Mostra di colombi viaggiatori

Foto Claudi Longobardi

Foto Claudi Longobardi

Sabato 6 dicembre 2008 presso l’ex-asilo di Braccagni Mostra di colombi viaggiatori organizzata dalla Soc. Colombofila Grossetana (referente per Braccagni Enrico Galli). Inaugurazione ore 13,00.

Archiviato in: LA VITA DI PAESE

Tag:

RSSNumero commenti (18)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. redazione ha detto:

    E’ bene precisare che la Mostra sarà aperta anche domenica 7 dicembre.

  2. redazione ha detto:

    A proposito di colombi viaggiatori, ecco che arrivare una notizia dal giornale di oggi.
    In questi giorni le cronache locali (e non solo) si sono occupati di una grossetana, Angelica Bucalossi, rimasta in ostaggio per due giorni in un Hotel di Mumbai, in India.
    Finalmente è uscita dall’incubo, ed ecco il commento della sorella Beatrice: “E’ andata bene, ho già detto ad Angelica che appena torna in Italia le sequestrerò il passaporto. Il posto più lontano dove potrà andare sarà il nuovo Resort GUADALUPE che abbiamo inaugurato da poco a BRACCAGNI.
    E anche noi siamo contenti che la vicenda si sia conclusa nel migliore dei modi.
    Abbiamo approfittato indebitamente di questo spazio per mettere questa notizia che ci pare sicuramente importante.

  3. panciolle ha detto:

    Auguri alla concittadina rimpatriata illesa;
    però Guadalupe merita una considerazione critica, mi dispiace… ma la devo fare;
    c’è per la strada che porta alle villette e al residence una illuminazione degna di una grande città, proprio in mezzo alla campagna, mi chiedo se sia tutto normale, cioè se simile ‘inquinamento’ luninoso’ che da fastidio agli occhi, distrugge tutta la poesia della nostra campagna , contribuisce ad aumentare l’impossibilità di godersi il cielo notturno, mi chiedo se sia tutto normale… insomma io posso illuminare una strada di campagna come se fosse il raccordo anulare di roma?
    e mi chiedo.. ma chi compra una villetta in mezzo alla campagna o ci va a passare qualche giorno in un residence… ma che ci va a fare se poi è illuminato come il centro di una città… ?

  4. pizzicato ha detto:

    Confermo l’inquinamento che deriva da quella strada illuminata a giorno, anche ai miei occhi è una cosa che da fastidio, direi indecente per la mia campagnolità, se così si può dire.
    Altri fari che lanciano i loro strali negli occhi dei malcapitati sono quello della muccheria del concialini sulla via dei poderi novi venendo dalla stazione vecchia, quello di una casa in mezzo alla macchia sul poggio vicino a montepescali, di la dal composportivo che fu; poi c’è il fanalone delle ferrovie puntato diritto agli occhi sull’aurelia venendo dal calvello, e se non mi sbaglio pure casa al pino ha una illuminazione a raffica per la strada di campagna… ma lo sapete, mi rivolgo ai proprietari, che ci sono sistemi di illuminazione che si accendono e spendono al passaggio delle macchine e che costano quattro soldi, sono eficacio, fanno risparmiare petrolio e carbone, quindi meno inquinamento e soprattutto non accecano la gente normale?.. E rendono molto più simpatici chi li adotta …. meditate gente, meditate !!!.

  5. Nonsonodeltuttod’accordo ha detto:

    Con la redazione
    che, a parte la dovuta pubblicità a cotanto Resort (e vaiiii, ce l’avemo pure noi a Braccagni il Resort, tie!), pur che venga nominato il nome di Braccagni sarebbe disponibile anche a fallo mette sulla pubblicità di qualche preservatore

    con Panciolle
    pe l’accorato grido di dolore che dal cuor gli move pe lo spaventoso e inquinamento luminoso pe quattro lampioni che manco li cani ci piscieno ma lui ci’ha bisogno di vede’ il cielo proprio li: ma un ci potresti anna un po’ più in giù ad ammirallo, proprio prima della curva, che li di luce ce n’è poca ma di profumi sanguigni e corporali, quanti ne vuoi?

    Col Pizzicato,
    che parla comel Panciolle, che paiono gemelli, ma a lui poerino gli da noia le luci della muccheria e le mucche le farebbe anda’ a letto spengendogli la luce dopo Carosello, poi la casetta di Cappuccetto Rosso di Montepescali, poi il faro di posizionamento per UFO che vogliano attera’ a Braccagni, e poi Casa al Pino, e poi si perde nel nulla come ogni invitato alla celebrazione dei Cinqunat’anni. E in quest’orgia di sfrenate fantasie si augura che i proprietari mettano degli interruttori crepuscolari all’incontrario: si spengono quando uno gli passa davanti: ma te le inventi la notte queste barzellette, o te le mandano gli UFO?
    Lasciamo perde cosa pensa chi compra una villetta dove gli pare con i propri soldi il signor chetenefregaate, ma voi davvero che ti venga a di proprio a te se preferisce falla a luce accesa o luce spenta?

  6. panciolle ha detto:

    se fosse per me ci rimetterei i maiali come quando c’era Olinto…

    oh… tanto pe capissi, qualunque cosa ci sia ora, prima ci cacavano i maiali .. eccome…. si sentiva dal cimitero li vicino… vero che ora ci cacano l’omini e dal cimitero un si sente più la puzza, almeno questo di bono c’è…
    ma si vede un casino di tetti e tettini, e la sera un’altro mare di fanali e luci che una dietro l’altra sembrano ditti…. qui ci siamo noi, e un rompe le scatole con le tu fisse sull’inquinamento luminoso, fatti i caz…i tuoi… ma io me li faccio proprio i cazz…acci miei quanno dico quello che penso;

    a te ti sta bene che dove c’erano castri di maiali ora ci so delle villette, va beh….
    ma diciamolo senza farsi tanti problemi… sta cosa mi fa venì in mente come cantava Marasco delle cascine durante l’alluvione del 66:
    li dove c’erano tanti finocchi ora ci cantano tanti ranocchi….

    pe braccagni potrebbe diventà… li dove cacavano d’Olinto i maiali ora c’è un residence di quelli nostrali, e un gli di che si spreca la luce perchè finisce che ti mettono in croce

    sia chiaro, se trovassi la strada per fa le ville dove cereno i castri, lo farei pure io, al limite ci metterei qualche lampadina fori, e niente luci per la strada, userei il metodo BILLA pe trovà la strada di casa…
    conterei l’olivi della proda, quando il numero torna vol di che so arrivato… se un torna scenderei a vedè perchè… lui contò male e girò un olivo prima dell’incrocio… c’era la nebbia fitta e fini in fossa…
    altro che luci che un fanno vedè le stelle…

  7. Nonsonodeltuttod’accordo ha detto:

    guarda cosino che se il tu problema è di vede le stelle il metodo io ce l’ho:

    un bel pestone sul piede dove ci’hai il lupino e le stelle te le faccio vede anche in pieno giorno

  8. panciolle ha detto:

    questa è bona… ho smesso di ride dopo dieci minuti.. un bel modo pe comincià la giornata…. ma un’è per caso che c’hai comprato la villetta la dove un tempo……
    cantavano tanti ranocchi?…

    perchè vedi, io mica ce l’ho con nessuno, anzi, se ce li avevo pure io i soldi un appartaemntino me lo prendevo pure o, voi mette la soddisfazione di falla dove la facevano i maiali d’ olinto?.. certo veder la maremma svilupparsi così mi fa un pò paura, spero che un sia una cosa troppo diffusa quella di trasformare con la bacchetta magica (leggi alla mano per carità), una zona agricola per eccellenza, in un piccolo villaggio turistico che tra qualche tempo ptrebbe fa concorrenza a braccagni… già me la vedo la maremma da montepescali, tutta case e casette come le campagne napoletane, tutta tetti e fumaioli, tuttta stradine e giarddinetti… e le maremmane a spasso pelle strade come in india… la globalizzazione alla maremmana cane , insomma.

  9. Nonsonodeltuttod’accordo ha detto:

    te la ricordi la schiocciatura? ma voi che venga a fattene una a modo mio, vecchia maniera?

    perchè te mi pari ora quella chioccia che io volevo fa acchioccià e un mi riesciva, allora presi il bottiglione della marsalla all’ovo che mi davano da beve dopo l’ovo fresco di culo di gallina, e gnene feci beve un so quanto

    dopo si misi a sbarcolla’ e strambella’ giù pe campi, come fai ora te co tu discorsi a b. di padule

  10. biadone ha detto:

    ma che c’entrano i piccioni co’ i resort (RTA?)….. ci sono!!! Come i piccioni imbrattano le nostre piazze (non a Braccagni, per carità) i bei monumenti (idem) e così via, anche questi resort (RTA?) imbrattano la nostra bella Maremma, e così si continua a butta’ via il nostro territorio!

  11. redazione ha detto:

    Non si finisce mai di imparà: ho scoperto che al nord ci sono gli “attapirati” e in Maremma gli “acchiocciati”.
    Invece del tapiro d’oro si consegna la chioccia d’oro.
    Destinatario del primo premio Panciolle?

  12. panciolle ha detto:

    se è d’oro la prendo subito, se invece è vera la prendo lostesso, ma se è di plastica, dalla a chi ha costruito in campagna che ci fai più bella figura, un pò di coerenza non guasta…

    riguardo però al premio in se per se, mica male l’idea da una parte il premio sentinella, dall’altra il premio la chioccia… sta cosa è ‘ganza’ direbbe qualcuno ..

  13. Nonsonodeltuttod’accordo ha detto:

    a Biadone:
    un t’amballiccia’ lo stomaco, che i piccioni a caca’ in piazza a Braccagni un ci vengheno:
    pe forza A BRACCAGNI LA PIAZZA UN CE L’HANNO VOLSUTA DA’…………….

    alla redazione e a panciolle:
    ma voi mi parete un pochino malati: basta di sputa’ pe terra e il primo ci farebbe subito il premio allo “scracchio d’oro” mentre quell’altro ci farebbe subito una campagna anti alluvione di maremma
    calma regazzi, che ci so altre cose da pigliassela, va a fini che vi fate cianchetta da soli!!!

    Questo detto, a Napoli dicono:
    addò ‘i sta gusto on ci stà perdenza……………..

    in libera traduzione:
    si pagherebbe qualsiasi prezzo o si sopporterebbe qualsiasi sacrificio per dove c’è gusto, cioè per una cosa che ci piace

  14. biadone ha detto:

    un t’amballiccia’ lo stomaco? Questa mi manca!
    …Come i piccioni imbrattano le nostre piazze (non a Braccagni, per carità) i bei monumenti (idem) …

    Non mi riferivo certo al fatto che a Braccagni manca i piccioni!

  15. mattafirri ha detto:

    ‘un conosci “un t’amballicia’ lo stomaco”?
    Ahi, ahi…!

  16. panciolle ha detto:

    comunque io torno a ridì, chi ha messo delle luci in mezzo alla campagna che non hanno ragione di stacci, proprietà privata o meno, per me ha fatto male, le ritengo brutte e danno mi fastidio.
    Un’è na chioccia che mi ferma dal dire certe cose, però dalla reazione che c’è stata in redazione e da parte di altri, pare che sia un argomento tabù.. e questo mi incuriosisce ancor di più.. e mi porta a continuare a dire quello che penso, se quelle luci venissero spente o ci mettessero un dispositivo che costa quattro soldi che le fa accende quando uno ci passa vicino, sarebbe una scelta buona sia dal punto di vista estetico che di rispetto del territorio, oltre che delle esigenze di chi non ama vedere la campagna illuminata a giorno, peraltro poi il problema dell’inquinamento luminoso va di pari passo con quello del consumo di energia che occorre per tener accese le luci, salvo che non siano alimentate da pannelli solari o altri marchingengni tecnologici simili.

  17. redazione ha detto:

    Mentre la Mostra di colombi si sta concludendo con successo, dato che si è parlato di illuminazione nella campagna, mi è capitato sotto mano un articolo de Il Tirreno dove c’è scritto:
    “Alfio Cavoli “Manciano è un territorio ricco, oggi con tutti questi agriturismi. A Natale con le luminarie sembrano tanti paesi diversi sparsi nelle campagne..” Ed il giornalista Emilio Guariglia scrive “Arcipelago di benessere, forse. O forse moderni simboli di un’identità sull’orlo di smarrirsi. Sia lode a chi, come Alfio Cavoli, ancora si affanna ostinato a far barriera su quel cupo precipizio”.

  18. Nonsonodeltuttod’accordo ha detto:

    a me mi sembrano du’ belle frasi

    solo che ci’ho un problemino: non ho capito mica tanto bene che morale c’è……………
    che voi di’, o che volevano di’?

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.