I maggerini di Braccagni a Varese Ligure

La squadra dei maggerini di Braccagni sarà ospite domenica 17 maggio 2009 della 7′ Rassegna Interregionale di Cantamaggio a Varese Ligure (La Spezia) in rappresentanza del “maggio” maremmano. Questi i gruppi partecipanti: Anzola (Pr) Biassa (Sp) Calagiubella (Al) Cavanella Vara (Sp) Cogorno (Sp) Comuneglia.Codivara (Sp) Corte Brugnatella (Pc) Credarola (Pr) Farini (Pc) Ferriere (Pc) Leivi (Ge) Montereggio (Ms) Quezzi (Ge) Rossano di Zeri (Ms) San Pietro Vara (Sp) Santo Stefano D’aveto (Ge) Scurtabò Cassego (Sp) Torza (Sp) Val Bisenzio (Po) Varese Ligure (Sp).  Da Braccagni partirà un pulman di 50 persone.

Archiviato in: LA NOTIZIA

Tag:

RSSNumero commenti (12)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. redazione ha detto:

    Fine settimana denso di appuntamenti con le tradziioni popolari: oltre alla trasferta di maggerini di Braccagni in Liguria, oltre alla seconda parte dei canti in Grancia, da segnalare dal 13 al 17 maggio 2009 la XII Festa dell’improvvisazione poetica a Pomonte, l’incontro internazionale con artisti argentini, cubani, spagnoli, corsi e italiani.
    Programma per il 16 maggio 2009
    ore 17: apertura della manifestazione e spettacolo
    ore 19,30: cena
    ore 21- 24: spettacolo
    17 maggio 2009
    ore 10,30: Convegno sull’improvvisazione con il prof. Melis
    ore 12: presentazione del libro “Come si improvvisa cantando” di Mauro Chechi
    ore 12,30: pranzo
    ore 15: spettacolo
    ore17: premiazione concorso con DARIO VERGASSOLA
    ore 18: rilascio attestati
    ore 19,30: cena
    ore 21/24: spettacolo
    per info 0564/509411

  2. moderator ha detto:

    Maggerini in tour: così titola oggi Il Tirreno in merito alla trasferta dei maggerini di Bracacgni in quel di Varese Ligure.

  3. maggerino ha detto:

    Siamo rientrati alle ore 20,30 da Varese Ligure stanchi ma contenti, l’accoglienza è stata meravigliosa abbiamo mangiato da strafare, il canto itinerante è stato perfetto, il tempo bellissimo anche se troppo caldo e il paese è molto bello.
    Vi consiglio di andare a visitarlo su Google earth.
    La squadra e’ stata all’altezza della situazione e molto apprezzata da tutti, visto le continue richieste del nostro canto.
    Hanno fatto furore i nostri cappelli e in molti ci hanno chiesto dove potevano comprarli, abbiamo risposto di venire il 1 Maggio a Braccagni così oltre che acquistare i cappelli potranno assistere ad una splendida festa.

    L’unica cosa che è mancata in questa trasferta, forse dovuta a motivi o impegni personali, è la presenza per il secondo anno consecutivo di chi reputa il maggio
    lo zoccolo duro del G.T.P.G.S.

  4. Catuscia Scoccati ha detto:

    Siamo i migliori! Abbiamo una squadra che esprime rinnovamento Francesco Bargelli è il più piccolo, ma vi assicuro che è fortissimo, non si stanca mai di cantare, rispetta le regole imposte dai caposquadra! Che dire poi del bel giardino fiorito dei nostri ragazzi di Braccagni che amano questa tradizione antica! ma che fa vivere loro momenti di felicità semplice, ma vera!!!! GRANDI!!!!

  5. una accompagnatrice ha detto:

    Sono d’accordo con il maggerino e Catiuscia veramente GRANDI. Vi posso dire che tutti dico tutti dal più piccolo al più vecchio, hanno applaudito la squadra di Braccagni, facendole complimenti.
    Poi io personalmente voglio aggiungere una cosa, i giovani della squadra rispettano la tradizione e le regole nel comportamento del canto, anche oggi, pur divertendosi e giocherellando quà e là al momento giusto sono stati compatti ed eccellenti. BRAVI RAGAZZI continuate così ( anche te Franceschino)

  6. sentinella ha detto:

    Fa piacere leggere questi commenti. Tra l’altro per la rinascita del “maggio” in quelle zone ci abbiamo messo lo zampino.

  7. Fabio ha detto:

    Ringrazio la Squadra e chi ci ha accompagnato in questa splendida giornata. L’organizzazione e l’accoglienza sono state superlative, bella gente, ottimo mangiare e bere (diamo sempre il meglio di noi stessi).
    Non posso far altro che concordare sui precedenti interventi riguardo all’esibizione della Squadra e la risposta partecipata di chi ci ha ascoltato e che ci ha richiesto più volte il “Maggio lungo”, con interpretazioni originali e divertenti dei nostri ragazzi, sempre mantenendo un gusto “tradizionale”.
    Voglio ricordare la partecipazione dell’amico Pietrolino Grandi, ormai a pieno titolo componente della Squadra (si è anche ricordato il cappello), che con le sue canzoni e stornelli ha mantenuto sempre alto il ritmo della Squadra, finivano i cantori e attaccava lui e così via, non ce n’è stata per nessuno!!
    Infine, un pensiero e un saluto particolare ad Alessandro Cellini che ci è stato vicino con messaggi di saluto e ottave (via sms) che Francesco cantava a tutta la Squdra.

    SEMPLICEMENTE GRANDI!!

  8. titti ha detto:

    Ho sempre seguito questo blog ma non ho mai voluto scriverci qualcosa, ora invece ho voglia di dire la mia, forse a qualcuno non farà piacere, ma è così che funziona il blog.

    Stando in contatto sia nel viaggio che tutto il giorno a Varese Ligure con la squadra dei maggerini, ho potuto vedere una SQUADRA unita che come sempre ha tirato fuori il meglio di se. Questo non solo in questa occasione, ma in ogni luogo dove partecipa. Faccio presente, per chi non lo sapesse, che una delle maggerine, pur avendo subito un intervento in bocca 3 gg. prima, ha partecipato ugualmente anche non stando bene né fisicamente e né psicologicamente, ed i ragazzi quasi tutti coi libri di scuola perché il lunedì avevano o compiti in classe o interrogazioni. Tutto questo lo ribadisco per far capire, a chi crede o vuol far credere agli altri, che i componenti la squadra non sentono la tradizione o non hanno avuto voglia di partecipare alla festa organizzata in occasione della Befana all’ex asilo di Braccagni.. Bisogna avere il buonsenso di capire e conoscere le vere motivazioni prima di giudicare.
    Tutto ciò lo dico perché non sono professionisti ma semplici persone con le loro esigenze e i loro impegni e li accomuna una sola cosa la tradizione, quindi figurarsi se rinunciano a un canto tradizionale nel suo vero contesto, ma forse prendono le distanze e si inalberano quando la richiesta viene fatta in malomodo.
    Infatti se gli viene chiesto di partecipare, ma la cosa non è poi così fondamentale in quanto se non partecipano ci sarà chi li sostituisce, è chiaro che la situazione prende una piega sbagliata e di rimando diranno: “allora cercatevi qualcun altro” ; ed è quello che è successo e concludo con il dire FORSE NON LI CONOSCETE.
    Io non sono né un musicante né un cantore, ma sono semplicemente una persona che da molti anni segue le vicende del G.T.P.G.S e della squadra fin dai suoi inizi e ribadisco BRAVI ai vecchi cantori per aver dato un input, e ai nuovi ( per modo di dire ) BRAVI CONTINUATE COSI’.
    Voglio anche dire ai “VECCHI” ma ora nuovi consiglieri del Gruppo, di non guardare solo ad un palmo dal naso, cercate in tal senso di essere costruttivi e non distruttivi, perché c’è un vecchio detto, come già citato da qualcuno, “ tutti siamo utili e nessuno e indispensabile”.
    Con l’auspicio che questa mia non venga presa come rimprovero, ma serva solamente per far riflettere un pochino chi, forse, preso dall’organizzare lascia indietro cose come l’umiltà e non riesce a capire che la squadra non si può trattare come un oggetto .

    Ed ora godiamoci l’estate e a rivederci alla Ribotta.

  9. CATIA GRANINI ha detto:

    grazie Titti.

  10. redazione ha detto:

    Cara Titti, la squadra dei maggerini di Braccagni è nata nel 1979 e vedere che festeggia i suoi 30 anni di attività in salute non può far altro che piacere a tutti coloro che l’hanno vista nascere e seguito le alterne vicende.
    Il tuo intervento però contiene anche delle accuse, più o meno velate, che potrebebro innescare polemiche sicuramente da evitare. Ad esempio il tuo riferimento alla Befanata. Immagino che tu parli per sentito dire o per cose a te riportate e non per aver partecipato direttamente alle riunioni per l’organizzazione. Se cmq vuoi approfondire l’argomento puoi parlare direttamente con il coordinatore generale della Befanata (Roberto Bellini), oppure con il rappresentante del GTPGS (Edo Galli). Forse avrai un quadro più chiaro e completo della situazione. Detto questo, non mi pare che il discorso della Befanata abbia poi lasciato particolari strascichi, anche su questo blog.
    Su un paio di cose sono invece d’accordo con te: una è l’UMILITA’ da parte di tutti: di chi organizza, di chi lavora, di chi canta. L’altra cosa è che bisognerebbe che coloro che da tanti anni sono al timone del GTPGS facessero un passo indietro e lasciare spazio al “nuovo che avanza”. Dato che conosco molto bene questo Gruppo, posso dirti con sicurezza che questo processo di ricambio è già iniziato e sono convinto che porterà nuove persone ad essumersi responsabilità di gestione.
    Anche il tuo intervento mi conferma questa sensazione.
    Grazie per aver scritto ed intervieni quando vuoi.

  11. titti ha detto:

    Mi dispiace ma non puoi sapere se io ero o non ero alla riunione, ma detto questo che mi sembra banale, non voglio certo innescare polemiche, e se hai ben letto, dico che non è un rimprovero, ma la mia sopra serva solo a far riflettere su quello che si fa o si dice.
    Perchè la redazione dice che chi è al timone del gruppo da tanti anni deve fare un passo indietro e lasciare spazio ai nuovi che avanzano?

    chi sono i nuovi che avanzano?

    E comunque ricorda che il vecchio serve a dare esperienza e non vedo perchè, vecchi e nuovi non possano lavorare insieme ed essere costruttivi non tenendo conto dell’età di appartenenza al gruppo.

  12. Fabio ha detto:

    Secondo me deve far riflettere anche il “grazie” rivolto da Catia a Titti, al quale mi associo.

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.