Soprannomi di Braccagni

Il Tacchino e la Billa da militare

Il Tacchino e la Billa da militare

Vi invitiamo a dire la vostra sui soprannomi di Braccagni

      By carolina borghi on Nov 5, 2008 | Edit

agonia mi sa che è il soprannome della mi zia,cioè precisiamo na volta per tutte: è la figliola del cugino del mi nonno.

.      By ALFREDO SOBRA on Nov 6, 2008 | Edit

FINALMENTE!!!!

Finalmente qualcuno che si fa avanti con i soprannomi. Una terra così prodiga di soprannomi e ancora nessuno che si era fatto vivo

Comprimenti quindi a Carolina alla quale propongo un premio per questo suo exploit.

Io tengo l’Albo Free d’Oro dei Soprannomi del Braccagni e Braccagni alto.
Sarebbe il famoso AL.FRE.DO. SO.BRA. dalle iniziali di quanto detto, che casualmente è anche il mio nome e cognome.

Questa raccolta contempla non solo l’elencazione dei soprannomi più famosi e leggendari dei nostri compaesani, sia vivi che già partiti, ma anche il loro volgare nome in borghese, l’eventuale secondo soprannome e, dove è stato possibile, anche il perché del suo appellativo.

Non è che uno dice, ISCRIVIMI o ISCRIVI il tal dei tali e la cosa è fatta. No, bisogna fa’ domanda e fa iniziare la procedura di richiesta di iscrizione.
Segue tutta la trafila di accertamenti, verifiche, del perché e del per come, e naturalmente il versamento delle tasse relative
Versamento se si tratta di vino o di olio, se invece si tratta di presciutti e altri generi di conforto, questi vanno portati di eccelsa qualità e in buono stato di conservazione, anche senza certificato medico: ci pensiamo noi. Animali da cortile quali polli, farraone, piccioni, coniglioli, paperi e affini, vanno consegnati macellati freschi spennati o spellati, ma con le looro proprie frattaglie. Per animali da caccia, sia piccioli che grandiosi, è raccomandata la frollatura d’uso e la dovuta spartizione.

Per Carolina e per premiare la su prima e brillante uscita sul blog dell’argomento SOPRANNOMI faremo uno strappo alla regola: la procedura sarà enormemente velocizzata e in luogo di portare genere alimentari e versate vino et olio prelibati, tutte le procedure saranno fatte in loco della sua abitazione nella quala la su mamma – di coca sopraffina assai nomata e risaputa – preparerà copiosi e boni di tortelli al sugo e pappardella sulla lepre, mentre di secondo piatto preparerà ella stessa, piatto arrosto di pesce bianco e saporito seguito da piccione novello ripieno un po’ di fegatello, perché noi si deve da mangià leggiero. Lo vino sarà bianco e rosso come la bandiera del Grosseto, ma bono e bono assai a nostro lo giudizio.

Durate tale libagione si procederà contemporaneamente e tutto in una volta alla stesura dell’interrogatori, delle rogatorie, e delle scritture atte a certifica’ lo soprannome chiesto e poi concesso.

Si sappi per il momenti solo questi dati dello ditto ALFREDO SOBRA: (Albo Free e D’Oro Soprannomi di Braccagni)

NUMERO ATTUALI ISCRITTI CERIFICATI n. 176
ORDINE DEGLI ALIMENTI FRUTTA E VERDURA N. 13
ORDINE DEGLI ANIMALI N. 13
ORDINE DEI POLITICI N. 6
NOMI SPIRITOSI E DI FANTASIA: LA STRAGRANDE MAGGIORANZA
INZIALI PIU’ RICORRENTI:
la B, la C e la P, con n. 24 soprannomi ciascuna
è ben nota una famiglia i cui fratelli erano in paese conosciuti quasi esclusivamente solo con il loro soprannome!!!!!!!!!!!!!!
Ci sono poi i frequenti casi di soprannomi che vengono trasmessi di padre in figlio, o paro paro, o con il diminutivo di circostanza………………

Aspetto riscontro da Carolina o da altri amanti della nobile arte et congrega del soprannome

Possano contattarmi tramite il blog per porre ogni tipo di richiesta

e prima di chiudere una considerazione: io non conosco la zia di Carolina, ma chi gli ha dato un soprannome così: “AGONIA” , meriterebbe come minimo un monumento, ma no di quelli del Mazzo!!!!

 

Archiviato in: LA CULTURA

Tag:

RSSCommenti (0)

Trackback URL

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.