” come la chiama il G.F. (Grande Fida, no il Grande Fratello). Partita quasi per gioco e certo con molte speranze, ma poche certezze, s’è ritrovata, grazie ad una serie di articoli appena appena un po’ “provocatori”, ad esse il luogo di incontro di pensieri ed opinioni diverse. Pensieri ed opinioni che si sono confrontate, si sono incontrate e anche scontrate (vivaddio), ed è così cominciata quella lenta ma continua crescita dello scoprire altre idee e punti di vista. E il dialogo.
    Amici e conoscenti mi dicono per certo che la nostra “piazza” viene letta e seguita a Grosseto (e anche oltre, dico io) con attenzione, stima e anche un po’ d’ammirazione. Come dire: ma te guarda quel paese del M..azzo che razza di blog ha messo in piedi! E che temi, che scontri……..M..azzo!
    E io che devo di? Certo che fa piacere.
    Speriamo che si facciano avanti anche altre possibilità ed occasioni. In effetti se t’imbatti in un blog che t’interessa non è che ti scandalizzi ad entrare in discussione con atri che scrivano da Pollenzo, o da Noto o da Stribugliano. E questo è un vantaggio rispetto alla piazza fisica.

    E ora un po’ di sale e pepe, sennò che ci sta a fa sta piazza?
    Ma noi, a Braccagni, perché un ce l’hanno volsuta da’ una volta, alla piazza ci si rinuncia pe l’eternità? Crescerà Braccagni, questa è più che una certezza, e allora perché non cominciare a pensare ad uno sviluppo futuro che riporti questo elemento così essenziale nella struttura di qualsiasi paese? Certo sarebbe bello poter cancellare con un sol colpo tutto il “centro” del paese adibito ad altri usi e disegnarci al su posto una bella piazza. Ma questi sono sogni irrealizzabili, oggi. Più realistici mi sembrano ipotesi di uno sviluppo del paese fatto e pensato con la testa e con il cuore dei propri abitanti. E non con il M..ulo o con il M..azzo. Magari nemmeno nostri.

    Gragragra

  2. Carlo Vellutini ha detto:

    Benvenuta Piazza anche da parte mia!!! Il nostro Granocchiaio ha già dato un bello spunto di dibattito…che poi è un suo cavallo di battaglia, cioè quello sulla piazza a Braccagni. Ben venga la nostra virtuale in cui possiamo scambiare idee, opinioni, ma anche scontrarci come avverrebbe su quella reale o in qualunque bar. Sono sincero, a differenza sua, non sono di quelli che sento una super necessità di avere una piazza a Braccagni. Forse perché sono di un’altra generazione, di quelli che poi, alla fine, la nostra ce la eravamo costruita al “parchino”. Ma queste sono questioni di punti di vista. Intanto saluto la nostra piazza virtuale che al pari di quella sognata dal nostro Granocchiaio, in un modo o nell’altro, è un bel centro di aggregazione, con la speranza che la nostra accolga quanta più gente possibile…Dunque Benvenuta Piazza.

  3. Maurizio Martellini ha detto:

    Buona sera a tutti ,perche in una piazza di solito si da semprela buona sera.
    Devo dire che anche io sono della generazione del “parchino”, per me anche ora quello è il centro del paese , si lasciato un po allo sbando un po dissestato forse quasi distrutto, ma quella da giovine era la nostra piazza.
    Benvenuta questa piazza virtuale,
    ma come si chiama?
    bisogno dargli un nome che rappresenti sempre garibaldi!?

    come dice granocchiaio c’è nostalgia del passato,delle cose fatte a mano , saporite.
    Nel virtuale il sapore non si sente ma bisogna usarlo se questo nel 2008 è il modo piu facile di socializzare.
    internet cambiera il mondo ancora di piu di quanto lo abbia gia cambiato e noi dobbiamo starci sopra , dobbiamo saperlo usare e stare al passo del mondo.
    io propongo che entro qualche anno si riesca a mettere la festa del maggio in diretta streaming su internet! che tutto il mondo possa vedere in diretta questa nostra bellissima manifestazione !

    p.s.
    sarebbe bello anche averi le sedute del consiglio comunale in diretta streaming non credete ,visto che è un nostro diritto!

    Forse il nostro comune ha tante cose da nascondere, ma noi no! e siamo curiosi!

    Saluti

  4. roberto spadi ha detto:

    ‘sera a tutti, volevo dì a Maurizio che le sedute on-line del consiglio comunale ci sono già, basta andare nel sito del comune…

  5. patrizio galeotti ha detto:

    Volevo anch’io salutare questa bella idea di piazza virtuale, e mandare a tutti gli amici che leggono il blog un abbraccio.
    Non vi immaginate quanto sia bello poter parlare con voi stando ad ottocento kilometri di distanza, grazie a questo diavolo di un G.F.,
    a presto rileggervi, dunque.
    Patrizio Galeotti

  6. Zoga ha detto:

    Complimetni per questa spelendita iniziativa

    Sarò un assiduo frequentatore della piazza

    ciao

  7. redazione ha detto:

    Ringraziamo tutti coloro che hanno incoraggiato e che vorranno incoraggiare l’apertura di questo blog, anche solo con un saluto.
    Finalmente abbiamo l’opportunità non solo di essere spettatori di ciò che avviene intorno, ma anche di dire la nostra.
    Questa non deve essere una comunità ristretta, ma aperta a tutti coloro che hanno qualcosa da dire, e se ci sono voci fuori dal coro, tanto meglio.

  8. Pro Loco Alberese ha detto:

    Navigando in rete per la Maremma abbiamo scoperto il vostro nuovo sito.
    Complimenti!!!!!

  9. silvia balestri ha detto:

    Ciao a tutti gli amici di Braccagni. Ritengo abbiate avuto una grande idea nell’aprire questo blog. La sensazione che provo è speciale e mi fa sentire meno lontana da una terra che amo profondamente, perchè lì ci sono le radici delle mie origini. Sicuramente la mia chiaccherata è un po’ pasticciata… perchè sono stanca… ma non potevo rimandare a domani i saluti che arrivano dal cuore. Non so usare un blog, imparerò, è la prima volta che lo utilizzo. Termino inviandovi un affettuoso saluto.
    Silvia.

  10. Sarchiapone ha detto:

    benvenuta, un t’aspettavo!

    se sei di queste parti sai cosa vole di’….

    un t’aspettavo, ma sei la benvenuta!

    circa l’impara’, mi sa che ce ne fossero come te….

    parla, cioè scrivi, e dicci cosa ti va, o cosa non ti va (io spero che siano più le prima che le seconde)

    vedrai che qualche bischero (di palude) che ti risponde ci sarà
    io per esempio?

    arrisenticci

  11. pizzicato ha detto:

    Silvia, ma ……. per caso sei Silvia di Torino?…….

  12. marco volpi ha detto:

    Complimenti per il sito e un saluto agli amici braccagnini da quelli della macchia.
    Marco

  13. enrico vergari ha detto:

    Un saluto da parte dei maggerini di Moscona.

  14. michela ha detto:

    Saluti dalla piazza di Porto Ercole da Michela.

  15. W la Costituzione ha detto:

    Appello di Lorenza Carlassare, Andrea Camilleri, Furio Colombo, Umberto Eco, Paolo Flores d’Arcais, Margherita Hack, Pancho Pardi, Stefano Rodotà

    La vita di ciascuno non appartiene al governo e non appartiene alla Chiesa. La vita appartiene solo a chi la vive. Il decreto legge di Berlusconi, trasformato in disegno di legge dopo che il presidente Napolitano, da custode della Costituzione, ha rifiutato di firmarlo, vuole sottrarre al cittadino il diritto sulla propria vita e consegnarlo alla volontà totalitaria dello Stato e della Chiesa. Rendendo coatta l’alimentazione e l’idratazione anche contro la volontà del paziente, impone per legge la tortura ad ogni malato terminale.

    Pur di imporre questa legge khomeinista, Berlusconi ha dichiarato che intende sovvertire la Costituzione repubblicana. E’arrivato ad oltraggiare una delle costituzioni più democratiche del mondo, la nostra, definendola “filosovietica”, mentre non perde occasioni per elogiare il suo “amico Putin”, ex-dirigente del Kgb. Al governo Berlusconi che ha ormai dichiarato guerra alla Costituzione repubblicana, è dovere democratico di ogni cittadino opporre un fermo “ora basta!”.

    Per dire sì alla vita e no alla tortura, per dire sì alla Costituzione e no al progetto di dittatura oscurantista, per dire sì al Presidente che sostiene la Costituzione contro chi la viola, la svilisce, la insulta, chiediamo a tutti i democratici di auto-organizzarsi per una grande e pacifica manifestazione, senza bandiere di partito, solo con la passione e l’impegno civile di liberi cittadini, a Roma, a piazza Navona, sabato 14 febbraio alle ore 15.

    Passa parola, la democrazia dipende anche da te.

  16. Passa parola ha detto:

    SCRIVO IN STAMPATELLO PER DISTINGUERE IL MIO SCRITTO DAI BRANI RIPORTATI

    HURRAH: ABBIAMO SUL NOSTRO BLOG UNA SORTA DI SUCCURSALE DI “SOCCORSO ROSSO”!

    L’ESORDIO PER SEGNARE L’AVAMPOSTO E’ UNA TRASPOSIZIONE (O UNA COPIATURA A PIE’ PARI?) DAL SITO DI “cittadinoqualunque.com”:

    http://www.cittadinoqualunque.com/2009/02/ora-basta-21-febbraio-2009-roma-piazza.html

    DELL’APPELLO IVI RIPORTATO E CHE PER COMODITA’ A MIA VOLTA RIPORTO IN CHIARO QUI SOTTO

    mercoledì 11 febbraio 2009
    “ORA BASTA”, 21 febbraio 2009 a Roma Piazza Navona, contro la dittatura oscurantista

    “ORA BASTA!”. 21 FEBBRAIO A PIAZZA NAVONA CONTRO LA DITTATURA OSCURANTISTA

    Firma l’appello di Lorenza CARLASSARE, Andrea CAMILLERI, Furio COLOMBO, Umberto ECO, Paolo FLORES D’ARCAIS, Margherita HACK, Pancho PARDI, Stefano RODOTA’:

    “La vita di ciascuno non appartiene al governo e non appartiene alla Chiesa. La vita appartiene solo a chi la vive. Il decreto legge di Berlusconi, trasformato in disegno di legge dopo che il presidente Napolitano, da custode della Costituzione, ha rifiutato di firmarlo, vuole sottrarre al cittadino il diritto sulla propria vita e consegnarlo alla volontà totalitaria dello Stato e della Chiesa. Rendendo coatta l’alimentazione e l’idratazione anche contro la volontà del paziente, impone per legge la tortura ad ogni malato terminale.

    Pur di imporre questa legge khomeinista, Berlusconi ha dichiarato che intende sovvertire la Costituzione repubblicana. E’ arrivato ad oltraggiare una delle costituzioni più democratiche del mondo, la nostra, definendola “filosovietica”, mentre non perde occasioni per elogiare il suo “amico Putin”, ex-dirigente del Kgb. Al governo Berlusconi che ha ormai dichiarato guerra alla Costituzione repubblicana, è dovere democratico di ogni cittadino opporre un fermo “ora basta!”.

    Per dire sì alla vita e no alla tortura, per dire sì alla Costituzione e no al progetto di dittatura oscurantista, per dire sì al Presidente che sostiene la Costituzione contro chi la viola, la svilisce, la insulta, chiediamo a tutti i democratici di auto-organizzarsi per una grande e pacifica manifestazione, senza bandiere di partito, solo con la passione e l’impegno civile di liberi cittadini, a Roma, a piazza Navona, sabato 21 febbraio alle ore 15.

    Passa parola, la democrazia dipende anche da te”. (da Micromega)

    E io aggiungo un appello personale al Presidente Napolitano:

    “Presidente Napolitano, ha fatto bene a non firmare sul caso Englaro, ora non si fermi davanti alle minacce di Berlusconi, non firmi il decreto sulla Giustizia che lega le mani ai magistrati togliendo loro le intercettazioni e imbavaglia la stampa, ha detto no una volta ……. ora lo deve fare ancora 2, 3, 10, 100 volte se è necessario, soprattutto di fronte a degli attacchi così tremendi alla Costituzione Italiana, non ci lasci cadere in una dittatura, lei è il nostro Presidente e ci deve proteggere da vìola i nostri diritti.”
    Pubblicato da cittadinoQQ alle 15:02
    tags: 21 febbraio 2009, camilleri, carlassare, eco, furio colombo, hack, manifestazione, micromega, paolo flores d’arcais, pardi, piazza navona, rodotà, roma

    SE POI UNO GUARDA BENE, CLICCANDO SU “FIRMA L’APPELLO” TROVA PRONTO ON LINE IL MODULO PER SOTTOSCRIVERE L’ADESIONE:

    redazione@micromega.net

    Aderisco all’appello di Lorenza Carlassare, Andrea Camilleri, Furio Colombo, Umberto Eco, Paolo Flores d’Arcais, Margherita Hack, Pancho Pardi e Stefano Rodata

    SEGNALO PERALTRO A CHI VOLESSE ADERIRE ALL’ APPUNTAMENTO DI VERIFICARE DATA E ORA PERCHE’ MI PARE CI SIA UNA LEGGERA CONFUSIONE O DISCREPANZA TRA L’ORIGINALE E IL RIPORTATO CIRCA LA DATA DI EFFETTUAZIONE DEL PROGETTATO INCONTRO IN PIAZZA

    IO IL MIO PASSA PAROLA L’HO FATTO, QUINDI HO AIUTATO LA DEMOCRAZIA ANCH’IO?

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.