11 giugno 2008 Guerrino – 2 luglio 2008 I Monumenti del Mazzo – 6 ottobre 2008 braccagni.info

pisciatoiom mazzo

 

 

 

 

 

 

 

Queste tre date rappresentano per l’ultimo anno le tappe fondamentali che mi hanno prima accolto poi accompagnato alla nascita e le crescita di questo blog

per visitare gli originali:

http://sentinelladelbraccagni.wordpress.com/2008/06/11/guerrino/

http://sentinelladelbraccagni.wordpress.com/2008/07/02/i-monumenti-del-mazzo/

Archiviato in: I RICORDI E I PERSONAGGI

Tag:

RSSNumero commenti (13)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. il Granocchiaio ha detto:

    Queste tre date rappresentano per l’ultimo anno le tappe fondamentali che mi hanno prima accolto poi accompagnato alla nascita e le crescita di questo blog

    11 giugno 2008 Guerrino
    http://sentinelladelbraccagni.wordpress.com/2008/06/11/guerrino/
    Fu uno dei tanti incontri al volo avuti col mi amico Fidanzi a spingermi alla partenza, quella scintilla che poi generò tutto il seguito. Via via mi ha chiesto di scrivere qualche piccolo articolo per la Sentinella, ultimamente una volta all’anno. Mi parlò del blog che stava tentando di far decollare sotto lo stesso nome. Non mi ricordo se me lo chiese lui o glielo offrii io, ma fatto sta che preparai l’articolo “Guerrino”.

    Era un qualcosa che avevo in corpo da tempo. Il “Guerra” che aveva cercato invano di far erigere un piccolo monumento ai caduti o anche una sola lapide e non ci era mai riuscito a Braccagni. Poi un giorno ti passo dal parchino e ti vedo st’affare dalla testa tonda sembrava un piccolo mausoleo mediorientale. E mi venne da pensa: ecco il monumento che ci ha regalato il comune per noi di Braccagni: un bel pisciatoio. In mezzo a quella che avrebbe potuto (io direi DOVUTO) essere la piazza del paese. Un sorriso amaro e la cosa ti si pianta li nello stomaco insieme a diverse altre.

    Poi la scintilla del Fida che mi chiede un articolo e la cosa mi ritorno a a gola. Proprio mentre scrivevo e rammentavo della testa tutta tonda che venne facile battezza “a testa di minchia”.

    Se non che nello stesso periodo stava nascendo un po misteriosamente un altro “monumento” in paese, tutto nuovo e stavolta tutto quadro. Fu facile fare l’abbinamento e scherzarci sopra anche perché le forme assai insolite dell’erigendo manufatto ti spingevano con facilità in quella direzione. E misi anche questa nell’articolo.

    Fu messo l’11 di giugno e immediatamente ebbe un discreto successo: 33 interventi a commento. Anche se si deve confessare che quasi tutti gli interventi erano fatti da noi (il Vecchio Girino e il vecchissimo Girino ero io) il Fida una volta era Fidanzi, una volta La Redazione, Patrizio era Patrizio, e così via. Il primo vero commento esterno fu di Biadone ed era del 4 di settembre, quando ormai la storia era già andata avanti con i Monumenti del Mazzo)

    2 luglio 2008 I Monumenti del Mazzo
    http://sentinelladelbraccagni.wordpress.com/2008/07/02/i-monumenti-del-mazzo/
    Poco dopo aver pubblicato l’articolo il Fida mi dice che l’articolo su Guerrino sta avendo un certo successo e che bisognerebbe dargli un seguito in qualche maniera, sfruttare l’onda.
    E io preso da un raptus di onnipotenza in una notte butto giù in versi (!!!???) il Manifesto dei Monumenti del Mazzo. Intendendo per mazzo evidentemente quello che sui blog si cerca di non scrivere.
    Cercai invano allora un amico poeta che me le rivedesse e me la ripulisse in modo da non fare proprio la figura del pellaio. Ma chi un c’era chi ci’aveva da fa, il Cellini proprio qui sul blog ha confessato “sono mesi che devo anda da Roberto e non ci so ancora andato: ora ti prometto che verrò!”
    Poi con una esuberante dose di autostima (si può dire anche incoscienza) presi il coraggio e la pubblicai.
    E fu successo.
    115 interventi, non si sa quante mai visite e visitatori.
    Vero che all’inizio intervenivo anche io (con il solito Vecchio Girino, ma anche con il premonitore Gra Gra Gra) ma si fecero subito sotto e vivi con ripetuti interventi anche Maurizio, Patrick, Patrizio, Roberto (Sciabolik), Carlo, il Pizzicato, Edo (!!!il 15 di agosto!!!) Catuscia (anche se era solo per fare gli auguri a Tina e Andrea), e poi Biadone, Webmaster, Roberto Tonini (!), per terminare con un Poetavate che in pratica chiuse questo fondamentale pezzo.

    Ci si accorse fra l’altro che discutendo e facendo osservazioni si finiva con il parlare di altri problemi, anche loro importanti e interessanti. Ed è stata una delle prime cose imparate dal blog stesso.

    Dopo il boom de I Monumenti del Mazzo che pare abbiano varcato le non difese mura del nostro paese, l’instancabile Fida sentenzia che è ora di fare un blog nuovo e più adatto alle mutate esigenze. Dove queste erano già apparse essere più capacità di scrivere e di essere letti, ma anche una struttura più avanzata del programma che rischiava di essere troppo lento.

    Fu così che si arrivò al

    6 ottobre 2008 braccagni.info
    Questi primi post:

    5 ottobre
    IL PEGGIO e IL MEGLIO (di noi)

    http://www.braccagni.info/2008/10/il-peggio-e-il-meglio-di-noi/
    forse uno degli articoli cui sono più affezionato, considerando anche il tema e il contesto
    non ebbe particolare successo………

    8 ottobre 2008
    Slow Food

    http://www.braccagni.info/2008/10/slow-food/
    la presentazione dell’Associazione di cui sono responsabile per Grosseto

    10 ottobre 2008
    CHI LE DOVREBBE PULIRE QUESTE

    http://www.braccagni.info/2008/10/chi-le-dovrebbe-pulire-queste/
    il primo articolo-inchiesta-denuncia con tanto di foto dell’increscioso e vergognoso stato delle scoline lungo la strada per Montepescali: ebbe successo di lettori e pratico: le fossette furono ripulite (di notte?) non s’è però saputo da chi, pulite male le abbiamo fotografate di nuovo, e infine sono venuti a terminare l’opera. Ma non si sa chi!

    11 Ottobre 2008
    Coppa e Spiedo

    http://www.braccagni.info/2008/10/coppa-e-spiedo/
    La scoperta casuale di un ristorantino niente male di Grosseto, Il Carrettino Siciliano, dove vengono forniti pasti per celiaci ma mangiabili e godibili da tutti, con un ragazzo giovane, laborioso e con dei nonni………
    Ma anche nella stessa occasione dell’Editore che dovrebbe pubblicare il mio manoscritto e che si presentò con un ritardo non proprio esiguo, ma perlomeno non chiese nemmeno scusa: troppo forte! Un vero artista, veramente.

    18 Ottobre 2008
    Famola Strana

    http://www.braccagni.info/2008/10/famola-strana/
    un aggiornamento sullo stato di avanzamento del monumento del mazzo

    18 Ottobre 2008
    Aspettando il Sangiovese…e pure l’olio

    http://www.braccagni.info/2008/10/aspettando-il-sangiovese…/
    uno degli articolo più bistrattati dal mio “direttore”, ma in effetti poco seguito
    il capo continuava (e continua tutt’ora) a ripetermi: ma dove che i bianchi non sono andati bene? Dove? In Alto che? Riferendosi alla chiusura del pezzo che era:
    “A Livello nazionale, anche stante l’andamento……………..
    In generale si sono salvati i vitigni bianchi e aromatici, mentre per i rossi è un’annata molto difficile. Soprattutto per il Trentino e l’Alto – Adige un’annata molto difficile, di scarsa quantità e qualità.”

    Non ce l’ho mai fatta a fargli capire che quella zona per i produttori di bianchi è come parlare di un’ala del Vaticano per i Cattolici. E che se uno è interessato al vino non guarda solo la vigna del su zio o quello che fa la Cantina del Cristo.
    Tutti questi articoli sono miei, e non li rinnego, indipendentemente dal fatto che abbiano avuto successo o meno.
    Poi……..poi si è fatto di tutto e di più.
    Certo come dimenticare l’Elezione degli Usi Civici? Li veramente il blog si è surriscaldato. Tra bugie, mezze verità, un po’ di meleggio, diversi fraintendimenti, chi la sparava grossa, chi rispondeva con una più grossa, insomma il mi direttore era letteralmente in brodo do giuggiole. Quando la storia stava volgendo al termine è entrato in crisi mistica e antesignano dei contestatori iraniani, borbottava se non fosse stato il caso di annullare le elezioni. Solo per riaverle e avere le polemiche!

    Tutto questo non è il festeggiamento di un anniversario, che peraltro o è troppo tardi o è troppo presto.
    È solo il fare il punto della situazione alla vigilia di grossi cambiamenti che s’impongono all’interno e nella struttura dl blog stesso.
    Buone vacanze a tutti

    Il Granocchiaio di Maremma

  2. il granocchiaio ha detto:

    Un po’ di numeri dal 6 ottobre 2008 ad oggi 26 07 2009:

    il giorno con più visualizzazioni: 24 Aprile 2009 nr. 863
    Visite complessive nel periodo: 80791
    Media visualizazzioni x giorno 275

    nr visite – % – giorni – vis.ni x giorno
    1° tazebao 3.290 11% 149 22
    2° parole-in-liberta 2.697 9% 129 21
    3° rispondere-per-le-rime 2.368 8% 320 7
    4° la-fiera-del-madonnino 2.314 8% 117 20
    5° u-s-braccagni 2.049 7% 349 6
    6° elezione-degli-usi-civici 1.389 5% 331 4
    7° video 951 3%

  3. mezzamestola ha detto:

    A ditti bravo sembrerebbe di fatti uno sgarbo, allora un te lo dico e invee ti chiedo di riportare tutti i nomi e i soprannomi di quelli che hanno scritto sul blogghe fino ad oggi, così tanto per fare un pò di colore, visto che siamo in tempi di ricordi bilanci per ripartire con una piazza di Braccagni ‘ più bella e più superba che pria ‘ … come diceva …. chi lo doceva?… vediamo se la memoria ti soccorre come per le cose dette nel blog.. un abbraccio Granocchiaio

  4. il granocchiaio ha detto:

    Ettore Petrolini lo dicea

    • Patrizio G. ha detto:

      Bella tirata, quella del nostro Granocchiao, elemento indispensabile e insostituibile di questa bella piazza paesana, ma anche personaggio fondamentale nella piccola galassia delle umane presenze Braccagnine da sempre… lui, come me degli Acquisti, come altre volte gli ho detto, se non ci fosse bisognerebbe inventarlo; l’unica cosa di cui mi rammarico, è che la prima volta che ci ho parlato nella mia vita, è stata esattamente dopo la nascita di questa piazza… e per via del blog… questo nostro incontro è figlio di questo blog.. altro grande merito dell’intuizione del Fidanzi, come quella della Sentinella, perchè se non ci fosse stato mi sarei perso l’amicizia di una persona speciale.

      In questo Blog ce ne sono altre di persone speciali, ma siccome stanno dietro le quinte e lavorano in silenzio, non le nomino, ma anche a loro, come al Granocchiaio, dico grazie per questo anno e più, che mi ha fatto ritornare a sentire Braccagni come se abitassi li con voi, mentre da 23 anni vivo e lavoro a 700 Km di distanza.

    • Roberto Spadi ha detto:

      Un’altro ha scritto:
      Il troppo sole può ammalare il dito.
      La su mancanza fa venì forte il prurito…

      Questa è e resterà la migliore di sempre…
      Hurrà!!
      Anche se per rendere giustizia…

      e poi…

  5. Roberto Spadi ha detto:

    Vabbè m’ero dimenticato che il moderator ‘un vole a mette i filmati così a capocchia, allora, se volete, andate su youtube e scrivete: Giulio Cesare di Shakespeare – le argomentazioni di Bruto.
    poi:giulio Cesare – orazione (M Brando).
    fatevi delle domande, le risposte verranno da sè.

  6. il granocchiaio ha detto:

    caro Patrizio G.

    Bella tirata te, poro paragnostico!

    Braccagni da sempre ci sarai te, degli Acquisti, caso mai ci sarò IO!

    Io ci so nato partorito, agli Acquisti fattoria, come solo altra persona vivente può vantare: Anna Mencacci di Raggio e Arduina.
    Sono in attesa del responso pe pote cambia il mio appellativo in Roberto degli Acquisti da parte delle autorità competenti. Quindi……….si regoli un po lei…….

    Per quanto riguarda il blog è una conferma a quello che dicevo anch’io. Si è rivelato una fonte inaspettata di interessi risvegliati, di incontri che mai si sarebbero verificati, di ritrovare e riscoprire persone che dormano sotto lo stesso piccolo cielo e ci si saluta si e no se ci s’incontra su un pianerottolo in dove ci si passa in due. Ma anche di persone che vivono relativamente vicino ma lontane e persone che vivono lontano ma a noi relativamente vicine.

    Basterebbe già questo, basterebbe e avanzerebbe. Certo che si vedano e si capiscano tante altre cose, come per esempio ci siano persone che a voce bla bla bla, e poi nello scritto quaquaraquà, anzi zero. Chi al contrario parlando non dice niente ma poi scrive, scrive e si apre. Persone che poi ti dicono: ti credevo più simpatico, invece sei proprio un rompi….zo, o magari il contrario.

    Certo il blog non l’ha inventato il Fidanzi, ma a lui va dato il merito di aver fiutato il vento giusto e di averci puntato per primo e da lontano.

    Certo anche quello che dici te è un segnale importante e nuovo come mezzo di comunicazione che accorcia le distanze ed i rapporti interpersonali. Mi rendo conto che per te il blog è assai di più di quello che rappresentava ad un emigrante il rincontrare casualmente un suo conterraneo. Li un saluto, un ricordo sbiadito, dei rimpianti. Anche belle cose, ma tutte al passato. Con il blog ti ricali invece in mezzo alla tua gente e al tuo paese. Deve essere veramente appagante per uno che vive e lavora a 700 km di distanza.

    Io per natura curioso più delle cecche, quando sentii pe la prima volta parla di blog chiesi cosa fosse. La risposta fu un sito dove le perone (importanti) scrivono quello che fanno, cosa dicono, e via cantando. E poi la gente gli manda i messaggi, le cose………
    Poi cominciai a capire che la cosa era un po’ più complessa e mi ripromettevo di andare a capire, a provare……….

    Lo stesso è successo e sta succedendo con facebook o fb come orami si dice
    Il fenomeno scoppia, tutti ci si buttano, pochi capiscono, ma lo fanno lo stesso
    E io? Mi ci butto anch’io per capire.
    È pericoloso, te non sai quanto! Più dell’andare nelle strade con l’auto?
    No di più. Come guardare la televisione? No molto peggio.
    E allora ho capito che faceva per me. Devo capire, devo vedere cosa sta succedendo, come si comporta la gente.

    Ai benpensanti, a quelli che “io facebook mai” gli consiglierei di ripensarci se vogliono stare nel mondo dei vivi da esseri viventi.

    Andarci non vuol dire condividere, vuol dire capire.
    Ti posso assicurare che se sul blog riesci a capire 30 di una persona che conoscevi al 15, con fb il rapporto sale a 60 perlomeno.

    Perchè è più immediato, meno riflessivo, più sincero, più disinvolto, anche esibizionista ma non per questo meno vero, anzi…………
    Perchè il più delle volte non parli a qualcuno, ma parli a te stesso allo specchio, parli come se fosse una confidenza speciale a qualcuno invece che fatta a centinaia di milioni di persone!!!
    È qui la forza incredibile del mezzo.
    Se sai “leggere” fb delle perone “normali” è come se queste ti si offrissero su un piatto d’argento del loro psicanalista. Troppo forte. Scopri lati delle persone che nemmeno immaginavi, o che invece sospettavi…ma non credevi……..

    Bon, basta con le tirate. Questo è il mondo di oggi, ci piaccia o no, secondo me conviene stare a bordo della barca e cercare di capire dove la barca va. E poi, se uno ce la fa, dare il suo colpo di remo.

    gragragra

    • roberto ha detto:

      Merito della nascita va anche a Ric: fu lui che clonò maggerini.it e prendendo un programma gratuito da wordpress istiuì il blog, che rimase a lungo inattivo fino all’intervento del granocchiao.

  7. patrizio ha detto:

    dal sito del Comune

    si legge:

    Giovedì, 30/07/09 11:44
    Scuole, Mura medicee e impianti sportivi: ecco come sarà speso l’avanzo di amministrazione 2008

    ——————————————————————————–

    AUTORE: UFFICIO STAMPA

    Si pensa ai bambini delle scuole materne, elementari e medie, alle Mura medicee, ma anche a chi fa sport o a chi ha problemi di deambulazione: ecco come saranno spesi gli oltre 3 milioni e 600mila euro dell’avanzo di amministrazione 2008. Il provvedimento è stato approvato, questa mattina, dal consiglio comunale.

    Al consolidamento del Bastione Maiano sulla cinta muraria (terzo stralcio dei lavori) sono stati destinati 90mila euro; alla manutenzione degli impianti sportivi della città e della frazioni andranno 130mila euro; mentre per il consolidamento e il miglioramento degli edifici scolastici saranno impiegati 150.425 euro così ripartiti: 14mila per le scuole materne, 70mila per le elementari e 66.425 per le medie.
    Prosegue, inoltre, l’impegno dell’amministrazione comunale per rendere Grosseto e il suo territorio più accogliente e meglio accessibile per tutti. In quest’ottica 181mila euro saranno spesi l’abbattimento delle barriere architettoniche e 120mila euro per la manutenzione di strade e marciapiedi.
    E non solo. Una importante fetta – 2 milioni e 345mila euro – servirà per acquistare i terreni a nord della città destinati all’ampliamento del Pip Nord, l’area per le attività economiche e produttive. Le numerose associazioni e realtà religiose, sociali ed educative si ripartiranno come contributo per il proprio impegno in favore della collettività 410.115 euro.
    “Il sociale e i servizi al cittadino – è il commento del sindaco, Emilio Bonifazi – sono una priorità della nostra azione di governo. E anche le destinazione dell’avanzo di amministrazione 2008 ne sono una testimonianza. Pensiamo soprattutto alle fasce più deboli. Come i bambini, le famiglie numerose o le persone con disabilità. Importante, nel quadro dello sviluppo economico del territorio, è anche l’ampliamento dell’area Pip Nord. Si tratta di un progetto più complessivo che mira al settore economico e produttivo non soltanto per quanto riguarda le imprese, ma anche per l’opportunità di nuovi posti di lavoro”.
    “Opere pubbliche piccole e grandi, manutenzione della città, attenzione alle aree verdi e forte impegno nel sociale. Senza frenare lo sviluppo, ma puntando, anzi, alla crescita del territorio – ha aggiunto l’assessore alle Finanze, Paolo Borghi – Sono le linee seguite sia per formulare il Bilancio, sia per impiegare l’avanzo di amministrazione”.

    Se qualche Consigliere può dirci quanto verrà speso, e per far che cosa, per Braccagni, Montepescali e dintorni, gliene sarei molto riconoscente.

  8. cella senior ha detto:

    Al Granocchiaio:

    Caro Granocchiaio già avrai ricevuto la mia e mail di risposta, ma voglio rendere noto a tutti il mio sentimento di stima per te, ed in relazione alle tue ottave sui Monumenti del C… oh! che dico del Mazzo, è giusto che tutti sappiano che come ti ho precisato la metrica di improvvisazione in ottava rima non ammette correzioni o rivisitazioni, perchè se fosse espletata in estempoiranea maniera, le ottave uscirebbero dalla bocca così come pensate e tali verrebbero percepite e rimarrebbero nel ricordo degi ascoltatori; precisato questo nel rispetto di un arte di far poesia che tale è deve riamanere, a suo tempo lessi e valutai subito le tue ottave ma le trovai appassionanti piene di significato e non bisognose di alcuna rivisitazione perchè fresche ed attuali oltre che maremmanamente colorite. In aggiunta ribadisco che vista la tua cultura, arguzia, autorevolezza come membro anziano del Paese di Braccagni,oltre ad una metrica piacevole e scorrevole allo stesso tempo, i contenuiti sono da ritenersi pieni di valori e nozioni da ricordare nel tempo!!!!
    Un saluto a te e a tutti i frequentatori di questa rubrica con cui ho poco modo di interscambiare i pensieri, a causa della mia saltuarità nel consultarla, visto che dedico il mio poco tempo libero serale a produrre qualcosa in “rispondere per le rime”, che vi invito a consultare e ad usare per dare sfogo ai pulsi della linfa di versi che scorre nella vena poetica che più o meno nascosta è presente in ognuno di noi.Cella senior

  9. il Granocchiaio ha detto:

    Caro Alessandro

    Ti ringrazio, ma una risposta così in pubblico mi da imbarazzo forse più che il notevole piacere. Pare inoltre che mi sia cercato queste lodi, e allora la cosa sarebbe ancora peggio.
    No, non è così, spero tu lo capisca, sentivo invece il bisogno di ascoltare le osservazioni tue che ora così sensibilmente e con giuste parole hai voluto qui mettere a disposizione di tutti. E quindi ti ringrazio di nuovo. E a nome di tutti.

    Se devo prendere per buono quello che tu mi dici, e cioè che i versi di quella notte sono validi, si apre tutta un’interessante discussione per scoprire perché io feci in una mezza serata tutta quella tirata li, senza praticamente rimetterci le mani e se riprovo ora, a freddo, su di un argomento basta sia, vado si e no avanti per due versi……………

    Mi piacerebbe sapere la tua opinione al riguardo, ma anche quella dei tuoi colleghi. Io una mia idea me la sono fatta e a te ora oso dirtela impunemente.
    Quella sera quello che volevo dire era più dentro di me che nel cervello: avrei potuto scrivere in prosa e sarebbe venuto qualcosa di simile, i concetti che volevo dire erano quelli, non avevo bisogno di pensarli. Quindi quando li traducevo in versi era più un esercizio musicale che altro. Non a caso avrai notato che questo parlare
    “a noi no poco strano e malandrino,
    un sai se figlio umbro tosco o aretino
    ma certo mi sovvien molto il norcino
    Brancaleone……….certo da vicino”
    Nel senso che proprio il linguaggio usato in quel film mi pareva più adatto al tono del discorso che volevo fare io: dicevo cose serie, ma le volevo di con un tono gaio, scherzoso, di burla o di spirito, mai con cattiveria. Spero che questo si sia capito.

    D’altra parte è anche un linguaggio che si presta assai al tono scherzoso, per cui anche certe esclamazioni un po sopra le riga cercano di non essere grevi, ma al contrario gioiose e serene. È anche l’unico modo con cui credo si possa parlare di cose che non condividi, le vuoi criticare, anche decisamente e senza compromessi, ma mai con cattiveria ed astio prevenuti.

    Ciao e alla prossima,
    nel blog o in “carraia” a casa mia,
    oppure dove vuoi che io ci sia

    Il Granocchiaio di Maremma

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.