Concerto di Natale della Corale Livallia

La Corale Livallia (Foto Longobardi)

La Corale Livallia (Foto Longobardi)


Alla presenza delle autorità il giorno 21 dicembre 2008 ore 15,30 presso l’ex-asilo Concerto della Corale Livallia, nel corso del quale saranno celebrati i 30 anni di attività.

30 anni di Canto Corale
Nata all’ombra del campanile e per le esigenze liturgiche della Parrocchia di S. Guglielmo di Braccagni, la Corale Livallia inizia la sua attività il giorno dell’Immacolata del 1978 in occasione dell’inaugurazione dell’organo della chiesa ad integrazione del concerto del Maestro Giustarini di Siena. Fin dalla sua venuta a Braccagni da Borgo Carige (Capalbio), il Parroco, Don Luigi Corsi, fondatore e Direttore della Corale, aveva cercato di riunire un gruppo di persone che potessero allietare con il canto le celebrazioni domenicali, poi, visti i risultati davvero incoraggianti e l’interesse che tale attività incontrava in paese, cercò di ampliare il numero dei cantori così, con l’ingresso di alcune voci maschili, nacque la polifonia a Braccagni.Il trend di crescita raggiunse il suo apice con la costituzione della sezione voci bianche formata dai ragazzi delle scuole elementari e medie fino a raggiungere il numero di 70 elementi che per una frazione come Braccagni di un migliaio di abitanti era davvero molto. Le richieste di servizi anche fuori parrocchia, le riuscite esibizioni e gli unanimi apprezzamenti, nonché l’iscrizione della Corale all’Associazione S. Cecilia, hanno fatto conoscere sempre di più la Livallia per cui sono incominciati ad arrivare gli inviti oltre che dalle zone limitrofe anche da più lontano, comprese partecipazioni a rassegne e concorsi riservati alle Scholae Cantorum della Toscana e fuori regione. Ma, per una Corale nata all’ombra del campanile, il culmine era quello di cantare a S. Pietro e nel 1982 arrivò il primo invito a cantare nella più importante Basilica della Cristianità la S. Messa Capitolare, quella celebrata cioè dai membri del Capitolo Vaticano e, l’anno successivo, il 5 Giugno 1983, a cantare in esclusiva, come Coro Guida, la S. Messa celebrata dal Sommo Pontefice in piazza S. Pietro nell’ambito dell’ Anno Santo Straordinario per una delle celebrazioni ufficiali , quella del Giubileo degli Infermi. Nei trenta anni di attività, altre volte la Corale si è esibita a Roma, a S. Pietro, ma anche a S. Maria del Popolo e poi a Firenze, a Siena in occasione del Convegno Eucaristico e a Montecatini oltre che nelle chiese di quasi tutte le Parrocchie delle Diocesi di Grosseto, di Pitigliano e Sovana e di Massa Marittima.

Archiviato in: LA VITA DI PAESE

Tag:

RSSNumero commenti (26)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. redazione ha detto:

    Fra i tanti appuntamenti che ci attendono nei prossimi giorni, segnaliamo il 17 dicembre alle ore 17,30 in Circoscrizione, dove con l’Assessore Canuti si parlerà di regolamento urbanistico e altro, dove sono possibili osservazioni.

  2. redazione ha detto:

    ARRIVA BABBO NATALE
    Il 21 dicembre 2008 verso le 15,30 nella piazzetta del nuovo centro commerciale a Braccagni arriva Babbo Natale a bordo di un calessino trainato da ciuchi. Porterà doni ai più piccini e un piccolo buffet ai più grandi.

  3. armigero ha detto:

    L’arrivo di Babbo Natale il 21 dicembre 2008 coincide con il concerto della Corale Livallia.
    D’accordo che ci attendono molti appuntamenti, ma sarebbe meglio non si sovrapponessero.

  4. Roberto Spadi ha detto:

    Ragazzi, Babbo Natale arriva un pò quando gli pare…

  5. Nonsonodeltuttod’accordo ha detto:

    questa mi sembra un pelino “osè”

  6. anarchico ha detto:

    i preti devono fare i preti.

  7. bugigattolo ha detto:

    si e gli anarco come te te dovrebbero farsi le canne e basta .. nn scrivere su questo blog

  8. bugigattolo ha detto:

    poi che credi che sia lui il male del paese ??
    noooo il fatto che un ci sia collaborazione tra i paesani l’he peggio …

  9. Nonsonodeltuttod’accordo ha detto:

    certo con questi ultimi interventi avete alzato il livello generale del discorso fino ad altitudini da vertigini

    bravi: mi sembra di respirare sul tetto del mondo!

    complimenti!

  10. redazione ha detto:

    Ho visto gli ultimi interventi: non ci costringete a mettere la moderazione sui commenti. Si può esprimere le proprie idee ma avere il rispetto delle persone, soprattutto quando non ci si firma.

  11. redazione ha detto:

    In merito all’incontro del 17 dicembre 2008 in Circoscrizione, ecco la nota del Comune.
    Insieme per progettare la Città.
    Si porta a conoscenza che nelle prossime settimane riprenderanno gli appuntamenti del percorso partecipativo che accompagna la formazione del Regolamento urbanistico di Grosseto. Nei mesi precedenti si sono svolti alcuni incontri preliminari con lo scopo di definire il quadro dei problemi e delle aspettative riferito alle associazioni di categoria, agli ordini professionali, ai cosnigli circoscrizionali, alle associazioni della società civile e ad alcuni comitati spontanei del territorio. I prossimi incontri saranno organizzati all’interno di un Forum itinerante aperto a tutti i cittadini, e introdurranno una nuova fase di lavoro che potrà toccare le diverse realtà territoriali e costruire con gli abitanti, a partire da una discussione sulle criticità e sulle risorse, le prime proposte per la trasformazione della città e del territorio. Il Forum attraverserà il territorio di Grosseto e durante gli incontri si discuteranno proposte e progetti con l’aiuto di esperti e secondo una modalità interattiva che consentirà a tutti i partecipanti di esprimere le proprie posizioni e confrontarle con quelle degli altri e verranno affrontati i temi del paesaggio e dell’agricoltura, del centro storico e delle periferie, dello spazio pubblico, delle strategie di recupero, etc..
    Si confida nella partecipazione.
    Gli Assessori: Simone Ferretti Moreno Canuti

  12. redazione ha detto:

    Continuano gli appuntamenti natalizi:
    sempre domenica 21 dicembre 2008 alle ore 15,30 nei locali dell’ex-asilo saranno festeggiati dal Centro di Promozione Sociale “Gli Anta” coloro che nel corso del 2008 hanno compiuto 80 anni (questo anno non ci sono 90enni); questo nel corso del Concerto di Natale della corale Livallia.
    Al termine sarà offerto agli intervenuti il solito rinfresco.

  13. redazione ha detto:

    In estrema sintesi, si può sapere dall’incontro ieri sera in Circoscrizione tra i nostri assessori comunali e la cittadinaza di Braccagni cosa è emerso? C’è stata partecipazione popolare?

  14. redazione ha detto:

    Oggi il cuore di Braccagni era all’ex asilo dove si festeggiavano i 30 anni della Corale Livallia. Alla presenza del Vescovo Mons. Agostinelli, è stato davvero un bel pomeriggio, che la popolazione ha dimostrato di gradire ed apprezzare. Suggestiva l’esibizione della Corale Livallia, ed una cosa che ci ha colpito è che erano in molti tra il pubblico ad accompagnare con i movimenti della bocca le canzoni della Corale.
    Gran Cerimoniere Bruno Terzo (Presidente degli “Anta), che tra il primo e secondo atto dell’esibizione ha consegnato una targa ricordo agli ottantenni. Tra questi Giocondo Storai il quale, indovinate un po’, ha voluto ringraziare a modo suo, con una ottava rima. Bruno poi ha voluto chiamare e ringraziare quelle donne che, dietro le quinte preparano, cucinano, e anche oggi hanno fatto trovare un delizioso e ricco rinfresco.
    Naturalmente anche noi ci associamo nel complimentarci con la Corale Livallia per i suoi 30 anni di attività, 30 anni di canto corale dietro il quale ci sono innumerevoli serate fatte di “prove” e di impegno condiviso per il bel canto.
    In un paese come Braccagni dove sono davvero poche le iniziative che reggono all’usura del tempo, una plauso particolare vada alla Corale ed a Don Luigi, insieme alla mia personale stima e ammirazione.

  15. Roberto Spadi ha detto:

    Sul bellissimo concerto della corale ho poco più da dire, forse avrei allungato un po’ il programma, però i tempi sono quelli e non ci si può fare niente.
    Ci sarebbe molto da fare invece per insegnare un po’ di educazione a noi braccagnini che magari non abituati ai concerti e si fa un po’ troppo casino, quindi per la prossima volta prepariamoci a rispettare chi si esibisce e chi, appassionato del genere, vuole godersi l’ esibizione.
    Un’ultima nota sulla consegna delle targhe agli ottantenni, sono rimasto colpito dall’ovazione che è toccata a Urio, che “dovendo” ritirare la targa dalle mani del Vescovo faceva lo sciolto ma si vedeva che era emozionato e frastornato.

  16. redazione ha detto:

    In effetti nel commento precedente ho mancato di sottolineare il boato quando è toccato a Urio Massetti ricevere dalla mani del Vescovo la targa. Per quanto riguarda il vocìo delle persone durante l’esibizione della Corale anche quello c’è stato, anche se c’è da dire che la disposizione nelle due stanze separate non aiutava molto a mantenere il silenzio.

  17. nonsonosindachessa ha detto:

    Devo veramente sottolineare come le nostre comunità rispondono al Santissimo Natale, Montepescali ha organizzato un pranzo con gli anziani al quale hanno partecipato gli amministratori, Braccagni festeggiamenti per il 30° della Corale e per gli 80 anni dei suoi cittadini. Questa è la dimostrazione di come si vive nelle nostre realtà, ci piace condividere con tante persone le nostre gioie, ma si anche l’arrivo di Babbo Natale sul calesse, abbiamo visto questa nostra nostra gente per dare ad altri momenti di gioia, bene questo è ciò che preferiamo, la collaborazione per realizzare i nostri progetti. Ha ragione Roberto spadi, dobbiamo imparare a non urlare troppo quando ascoltiamo la musica, soprattutto che musica, che voci, non diamo tutto per scontato, il nostro coro non è insignificante, cantano con molta professionalità anche in situazione di disagio dovuto al luogo che non è una sala di registrazione, nonostante tutto hanno saputo dimostrare la loro professionalità e bravura. per quanto riguarda gli applausi prolungati alla consegna di alcune targhe, a Evelina o meglio Ivelma, ad Urio Massetti,era inevitabile non farlo, loro sono dei grandi del paese! Urio forse avrebbe preferito Il Sindaco o la Vicesindaco? ma no! è stato felicissimo che sua Imminenza il Vescovo sia stato gratificato di premiare per i suoi 80 anni, Urio è un uomo attuale e sa benissimo che non succede nulla ad avvicinare uomini di fede! ha 80 anni, ma non è antico! è un progressista. No ci dobbiamo dimenticare il motore di questa ben riuscita festa, che è “IL CENTRO GLI ANTA”, a Bruno Terzo dobbiamo dire di continuare con questi ritmi, complimenti di averci regalato un bel pomeriggio importante!

  18. pizzicato ha detto:

    hai detto bene, per Urio si trattava di ‘Sua Imminenza’ non ‘Sua Eminenza’… io non c’ero però son sicuro che mi son perso una bella festa. Auguri a tutti i braccagnini, dl paese e della campagna, e a tutti i montepescalini.

  19. redazione ha detto:

    Il Centro di Promozione Sociale “Gli Anta” augura Buon Natale e felice anno,con questa dedica:
    Il Denaro
    Può comprare una casa
    ma non un focolare,
    può comprare un letto
    ma non il sonno,
    può comprare un orologio
    ma non il tempo,
    può comprare un libro
    ma non la conscenza,
    può comprare una posizione
    ma non il rispetto,
    può pagare un dottore
    ma non la salute,
    può comprare l’anima
    ma non la vita,
    può comprare il sesso
    ma non l’amore.

  20. Ganascia ha detto:

    un è pe esse veniali, però comprassi:

    una casa!
    un letto!!
    un orologio!!!
    un libro!!!!
    una posizione!!!!!
    un dottore!!!!!!
    un’anima!!!!!!!
    e pure il sesso!!!!!!!!

    beh coi tempi che corrano, un è mica poi così da butta via………….

  21. bruno terzo ha detto:

    Innanzi tutto voglio ringraziare per quanto è stato scritto sul Centro di Promozione Sociale Gli Anta, che ho l’onore di presiedere, circa la manifestazione di domenica 21 Dicembre. Cerchiamo di fare del nostro meglio.
    Ora desidero fare alcuni considerazioni su quanto nei vari argomenti è stato scritto .
    Innanzi tutto voglio esternare il mio disappunto, ovviamente è un mio punto di vista, infatti, quando si interviene con scritti e non si firmano ricorrendo a pseudonimi più o meno riconoscibili, mi sa tanto di lettera anonima che non riesco proprio a condividere e non mi si venga a dire che altrimenti chi scrive viene etichettato secondo le sue idee politiche, religiose, ecc. siccome ci conosciamo tutti, perché è proprio una cavolata.

    QUESTIONE PER CHI SUONA LA CAMPANA

    Sono nato a Braccagni, ho vissuto per anni vicino al passaggio a livello e il suono della campana di questo, se non altro per il numero di volte al giorno, era molto più fastidiosa della campana che suona alle 6.30 a mezzogiorno e alla sera.
    Il suono di questa ha scandito e continua a scandire l’incedere della vita a Braccagni. Quanto andavo a scuola era il mio punto di riferimento per iniziare la giornata e, quando fu messa per la prima volta l’ora legale, siccome le 6.30 a orario di sole erano le 5.30 fu spostato il suono alle 7 ci fu una petizione popolare, agli atti presso la parrocchia contenente circa 500 firme, per il ripristino della suonata alle 6.30. A mezzogiorno, siccome siamo in campagna, era il segnale inequivocabile per il pranzo e la sera segnava la fine della giornata lavorativa.
    Mi dispiace che, per quel signore che ha sollevato il caso, questo sia un problema, fortunatamente l’unico, ma così è. Mi viene in mente un aneddoto cui ho assistito in una località di villeggiatura, dove un turista si lamentava perché non riusciva a trovare cose particolari cui ovviamente era abituato, offendendo la località dove si trovava dicendo “in questo c….o di paese non c’è niente” . Gli si avvicinò un vecchio del luogo e gli chiese con fare gentile che gli mostrasse il telegramma. Questo, incavolato, gli replicò chiedendo di che telegramma parlasse e il vecchio a sua volta lo apostrofò indicando il telegramma con il quale era stato chiamato a fare le ferie in quel paese .
    Per il futuro se c’è qualcuno che deve vendere una casa nelle vicinanze della chiesa è bene che nella vendita specifichi anche l’orario del suono delle campane.

    CONCOMITANZA TRA L’ARRIVO DI BABBO NATALE, LA FESTA DEGLI 80ENNI E DELLA CORALE E IL PRANZO DEGLI ANZIANI A MONTEPESCALI

    Per il futuro per la buona riuscita delle manifestazioni che si svolgono nella circoscrizione forse , nell’interesse di tutti, è bene evitare accavallamenti, come suggerito anche dal sig. armigero.

    BIGLIETO DI AUGURI DEL CENTRO GLI ANTA

    Vorrei replicare al Sig. Ganascia spiegando che il senso di quanto scritto circa il danaro è quello di evidenziare che oltre gli aspetti materiali ci sono altre cose.

    REPLICA AL SIG. ANARCHICO

    Non so con chi l’abbia quando scrive
    “tutti a zappà”
    e
    “i preti devono fare i preti”
    perché se scrive circa l’accavallamento della festa degli 80enni e della corale, forse è bene che sappia che da oltre un mese avevo mandato gli inviti a contattato le persone da festeggiare, chiedere a Urio Massetti.

  22. Gra Gra Gra ha detto:

    Tanto tono’ che piovve! Oppure: meglio tardi che mai!

    Quando scende in campo un peso massimo come il “Popi” tutti in piedi! Io per primo e, se non mi brucia nessuno sul tempo, vorrei essere io il primo a dargli il benvenuto.

    E allora non perdo tempo ed entro subito in argomento.

    QUESTIONE PSEUDONIMO

    Prova a vederla così:
    1. potrebbe invece proprio essere una questione di democrazia, non a caso esistono per esempio le votazioni palesi e le votazioni segrete per le quali non mi metto di certo a farti lezione a te sull’enorme differenza. Secondo la mia opinione, evidentemente diversa dalla rispettabile tua, esiste il concreto rischio che ti diano torto o ragione perché si sa che sei di una certa parte politica! E questo te l’assicuro io per esperienza personale.
    2. se poi sono più o meno riconoscibili, prendilo come un innocuo gioco, perché una cavolata: in fondo a chi fa male? Se qualcuno sconfina nell’osceno, nell’offesa e quant’altro non permesso c’è la Redazione che può sempre intervenire!

    Resta il fatto, ovvio ma lo voglio confermare, che non sono d’accordo con te, ma rispetto la tua idea: anche questo mi pare coerenza e democrazia.

    QUESTIONE PER CHI SUONA LA CAMPANA

    Sostanzialmente la penso come te. Vorrei tuttavia dire la mia. Forse tutti ci hanno ricamato e giocato sopra l’argomento, più o meno scherzosamente, più o meno dicendo cose giuste e qualche bischerata.
    Intanto io farei una precisazione fondamentale tra quello che si pensa e quello che è in realtà.

    Se a te, come a molti altri, scandisce la vita quotidiana con la sveglia della mattina come l’ora del pranzo (ricordi che si diceva che quando suonava la campana a mezzogiorno il muratore lasciava cadere di mano il mattone che stava murando) e quella della sera, tutto questo non vuol dire che il suonare della campana serve a ricordarci qualcosa. Appunto la sveglia, il desinare di mezzodì o la sera. Siamo noi che gli diamo, se vogliamo, questo significato. Ma il perché e il per come, secondo me, è tutto un altro.

    Il perché è che le tre suonate sono per l’Angelus che la Chiesa suona in virtù della propria liturgia consolidata e in virtù dei patti che questa ha con lo Stato Italiano e che vanno sotto il nome di Concordato, quello originario e quello più recente.
    Non credo proprio che esita una legge dello Stato Italiano che autorizza la Chiesa a suonare la sveglia a chicchessia, ma esiste un accordo di legge con la Chiesa, con tanto di articoli di legge e quant’altro, che gli permette di svolgere le proprie funzioni entro limiti e regole ben stabilite.

    All’interno di queste, se appunto rispettate, nessuno fuorché l’Autorità Ecclesiastica, può dire alla Chiesa suona alle 7 o suona alle 6 e 30. Può ovviamente intervenire chiunque se va fuori di questi accordi. Per esempio se suona per 5 minuti alle 6 e 30, cosa che NON E’ MAI SUCCESSA A BRACCAGNI, nonostante qualche giocherellone l’abbia detto, o metta degli amplificatori che emettano un suono che va ben la di là del normale suono di una campana.

    CONCOMITANZA………..
    Sono talmente d’accordo che non spreco spazio e tempo

    BIGLIETO DI AUGURI DEL CENTRO GLI ANTA
    Io non conosco il Sig. Ganascia, ma quando l’ho letta la cosa mi ha fatto fare un sorriso di gusto. E’ così difficile da fare di questi tempi, per cui sono propenso a credere che anche lui lo volesse fare in tono “leggero” e sorridendoci sopra.
    Tanto per dire: il tuo bigliettino è saggio e appropriato, ma io il manifesto del Ganascia lo firmerei!

    REPLICA AL SIG. ANARCHICO
    Di bischerate in qua e la vengano dette, e non tutte devono essere sottaciute, come tutte non debbono essere rintuzzate. Ma il bello del blog vedrai, ora che sei arrivato, è proprio questo: l’autodisciplina, il buon senso, la misura, il rispetto, insomma, come piace dire al regista di questa bella baracca, al G.F., in questa PIAZZA VIRTUALE DI BRACCAGNI

    Stavo per firmare con il mio nome e cognome, tanto per darti il rispettoso e fraterno benvenuto, poi ho ripensato che tanto secondo te ci conosciamo tutti e quindi mi firmo col mio nome di provenienza

    Ciao, e di nuovo benvenuto dal tuo affezionato

    Gra Gra Gra

  23. miranda ha detto:

    vorrei ringraziare a nome della Corale Livallia tutti coloro che hanno condiviso con noi il pomeriggio del 21/12 u.s. E’ stata “una grande festa di famiglia”! Questo è lo spirito che ha sempre contraddistinto la Corale nei suoi 30 anni di vita! Vorrei inoltre far presente che in occasione della festa sono stati realizzati 3 CD contenenti 50 brani polifonici di repertorio, estrapolati dalle migliori registrazioni di esibizioni e concerti della Corale Livallia. Chiunque fosse interessato ad averne copia può fare riferimento a don Luigi o a Miranda. E’ richiesta un’offerta minima di 10,00 Euro, a copertura dei costi di realizzazione. Ancora grazie a tutti coloro che ci apprezzano e naturalmente a don Luigi che ha reso possibile una realtà bellissima di cui Braccagni può veramente andare fiera.

  24. redazione ha detto:

    La redazione sottoscrive sedutastante l’acquisto dei CD.

  25. redazione ha detto:

    Continuano gli appuntamenti per le feste: dopo i festeggiamenti di fine anno, tra i quali segnaliamo quello organizzato dagli Anta all’ex-asilo a cui hanno preso parte un’ottantina di persone con un succolento cenone, e un altro a cui hanno partecipato una cinquantina di braccagnini in un agriturismo di Ribolla (e siamo stati veramente molto bene); il 3 gennaio sempre gli Anta hanno organizzato nel centro la tombola.
    L’evento clou che terminerà le feste sarà la manifestazione della befanata.

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.