Braccagni(Gr): la Fiera del Madonnino dal 23 al 26 aprile 2009

    

la 31° Fiera del Madonnino 2009
chiude con una grande folla

Archiviato in: LE MANIFESTAZIONI

Tag:

RSSNumero commenti (43)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. moderator ha detto:

    Dopo lunga attesa e tanti rinvii questa sembra essere la volta buona: il centro fiere al Madonnino potrebbe divenire realtà con il taglio del nastro della 31’ edizione dell’omonima Fiera che si terrà dal 23 al 26 aprile.
    Grossetofiere Spa ha infatti annunciato che la manifestazione di fine aprile sarà molto probabilmente ospitata proprio nella nuova struttura consentendo dunque alla spa grossetana di disporre di locali e attrezzature idonee a svolgere le sue attività. I lavori da parte dell’amministrazione comunale sono ancora in corso in questi giorni per cercare di rendere fruibili a breve gli spazi esterni per ospitare il grande e importante evento che ormai ha assunto carattere nazionale. Un appuntamento che, come afferma Grosseto-fiere, si preannuncia ancora una volta con un boom di espositori che hanno praticamente ormai saturato le aree a disposizione.
    “Questo anno ampi spazi e nuovi contenuti – è scritto in una nota di Grossetofiere – contribuiranno a rinnovare il forte entusiasmo tra aziende e visitatori. Ed è proprio una straordinaria affluenza di pubblico che si attende la Spa maremmana, per un’edizione che dovrà contrassegnare il concludersi di una fase di sviluppo e l’apertura di una nuova pagina di “storia” che vedrà Grossetofiere espandere le proprie attività in diversificati settori, mutando al contempo anche il modo di pensare e di operare”.
    A conferma di quanto ricordato – sostiene Grossetofiere – va sottolineato anche l’alto numero di domande di imprenditori (locali e non) che ad ogni nuova edizione Grossetofiere è costretta a rifiutare per mancanza di stand disponibili, e al tempo stesso la presenza nei giorni della fiera di operatori concorrenti che, proprio qui al Madonnino, giungono con l’obiettivo di analizzare nuovi contatti”.
    Per info telefonare allo 0564/418783

  2. armigero ha detto:

    Mah…oggi è il primo di aprile… speriamo bene.

  3. Nello ha detto:

    Ben vengano i nuovi padiglioni, ma in soldoni al paese cosa viene? Escluso il normale intasamento viario con escursioni di Kilometri per fare 500 m, penso che non venga altro.
    Qualche posto di lavoro per i nostri giovani ad esempio sarebbe molto più gradito di paginate sulla stampa locale.

  4. roberto ha detto:

    Speriamo che qualche posto di lavoro lo porti , il nuovo centro Fiere. Cmq, a proposito, stasera la televisione ha detto che ci saranno una sessantina di nuovi posti di lavoro nella vicina zona industriale (mi viene da pensare all’ambientalista Patrick: d’improvviso si trova circondato da aree fieristiche, industriali, con un autostrada in arrivo!). A parte questo, è ovvio che l’importanza per la nostra zona della Fiera del Madonnino non si misura in posti di lavoro. Sono molti del circondario che fanno affari con la fiera, e poi avere un evento così rinomato non può che far bene alla nostra zona, contribuendo a farla conoscere. Anzi, se si dovesse fare un sondaggio (un altro!) per vedere ciò per cui Braccagni è più conosciuto in giro, sarebbe proprio la Fiera del Madonnino (dato che non ci sono più i Magazzini Pino!). Poi, secondo me, Braccagni è conosciuto per:
    la Festa del 1 Maggio
    la squadra di calcio
    il ristorante Bernasconi/Mascelloni.
    Correggetemi se sbaglio.

  5. 2 correzioni 2 ha detto:

    se sono molti del circondario che fanno affari con la fiera non lo so, ma so con certezza chi li fa davvero, non quelli generici riportati a ciclostile dalla stampa o dalla tv, ma quelli reali: i banchi della porchetta

    secondo me Braccagni è assai famoso anche per l’insostituibile sollazzo del mitico passaggio a livello
    pe la serie: il mal volsuto unn’è mai troppo

  6. moderator ha detto:

    Quella del passaggio a livello è un’altra storia, appartenente ad un’altra classifica, ossia: “Le tre cose che non sopporti di Braccagni”.

  7. IMPERTINENTE ha detto:

    forse il famigerato PASSAGGIO A ALIVELLO si merita le due cassifiche perchè Roberto voleva elencare

    “PER COSA E’ CONOSCIUTO BRACCAGNI”
    chi è rimasto anche una sola volta fermo in dolce attesa se ne ricorda poi, se ne ricorda

    per quanto riguarda le TRE COSE CHE NON SOPPORTI A BRACCGNI non conosco la classifica completa, ma provo a stialrla io:

    1° IL PASSAGGIO A LIVELLO
    2° IL PASSAGGIO A LIVELLO
    3° IL PASSAGGIO A LIVELLO

  8. Nello ha detto:

    Io intendevo il Centro fiere e non specificatamente la “Fiera del Madonnino”, quella è sempre stata fatta lì (nel fango perchè normalmente piove), l’unica volta che l’hanno spostata è stata un fiasco.

  9. redazione ha detto:

    Alla Fiera una sezione dedicata alla nautica

    Gira a pieno ritmo la macchina organizzativa della Fiera del Madonnino, uno degli appuntamenti più importanti a carattere economico e commerciale della Toscana. L’edizione n.31 si arricchisce di nuovi contenuti, ospitando per la prima volta un settore dedicato alla nautica. Un evento nell’evento” che ha suscitato da subito l’interesse di tante aziende, consapevoli dell’opportunità che Grossetofiere offre loro.
    Per info 0564/418783

  10. COMUNICATO STAMPA ha detto:

    riceviamo e volentieri pubblichiamo:

    Sabato 18 aprile alle ore 10,30, nella sede di Grossetofiere Spa, via Mameli 17 a Grosseto, si terrà la conferenza stampa per la presentazione ufficiale della 31a edizione della Fiera del Madonnino che si terrà dal 23 al 26 aprile a Braccagni.

    Nel corso dell’incontro il presidente Saimo Biliotti assieme allo staff di Fimar illustrerà i dati che caratterizzano questa edizione, novità, iniziative a margine dell’esposizione e il programma per i prossimi eventi.

    Sarà inoltre reso noto il programma delle iniziative per l’inaugurazione del nuovo centro fiere che avverrà venerdì 24 alle ore 17,30.

    Tutti gli organi di stampa sono invitati a partecipare

    Ufficio Stampa Fimar Spa

  11. Cipriani Monica ha detto:

    Ma Saimo non aveva ceduto la presidenza a un altro di cui adesso mi sfugge il nome oppure o letto male il giornale?

  12. redazione ha detto:

    Filiera Corta”, sbarca alla Fiera del Madonnino

    50 aziende locali promuoveranno nel Nuovo Centro Fiere il meglio della produzione agroalimentare locale. Degustazioni guidate gratuite di vini della nostra terra

    Braccagni: La 31a edizione della Fiera del Madonnino ospiterà nei cinque giorni di apertura (23-26 aprile, nuovo centro fiere a Braccagni) un nuovo ed interessante progetto per la valorizzazione dei prodotti agricoli toscani.

    “Filiera Corta”, è questo il titolo dell’iniziativa promossa dalla Regione Toscana con il coordinamento e la supervisione del settore Sviluppo Rurale della Provincia di Grosseto con l’obiettivo di attivare un processo virtuoso, finalizzato all’avvicinamento degli attori della filiera, alla creazione di eventi locali in grado di attrarre turisti e consumatori interessati alle peculiarità agroalimentari del territorio.

    Dal 23 al 26 aprile il secondo piano dell’edificio espositivo del nuovo centro fiere ospiterà dunque una cinquantina di aziende produttrici che metteranno in vendita direttamente prodotti agroalimentari di qualità, favorendo al tempo stesso la conoscenza delle peculiarità e delle caratteristiche che li contraddistinguono.

    L’iniziativa, che verrà ripetuta una volta al mese in diversi comuni della provincia, contribuirà ad avvicinare il consumatore, in modo consapevole, ai prodotti della sua zona, agevolarne il consumo e al tempo spesso consentirà di aumentare le sinergie e le opportunità di offerta, ottenendo al tempo stesso lo scopo di aumentare il flusso di turismo enogastronomico verso le zone rurali e i loro mercati e punti vendita incentivando indirettamente tutte le attività degli altri settori produttivi presenti.

    E sempre in tema di produzioni locali da sottolineare anche l’iniziativa in programma sabato 25 e domenica 26 quando nel centro direzionale del Centro Fiere si terranno alcune degustazioni guidate gratuite di vini locali condotte da sommelier professionisti. Un settore, quello enologico della Maremma, che negli ultimi anni ha subito una forte accelerazione ed ha acceso vasti interessi anche da parte di affermati imprenditori nazionali. Un aspetto che Grossetofiere intende nel futuro valorizzare.

    Tutto questo rappresenterà per la Fiera del Madonnino un valore aggiunto di notevole spessore che non potrà che essere accolto con entusiasmo dalle migliaia di visitatori che come ogni anno varcheranno i cancelli della manifestazione che saranno aperti dalle 9 alle 18.

    La segreteria di Grossetofiere è a disposizione per fornire informazioni e può essere contattata allo 0564/418783 (fax 0564/425278).

  13. COMUNICATO STAMPA ha detto:

    riceviamo e con piacere pubblichiamo:

    31° Fiera del Madonnino 23-26 aprile 2009
    XXIV^ Mostra Nazionale dei Bovini di Razza Chinina
    Iscritti al Libro Genealogico
    24-26 Aprile, Fiera del Madonnino, Braccagni (GR)

    Dal 24 al 26 aprile la Fiera del Madonnino ospiterà la XXIV Mostra Nazionale dei bovini di razza Chianina iscritti al Libro Genealogico Nazionale.

    La mostra, organizzata dall’Associazione Nazionale Allevatori Bovini italiani da Carne in collaborazione con Grossetofiere, l’ Associazione Provinciale Allevatori di Grosseto e le altre Associazioni Allevatori di razza Chianina, la Regione Toscana, la Camera di Commercio di Grosseto, il Consorzio Agrario di Grosseto, potrà contare sulla presenza di circa 160 riproduttori, provenienti dalle migliori aziende delle province di Perugia, Livorno, Pisa, Grosseto, Firenze, Siena e Arezzo, giudicati da Antonio Chiavini, Esperto Nazionale e tecnico del Centro Genetico dell’Anabic.

    Le valutazioni morfologiche del bestiame si terranno nel pomeriggio di venerdì e nella giornata di sabato.

    Nella mattina di domenica, alle ore 10, si terrà la tradizionale asta di manze Chianine, scelte tra le migliori classificate delle categorie giovani.

    La domenica pomeriggio sarà dedicata alla parata finale dei primi classificati e alla proclamazione dei Campioni Assoluti della manifestazione; a seguire si terranno l’assegnazione del trofeo “Lucio Migni” e del trofeo “Miglior Allevatore e miglior espositore dell’anno”, il Concorso Gruppi di allevamento e le tradizionali gare di abilità tra conduttori delle sezioni junior e senior.

    La segreteria di Grossetofiere è a disposizione per fornire informazioni e può essere contattata allo 0564/418783 (fax 0564/425278).

    Ufficio Stampa Fimar Spa

  14. - 1 AL VIA - 21.04.2009 ha detto:

    riceviamo e con piacere pubblichiamo:

    31° Fiera del Madonnino 23-26 aprile 2009
    Giovedì 23 ore 9 apertura dei cancelli

    La cerimonia ufficiale si terrà venerdì 24 alle 17,30 nel nuovo Centro Fiere

    Si lavora a gran ritmo nella nuova area del Madonnino di Braccagni dove sorge il Centro Fiere per rendere agibili e confortevoli le strutture che ospiteranno la 31° edizione della Fiera del Madonnino. Operai e standisti fianco a fianco rifiniscono stand ed installano gli ultimi cavi per presentarsi con il vestito della festa al grande pubblico.

    Le sei biglietterie (ospitate nel portale d’ingresso, unico per l’intera area) apriranno ai visitatori giovedì 23 aprile alle ore 9 con orario ininterrotto fino alle 18. La cerimonia di inaugurazione ufficiale, invece, si terrà venerdì 24 aprile alle 17,30 e coinciderà con il taglio del nastro del nuovo Centro Fiere. Saranno presenti tutte le autorità civili e religiose e l’evento sarà aperto al pubblico.

    E in occasione di questo particolare momento che rappresenta la svolta per Grossetofiere dopo quasi venti anni di attesa, nei giorni di sabato e domenica nell’area della mostra si respirerà aria di festa con la Fantomatik Orchestra, giocolieri e artisti di strada che intratterranno il pubblico.

    Come è ormai tradizione consolidata la prima giornata della Fiera vedrà nella mattinata la presenza di diversi operatori dei settori specializzati come agricoltura, edilizia, movimento terra, che dalle prime ore approfitteranno per tessere i primi proficui contatti con gli standisti.

    360 quest’anno le aziende partecipanti che trovano spazio nella nuova area con i settori che, più di altri, vedono ancora una volta crescere negli spazi espositivi, sono l’agricoltura, edilizia e movimento terra. Inoltre sempre più aziende artigianali ed industriali hanno inserito l’appuntamento di Grossetofiere tra quelli a cui è impossibile mancare, tanto da farlo entrare a far parte di quella schiera di avvenimenti a cui nessuno vuol rinunciare: gli standisti che hanno fatto dell’evento il mezzo ottimale per promuovere la propria attività, i visitatori che riscoprono ogni anno il piacere di conoscere le novità, fare acquisti e trascorrere una giornata curiosando tra bancarelle e stand.

    All’interno della vasta area espositiva si trova di tutto, dall’abbigliamento, alla zootecnia, dall’agro-alimentare alle attrezzature e articoli per il commercio, giardinaggio, casa, cucina, arredamento, hobbistica, fai da te, energia, trasporti, idraulica, terziario innovativo.
    Tra le novità di quest’anno il settore nautica che successivamente potrebbe trovare una sua precisa collocazione all’interno del palinsesto degli appuntamenti di Grossetofiere.

    Dal 25 al 26 aprile, invece, la Fiera del Madonnino ospiterà la XXIV Mostra Nazionale dei bovini di razza Chianina iscritti al Libro Genealogico Nazionale. La mostra, organizzata dall’Associazione Nazionale Allevatori Bovini italiani da Carne in collaborazione con Grossetofiere, l’ Associazione Provinciale Allevatori di Grosseto e le altre Associazioni Allevatori di razza Chianina, la Regione Toscana, la Camera di Commercio di Grosseto, il Consorzio Agrario di Grosseto, potrà contare sulla presenza di circa 160 riproduttori, provenienti dalle migliori aziende delle province di Perugia, Livorno, Pisa, Grosseto, Firenze, Siena e Arezzo, giudicati da Antonio Chiavini, Esperto Nazionale e tecnico del Centro Genetico dell’Anabic.

    Da ricordare anche che, come negli anni passati, Grossetofiere ha organizzato nei giorni dell’esposizione, il servizio di bus navetta dalle ore 9 alle 16,30 con cadenza oraria con partenza dalla stazione ferroviaria.
    Parcheggi gratuiti per i visitatori.

    Ufficio Stampa Fimar Spa

  15. Comunicato stampa 22 aprile 2009 ha detto:

    Comunicata stampa 22 aprile 2009

    31° Fiera del Madonnino 23-26 aprile 2009
    Giovedì 23 ore 9 apertura dei cancelli
    La cerimonia ufficiale si terrà venerdì 24 alle 17,30 nel nuovo Centro Fiere

    Si lavora a gran ritmo nella nuova area del Madonnino di Braccagni dove sorge il Centro Fiere per rendere agibili e confortevoli le strutture che ospiteranno la 31° edizione della Fiera del Madonnino. Operai e standisti fianco a fianco rifiniscono stand ed installano gli ultimi cavi per presentarsi con il vestito della festa al grande pubblico.
    Le sei biglietterie (ospitate nel portale d’ingresso, unico per l’intera area) apriranno ai visitatori giovedì 23 aprile alle ore 9 con orario ininterrotto fino alle 18. La cerimonia di inaugurazione ufficiale, invece, si terrà venerdì 24 aprile alle 17,30 e coinciderà con il taglio del nastro del nuovo Centro Fiere. Saranno presenti tutte le autorità civili e religiose e l’evento sarà aperto al pubblico.
    E in occasione di questo particolare momento che rappresenta la svolta per Grossetofiere dopo quasi venti anni di attesa, nei giorni di sabato e domenica nell’area della mostra si respirerà aria di festa con la Fantomatik Orchestra, giocolieri e artisti di strada che intratterranno il pubblico. Come è ormai tradizione consolidata la prima giornata della Fiera vedrà nella mattinata la presenza di diversi operatori dei settori specializzati come agricoltura, edilizia, movimento terra, che dalle prime ore approfitteranno per tessere i primi proficui contatti con gli standisti.
    360 quest’anno le aziende partecipanti che trovano spazio nella nuova area con i settori che, più di altri, vedono ancora una volta crescere negli spazi espositivi, sono l’agricoltura, edilizia e movimento terra. Inoltre sempre più aziende artigianali ed industriali hanno inserito l’appuntamento di Grossetofiere tra quelli a cui è impossibile mancare, tanto da farlo entrare a far parte di quella schiera di avvenimenti a cui nessuno vuol rinunciare: gli standisti che hanno fatto dell’evento il mezzo ottimale per promuovere la propria attività, i visitatori che riscoprono ogni anno il piacere di conoscere le novità, fare acquisti e trascorrere una giornata curiosando tra bancarelle e stand.
    All’interno della vasta area espositiva si trova di tutto, dall’abbigliamento, alla zootecnia, dall’agro-alimentare alle attrezzature e articoli per il commercio, giardinaggio, casa, cucina, arredamento, hobbistica, fai da te, energia, trasporti, idraulica, terziario innovativo.
    Tra le novità di quest’anno il settore nautica che successivamente potrebbe trovare una sua precisa collocazione all’interno del palinsesto degli appuntamenti di Grossetofiere. Dal 24 al 26 aprile, invece, la Fiera del Madonnino ospiterà la XXIV Mostra Nazionale dei bovini di razza Chianina iscritti al Libro Genealogico Nazionale. La mostra, organizzata dall’Associazione Nazionale Allevatori Bovini italiani da Carne in collaborazione con Grossetofiere, l’ Associazione Provinciale Allevatori di Grosseto e le altre Associazioni Allevatori di razza Chianina, la Regione Toscana, la Camera di Commercio di Grosseto, il Consorzio Agrario di Grosseto, potrà contare sulla presenza di circa 160 riproduttori, provenienti dalle migliori aziende delle province di Perugia, Livorno, Pisa, Grosseto, Firenze, Siena e Arezzo, giudicati da Antonio Chiavini, Esperto Nazionale e tecnico del Centro Genetico dell’Anabic.
    Da ricordare anche che, come negli anni passati, Grossetofiere ha organizzato nei giorni dell’esposizione, il servizio di bus navetta dalle ore 9 alle 16,30 con cadenza oraria con partenza dalla stazione ferroviaria.
    Parcheggi gratuiti per i visitatori.

    Ufficio Stampa Fimar Spa

  16. Comunicato stampa 23 aprile 2009 ha detto:

    Comunicata stampa 24 aprile 2009

    31° Fiera del Madonnino 23-26 aprile 2009
    Tutto ok nella prima giornata
    Da oggi inizia il tour de force”
    Alle 17,30 di venerdì cerimonia ufficiale di inaugurazione del Centro Fiere

    Seconda giornata oggi della Fiera del Madonnino ed inaugurazione ufficiale. Dopo una prima giornata trascorsa con un discreto afflusso di visitatori fin dalla prima mattinata e qualche goccia di pioggia nel pomeriggio, oggi si entra nel vivo della manifestazione.
    Prima giornata che è servita ad alcuni standisti per effettuare gli ultimi ritocchi e prepararsi al tour de force dei prossimi tre giorni quando la nuova area verrà presa d’assalto da migliaia e migliaia di visitatori.
    Soddisfatto il presidente di Grossetofiere Saimo Biliotti. “E’ una grande soddisfazione vedere che tutte le tessere del complicato mosaico sono andate posto. La macchina organizzativa sta girando bene e credo che questa 31° edizione passerà davvero alla storia come momento di svolta per questa società. Momento clou sia per l’inizio dei lavori nel nuovo centro fieristico, sia per le prossime sfide che attendono la spa maremmana in un mercato in grande movimento come quello espositivo”.
    E a proposito del nuovo Centro Fiere va ricordato che proprio oggi, venerdì 24, alle 17,30 verrà inaugurato ufficialmente dopo il taglio del nastro della 31° edizione della fiera. Un doppio appuntamento che sancirà definitivamente l’ingresso di Grossetofiere tra i competitors del settore.
    La viabilità intorno all’area fieristica non ha registrato particolari problemi anche in virtù della nuova disposizione dei parcheggi che trovano spazio nella vecchi area espositiva, eliminando così gli inconvenienti dello sterrato.
    In occasione di questo particolare momento che rappresenta la svolta per Grossetofiere dopo quasi venti anni di attesa, nei giorni di sabato e domenica nell’area della mostra si respirerà aria di festa con la Fantomatik Orchestra, giocolieri e artisti di strada che intratterranno il pubblico.
    Da ricordare anche che, come negli anni passati, Grossetofiere ha organizzato nei giorni dell’esposizione, il servizio di bus navetta gratuito dalle ore 9 alle 16,30 con cadenza oraria con partenza dalla stazione ferroviaria e con ritorno dalle 11,30 con cadenza oraria dalla fiera.

    Ufficio Stampa Grossetofiere Spa

  17. visitatore ha detto:

    Sono stato alla Fiera del Madonnino e la nuova sistemazione mi ha fatto una buona impressione. Credo che ci siano però stati dei problemi a causa della pioggia, pare che un trattore si sia messo all’opera per tirar fuori le macchine da un campo.

  18. celia ha detto:

    E stata una vergogna,3 ore da Grosseto fino a la fiera ,e due ore e mezzo per scappare dal parcheggio…Poca informazione,organizazione zero e tante arrabbiature da parte di tutti i visitatori…Non è possibile che nel 2009 succedano queste cose…!!!
    Molto molto molto deludente.Io in particolare ho chiuso.E stata una presa in giro…

  19. scrigno ha detto:

    sono daccordo con te celia figurati noi che abitiamo a braccagni non ci possiamo muovere nemmeno in paese perchè spesso dobbiamo passare obbligatoriamente dall’aurelia

  20. moderator ha detto:

    Sono venuto via da Braccagni alle 11,30 questa mattina ed ho lasciato traffico, file, ingorghi e incidenti, causa fiera del Madonnino. Mi auguro che in giornata la situazione non sia peggiorata.

  21. Nello ha detto:

    E’ facile dire “io l’avevo detto”, ma è proprio così. Leggere il mio intervento del I° aprile.
    Moderator oggi alle 14.30 la fila arrivava alla farmacia e al ritorno 17.30 circa al Red Baron; sento che anche stamane era così o forse peggio: se uno doveva andare a Livorno era obbligato a fare una fila di un’ora o passare dal Bozzone (chiaramente a 50 Km/h visto i segnali).
    Non ho visto il bus navetta quest’anno non è stato previsto?.
    Per il Centro Fiera niente da obbiettare, anzi gli spazi erano ampi e, anche se c’erano molti visitatori, la visibilità degli stand era ottima.

  22. Roberto Spadi ha detto:

    Vabbè ragazzi, ma sò 2 (due) giorni all’anno, ci sò posti al mondo, raccordo anulare a Roma, per dirne uno, che è così TUTTI i giorni…E poi diciamola tutta, i più hanno preso la patente coi punti dell’Idrolitina!!!

  23. blogghista ha detto:

    Guarda che stasera anche la televisione locale ha riportato le impressioni dei visatori: ottima la nuova disposizione della fiera, molti disagi per i parcheggi. E per chi abita a Braccagni non c’era bisogno lo dicesse la televisione.

  24. Roberto Spadi ha detto:

    Ha bè se l’ha detto la TELEVISIONE LOCALE…

  25. ahi ahi ahi ha detto:

    i parcheggi mi sa che sono sempre stati un punto debole, so che altri anni è volato pure qualche ceffone, e ci sono spesso episodi di aggressione da parte di automobilisti ai parcheggiatori… forse è l’esito di una lunga e snervante attesa, comunque sia la fiera è la fiera, e i problemi non devono scoraggiare, ma impegnare a fare sempre meglio risolvendoli.

    ma per caso Berlusconi s’è visto?… Mi sa che un gliel’hanno detto che al Madonnino c’è tanta gente, sennò veniva anche li… e risolveva tutto.

  26. scrigno ha detto:

    Roberto hai ragione ma basterebbe un bus navetta che parte da Braccagni ogni 10 minuti.
    Toglierebbe in parte il traffico automobilistico. Anche se sarebbe complicato trovare parcheggio a Braccagni (ma questo sta all’organizzazione).

  27. Roberto Spadi ha detto:

    Caro Hai Hai ecc…vedremo la performance dell’organizzazione del 1° maggio coi parcheggi al campo alla fiera!

  28. scrigno ha detto:

    robertino……. o che centra la festa del 1 maggio!!!!!!!!!!!!!!!!!! un nè mica una gara, parlavo seriamente!!!!!!!!!!!!!!!!!

  29. Roberto Spadi ha detto:

    C’entra, c’entra, tutti bravi a criticà, poi arrivano i fatti e sò…

  30. scrigno ha detto:

    la critica serve per migliorare non prenderla come una cosa personale

  31. NAVETTA CON L'ELICOTTERO? ha detto:

    caro Scrigno

    con che la faresti la navetta, con l’elicottero? perchè se un si risolve il problema traffico, accessi e parcheggi, una navetta su ruote ci mette mezza gironata pe anda e mezza pe torna.

    Per cui pole sta anche a casa!!!!!!!

    comunque io non dispero: quello che non è stato capito e fatto in 31 anni si pole fa anche in un giorno, magari domai!

  32. COMUNICATO STAMPA FIERA ha detto:

    31° Fiera del Madonnino 23-26 aprile 2009
    Sabato 25, il grande esodo
    Domenica 26 ultimo giorno di fiera
    Strade in tilt dalla prima mattinata

    Meglio di così non poteva andare. Standisti e società soddisfatti del grande esodo di visitatori che nella giornata di ieri, sabato 25 aprile, sotto un bel sole, ha letteralmente invaso le strutture del nuovo centro fiere.
    Apprezzamenti e plausi, nonostante alcuni piccoli e presto risolti disagi provocati da un afflusso così imponente di visitatori, per la società che gestisce la struttura, Grossetofiere Spa, che si è rinnovata negli allestimenti e nei servizi offrendo un prodotto più “professionale” e più ordinato al pubblico.

    Fin dalla primissima mattinata le auto dei visitatori si sono incolonnate lungo le due arterie che portano al Madonnino ed il traffico si è intensificato con il passare delle ore. Intorno alle 13 l’afflusso era ancora così intenso da provocare circa 3-4 chilometri di coda sia sulla vecchia statale Aurelia che sulla quattro corsie. La circolazione è rimasta difficoltosa fino attorno alle 16. Invaso ogni spazio disponibile per parcheggiare anche fuori dall’area della fiera dove anche qui, visto l’afflusso record, qualche rallentamento si è verificato a causa della progressiva saturazione degli spazi di sosta. La società alle 12 è stata costretta ad aprire anche un parcheggio supplementare su un terreno adiacente alla vecchia statale Aurelia, già adibito a parcheggio anche nelle passate edizioni. Code che si sono prolungate per tutta la giornata anche alle sei casse di accesso che hanno lavorato a pieno ritmo prese d’assalto dai visitatori.

    Dunque dopo la giornata di venerdì caratterizzata da una pioggia insistente ed un afflusso nella norma, sabato i 360 stand hanno potuto accogliere un foltissimo pubblico. Domenica ultima giornata che, tempo permettendo, promette un altro pienone.

    Per tirare le somme conclusive della manifestazione Grossetofiere terrà nella giornata di mercoledì 29 aprile, nella sede direzionale di Grosseto in via Mameli, una conferenza stampa in cui renderà noti i numeri della 31° edizione e al tempo stesso il Presidente Saimo Biliotti, prima di lasciare la presidenza, farà il punto della situazione della Spa Maremmana ripercorrendo a ritroso le tappe significativa che hanno contraddistinto gli ultimi sei anni di crescita.
    Anche domenica cancelli aperti fino alle 18 con orario continuato.

    Ufficio Stampa Grossetofiere Spa

  33. NOTA REDAZIONE SU FIERA ha detto:

    NOTA REDAZIONE DELLA SENTINELLA

    Luci e ombre sulla 31° rassegna – Impressioni a caldo sulla nuova versione della Fiera.

    Sicuramente sta prendendo forma una struttura bella e – quando sarà a pieno regime – funzionale. Bastava guardarsi un po’ attorno per vedere che le cose erano state ultimate alla meglio e di gran corsa, specialità questa in cui ci battono in pochi al mondo.
    Il fondo asfaltato rende certo più bello e più comodo muoversi, meglio così come pure nei nuovi padiglioni chiusi.
    Peccato che non sia stata adottata una razionale suddivisione per settori merceologici assai utile e gradevole quando si visita una fiera.
    Si nota la mancanza peraltro una mancanza di efficaci segnalazioni per muoversi all’interno della struttura per orientarsi e per trovare la locazione dei vari servizi.

    A proposito di servizi dobbiamo purtroppo indicare anche qui, come del resto anche in fiere più famose e grandi, che i servizi igienici non sono sufficienti e non ben dimensionati in relazione al numero dei visitatori. (vedi anche foto interne). È una cosa veramente penosa e vergognosa vedere gente in imbarazzante e “sofferente” fila in attesa davanti ai gabinetti, specie quelli destinati alla signore.

    Altra nota positiva: non abbiamo percepito come in altri casi musiche inopportune sparate in altoparlanti più gracchianti che sonori né continui e noiosi annunci pubblicitari che ti ricorbelliscano il capo.
    Altro fatto positivo è l’adeguata larghezza dei viali che attraversano la fiera.

    E ora come per sparare sull’ambulanza, la questione accesso e parcheggi.
    Non sono bastati 30 anni di esperienza per far tesoro degli insegnamenti avuti sia in fatto di piogge – un appuntamento quasi rituale cin la Fiera del Madonnino – che di conseguente deterioramento dei parcheggi campestri (specie quest’anno particolarmente motosi) sia del solito concentrarsi nella giornata soleggiata che sicuramente durante la manifestazione capita.

    Si era sentito parlare di 4.000 posti macchina. Ma non si sa dove erano e come erano utilizzabili, anche in relazione all’entrata unica, anche se con 6 biglietterie. Quelle che ci è parso sia mancato è aver studiato e quindi predisposto un rapido accesso ai parcheggi con conseguente smaltimento di scomode e pericolose file. Pare che si sia venuti anche alle mani, ma non confermiamo.
    Non solo si sono dimostrati insufficienti pericolosi e scomodi, ma sguarniti per tutta la mattinata del benché minimo servizio di Vigili Urbani o di Carabinieri che gli altri anni presidiavano gli incroci e i vari punti strategici. Perché quest’anno non c’erano?
    Tutto era rimesso ai quei poveri cristi messi ai parcheggi, ma non al controllo e alla regolazione generale del traffico.
    È inutile parlare delle potenzialità che avranno in futuro le nuove strutture da realizzare con decine di ettari e quindi utilizzare come parcheggi: intanto anche questa fiera, come del resto quasi tutte le precedenti non ha dato certo un buon servizio di accesso e parcheggio.
    Stendiamo infine un pietoso velo sulle interviste fatte sul gradimento della fiera.

  34. moderator ha detto:

    Per Roberto: guarda che la Fiera l’abbiamo vista nascere e crescere, dal primo anno all’Olmini a quando si chiamava Finceit (e qui il nostro pensiero va a Leo Nucci, che non ha potuto vedere la nuova Fiera), quindi la sentiamo NOSTRA. Detto questo se ci sono delle cose sicuramente migliorabili nell’organizzazione, credo che ognuno abbia il diritto di dirle.

  35. moderator ha detto:

    Dimenticavo: complimenti per il repertoage fotografico e per il servizio.

  36. moderator ha detto:

    Tratto da facebook

    Ho letto la nota de La sentinella del Braccagni sul sito http://www.braccagni.info e devo dire che merita essere letta. L’unica nota, forse perchè come mestiere faccio il vigile urbano, che contesto … Visualizza altroè il fatto della scarsa presenza di agenti nella zona. La contesto perchè, anche fossimo stati di più, non avremmo assolutamente risolto il problema, avremmo, casomai, solo distribuito equamente gli accidenti che i visitatori indirizzavano a quei poveri ragazzi dei parcheggi. Lo dico a ragion veduta perchè personalmente sono intervenuto a difesa di una ragazza, rea di trovarsi a smistare un parcheggio. I vigili, poi, me compreso, la mattIna del 25 erano impegnati nella gara di pattinaggio tra Marina e Grosseto, il pomeriggio allo stadio per Grosseto- Vicenza e poi al Madonnino. Un grazie, quindi, a tutti quei colleghi e credetemi eravamo in molti, che non hanno fatto festa e hanno lavorato 11 ore.

  37. W LA VERITA' ha detto:

    Guarda Moderator, che quando nacque la fiera non ero né in Patagonia né a Taumatawhakatangihangakoauauotamateaturipukakapikimaungahoronukupokaiwhenuakitanatahu, che come tutti sanno è il nome in lingua Maori della città con il secondo nome più lungo del mondo. Anche se da quelle parti c’ero capitato in quegli anni.

    C’ero anch’io da queste parti e non mi ricordo solo quello che mi pare o che mi fa comodo, o il racconto di un misirizzi dell’ultim’ora.
    Allora ristabiliamo la verità una volta per tutte: l’idea della Fiera nonché l’organizzatore delle primissime edizioni fu Silvano Lanfranchi.
    Coadiuvato da altri, tra cui il compianto e ricordato Leo Nucci, e poi fatto fuori. Il Lanfranchi.

    E QUI NON CI PIOVE!

    Molti, pel mi carattere TROPPI, tendono a dimenticarsi certi nomi e certe cose.
    Provo a di du cose sul Lanfranchi pe tenta una possibile spiegazione di questo diffuso vizietto.

    Il Lanfranchi era uno che sognava in grande. E poi cercava di realizzare i suoi sogni con i suoi limitati mezzi, in un territorio (Sticciano e la Maremma grossetana) che non è stata mai generosa con gli spiriti liberi e sognatori.
    Le sue attività potevano spaziare dall’organizzare squadre calcistiche, a fare il manager di cantanti o gruppi musicali, o anche organizzatore di eventi vari e in senso lato.
    Di questi tipi allora se ne trovava qua e in la pe i paesi e in campagna.
    La sua base operativa era Sticciano dove tuttora lo ricordano con affetto. Perché se da vivi spesso venivano definiti dai benpensanti “delle leggere”, così non lo ricordano – ora che non c’è più – chi lo ha conosciuto da vicino o che ci ha lavorato insieme anche per poco.

    Come ogni manager che si rispetti aveva un suo segretario personale, ovviamente senza stipendio (anzi…), che lo aiutava nel disbrigo della corrispondenza come in altre pratiche di rappresentanza. Questo segretario, oggi noto e stimato collaboratore in una TV cittadina, mi ha raccontato un paio di aneddoti che forse aiutano a delineare il Lanfranchi.

    Esordisce con una scenetta che sembra la replica della lettera che Totò detta a Peppino, e dove il Nostro detta al segretario di chiudere sistematicamente la lettera con un “e generi alimentari…” che come si sa è la declinazione casareccia di “e generi vari” o “e così via”.

    Continua raccontando come una volta a bordo di una splendida e fiammante 950 spider – vera chicca dell’epoca – come al solito in riserva di guadrini, ma anche di benzina, il Presidente disse al Segretario:
    – mica ci’avresti un po’ di moneta pe fa rifornimento? Io ci ho 3 assegni da 300.000 lire e un posso mica cambialli al distributore!
    E il segnatario di buon grado tirò fuori tutti i suoi averi: un 500 lire per un rimane proprio a secco. Partiti dal distributore si trovano a passa davanti a una banca e allora l’ingenuo Segretario si rivolge al su Presidente:
    – Fermati Silvano che si va in banca così cambi i tu assegni!
    E lui a botta:
    – In banca? In banca un c’entro nemmeno a schioppettate!

    Sempre il Segretario mi racconta che in una delle primissime edizioni, la prima o la seconda, dovendo sistemare la recinzione dello spazio destinato alla Fiera onde incanalare verso la cassa il pubblico, il Presidente gli fa:
    – Bisogna ingegnassi a trovà una rete!
    Senza pensacci un momento lo fa salire in macchina e si dirigono verso Castiglioni. Arrivati dopo Barbaruta l’auto si ferma e il Nostro intima al Segretario di scendere e di aiutarlo a raccogliere una rete da pecore che era colà infissa nel terreno con dei paletti alla buona. Nonostante questa fosse fatta di corda e somigliante più alle reti che si mettano nello porte del calcio, rispose perfettamente alle esigenze del caso.

    Forse con questo si spiega anche perché dopo qualche edizione gli enti che nel frattempo erano entrati in gioco non si fecero troppi scrupoli a “farlo fuori”.

    Che poi la manifestazione avesse manifestato immediatamente delle insospettabili prospettive alimentando appetiti ben più robusti del Nostro Sognatore,
    che questo appartenesse al partito politico che guidava al tempo l’Italia – come del resto l’amico Nucci da poco scomparso – mentre la Maremma era in mano agli altri,
    certo queste du cose non l’aiutarono troppo…………….

    Notazione personale: il Lanfranchi era il classico personaggio che io ammiravo ma con il quale non riuscivo a relazionarmi.
    Forse era “lo spirito libero” che attraeva, il mio seducente Lucignolo, al quale solo molto più tardi, e con non poca fatica, ho tentato di elevarmi, fino ad avvicinarlo……………….

  38. Nello ha detto:

    Per Roberto
    Non so cosa c’entri se qualcuno ha preso la patente con i punti Idrolitina, che vuol dire due giorni all’anno (che poi sono minimo 3) e pensare a quello che succederà il I° Maggio: si parla della Fiera ed ognuno, nel limiti della correttezza, può dire quello che pensa.
    Io come del resto altri hanno lodato il nuovo Centro, è chiaro che va considerato, nonostante sia la 31° edizione, il noviziato, vedi segnalazioni, servizi disposizione; ma sulla viabilità e stato fatto per l’ennesima volta un buco nell’acqua. Sui comunicati stampa si parlava di 4000-4500 posti auto ma la fila era causata proprio per il posteggio, quindi, sarà colpa anche di noi patentati a punti (io per questo sono andato in bicicletta), ma penso che sia mancata l’organizzazione e questi erano problemi noti da sempre.
    Sono d’accordo con Scrigno che c’entra il I° maggio? Comunque,mia opinione, per la Festa del Maggio ci sono stati e ci saranno problemi di viabilità, ma in tutti questi anni non ricordo file Kilometriche nè sulla ex Aurelia, nè sulla Variante un pò per e da Montepescali, ma soprattutto perchè a qualcuno fa fatica fare 100 m a piedi. E poi chi organizza sono volontari e penso che siano da ammirarsi e non meritino frecciatine tipo la tua.
    Riguardo al sarcastico “TELEVISIONE LOCALE” non so quale sia quella in questione, comunque se senti e vedi i pochi servizi che il canale RAI fa su Grosseto ti accorgerai che le trovi pari pari su una emittente locale.

  39. parcheggio selvaggio ha detto:

    Mi sembra che si stia facendo un pò di critica senza costrutto, sui tempi di attesa.

    Che vuol dire organizzare meglio se gli spazi e le strade son quelle?

    da braccagni al madonnino ci sono 2 km spaccati, 2000 metri, posto che una macchina, quando va bene, occupa 7 metri in fila, in due km ce ne entrano solo 300 o poco più.
    Ammesso che un parcheggio funzioni bene, non si può umanamente pretendere che accolga più di una macchina ogni 10 secondi, visto che effettivamente troppi guidano o sguaiati e da prepotenti e fanno e vanno dove gli pare e non dove gli si dice di andare, e malti altri un sanno nemmeno che cosa sia lo spinterogeno e quidano con i piedi… mettendo a rischio se stessi e chi gli è vicino… provate voi allora a far entrare in un campo di fango gente così, in modo ordinato e soprattutto più di uno ogni 10 secondi….

    così facendo però, ed è già un record, con trecento macchine in fila da braccagni al madonnino, prima che l’ultima macchina di braccagni arrivi a destinazione, passano 3000 secondi, che diviso 60 fanno esattamente 50 minuti…. ora c’è chi a sproposito parla di ore di fila…. al massimo saranno state una… ma un’ora di fila vuol dire che il parcheggio recepiva bene e di più non potrà mai fare….
    chiediamoci invece che cosa succede se la gente arriva al parcheggio e si mette di tarverso o pretende di passare dove non può o di lasciare la macchina in mezzo, ooccupa tre posti perchè non vuole far manovra o non è buona… e poi magari si mette pure a discutere con i parcheggiatori… passa altro tempo e se uno si piazza di traverso e discute per 10 minuti sono 60 macchine in meno che si incavolano di più….

    Con questo voglio dire che le critiche vanno bene, ma devono essere indirizzate anche a chi da sempre si muove per la fiera nell’orario di punta sapendo che ci sarà la fila e poi si lamenta,
    la colpa è ci chi invece di sbrigarsi a prendere posto si mette a fare il furbo o a discutere…

    e soprattutto a chi suggerisce navette da braccagni…. non pensa che braccagni non è un parcheggio… e che le navette passano per la strada e quindi creano pure loro ingorghi.

    Allora che cosa ci vorrebbe, secondo me intelligenza nel muoversi, pazienza nel fare la fila, intelligenza nel guidare, e magari un posto al primo bivio sull’aurelia che indirizzi verso la castiglionese ancor prima di arrivare a braccagni, con cartelloni ben in evidenza per raggiungere la fiera dalla parte di giuncarico….

    ma tutto questo a chi spetta? a chi gestisce i parcheggi o a chi gestisce i milioni di incasso?…

    Ovviamente grosseto fiere fa il suo pensando alle strutture della fiera, allora il comune potrebbe aiutare pensando alla viabilità… una pattuglia al bottegone che dirotta verso la castiglionese ogni volta che la fila supera la società non credo costi così tanto.

    Caro signor Sindaco, oltre che gettarsi sulla visibiltià di un taglio di nastro per farsi pubblicità, ci vorrebbe anche l’umiltà e l’efficienza di rispettare i problemi della gente… che è la stessa a cui poi chiede il voto con tutti i mezzi leciti possibili e pensabili, inernet, e-mail giornali.

  40. parcheggio selvaggio ha detto:

    mi sono scordato di dire che se i posti erano 3000-4000 per metterci una macchina ogni 10 secondi, che ripeto è una cosa da record mondiale di velocità, ci vogliono
    40.000 secondi per riempire i parcheggi….
    cioè a una macchina ogni 10 secondi esattamente 10 ore…..

    ora capite che non sono i 4000 posti più o meno che contano, ma i punti di arrivo che dovrebbero essere distriubuiti meglio, ma anche a distribuirli meglio e mantenendo quella velocità di una macchina ogni 10 secondi, siccome le strade sono tre…. montelattaia, giuncarico e braccagni…. al limite distribuendo il traffico sulle tre strade in modo equamine, ci vogliono sempre tre ore e più per riempire tutti i posti di parcheggio… e chi arriva primo bene, ma chi rimane indietro… sempre un’ora di fila deve fare…

  41. Nello ha detto:

    E bravo “parcheggio selvaggio” hai individuato il baco: la colpa è, come al solito, del Comune (una volta tutte le colpe erano del Governo) e dei bischeri che vanno a visiotare la Fiera.
    Tu dici di andare in altre ore: ti faccio notare che l’orario d’apertura ufficiale era dalle 9.00 alle 18.00; la gente che lavora deve gioco forza andare nei giorni festivi, che purtroppo quest’anno erano solo due; inoltre il 25 da testimonianze sulla stanza il problema si è presentato sia la mattina che il pomeriggio. Quando ci si deve andare a cancelli chiusi?
    I tuoi conti possono anche tornare ma in pratica i tre ingressi dei parcheggi che ho visto io gravitavano sull’incrocio del Madonnino, solo quelli provenienti da Montemassi lo evitavano, ma potevano usufruire solo di quello verso Casetta Grottanelli.
    Non sono un esperto di viabilità,forse la soluzione che prospetti di porre dei percorsi obbligati potrebbe essere una soluzione, ma se non ricordo male gli anni passati molta gente si arrabiava per dove andare alla Magia e prendere la Variante per venire a Braccagni ed oltre.
    L’unica cosa su cui concordo è che purtroppo qualcuno pretende di fare il furbo e/o il prepotente (leggere quanto riportato dal vigile) e su questo non c’è proprio nulla da fare.
    Penso però che approfondire il discorso dei bus navetta non sia sbagliato. Basterebbe trovare quattro cinque punti di scambio (non necessariamente solo Braccagni) e penso che qualcosa si potrebbe risolvere. Non invento niente questa soluzione fu adottata quando ci fu la gara Schumi-Jet e cerano migliaia di persone al Baccarini.

  42. veronica ha detto:

    salve, dopo posso trovare le foto della manifestazione fiera del madonnino a braccagni del 18 gennaio 2009 anche e soprattutto del settore tuning
    ps : sono nel sito??

    • Ric ha detto:

      Non so esattamente cosa intendi per tuning. Le foto della Fiera del Madonnino a Braccagni dell’anno 2009 è possibile che non ci siano. Comunque prova a digitare fiera del madonnino nel motore di ricerca interno al blog il cui pannello di ricerca è in homepage in alto dove è la data.
      Altrimenti devi chiedere aiuto al Granocchiaio….

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.