Braccagni: dal 12 al 29 agosto Sagra dei Piatti Tipici

le foto pubblicate si trovano a sito www.braccagni.info/video/archivio-foto-pubblicate-sul-blog/foto-sagra-2010/

questi l’avevo visti anch’io……………………

prova di trasmissione: così vorrei caricare tutte le foto della sagra

con un po di pazienza e di tempo……………

Archiviato in: LE MANIFESTAZIONI

Tag:

RSSNumero commenti (87)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. ex braccagnino ha detto:

    Mi fa piacere leggere la notizia della sagra di Braccagni. Non deve essere stato semplice trasferirsi al campo sportivo, tra permessi, strtture e altro.

  2. Carlo Vellutini ha detto:

    Il ritorno della Sagra va salutato in maniera positiva perché questa permette all’Us Braccagni di sopravvivere e, soprattutto, ad 80 giovani da 4 ai 18 anni di fare sport. Credo però che la nota lieta di quest’anno sia la presenza di una pista da ballo vera e non improvvisata. Era questo, forse, il vero limite dell’ex asilo dove, per il resto, l’ambiente era decisamente buono. Visto che la qualità della sagra è nota a tutti (ovviamente si mangia da sagra, come direbbero alcuni nostri navigatori…) credo che nel passaparola generale la presenza della pista debba essere rimarcata…E poi come mi confermava il nuovo e attivissimo vicepresidente Massimiliano Chechi dovrebbe tornare anche una serata dedicata alla Festa della Birra che lo scorso anno ha avuto grande successo e che si inserisce nei 16 giornidella festa. Un modo per attirare anche tanti giovani!!!!

  3. Patrizio ha detto:

    Un Maremmano ovunque vada sa trovare il modo di farsi capire…. chiamateli a braccagni a suonare!!!!

    http://www.youtube.com/watch?v=LTpfSAR5u58&feature=related

  4. moderatore ha detto:

    Per trasferire la Sagra agli impanti sportivi non sono stati pochi gli ostacoli da superare legati ai permessi, ma anche questo anno potremo gustarci la sagra dei Piatti Tipici oragnizzata dall’Unione Sportiva Braccagni del Presidente Franco Menghini.

  5. moderatore ha detto:

    Tutto pronto per la Sagra dei Piatti Tipici di Braccagni che aprirà giovedì 12 agosto 2010.
    Come vedete dalla foto le cuoche vi aspettano per prepararvi le specialità maremmane!

  6. ale ha detto:

    ma quando finisce il 23 o il 28?

    i tortelli di braccagni un si possan perdere!!! due anni fa ne portai via due vassoi da cuocere…..

  7. mezzolitro ha detto:

    Allora ragazzi, è stata dura ma COME VEDRETE SE VERRETE ala sagra, siamo operativi al 100%.
    Ieri sera ho assaggiato l’acqua cotta e le salsicce alla brace cò i fagioli all’uccelletta e un bicchiere di vino rosso.
    L’acqua cotta è speciale, saporita al punto giusto, le salsicce di Elio sò cotte a puntino e i fagioli vanno giù da sè.
    Stasera tocca ai tortelli con il condimento da decidere all’ultimo momento…

    • moderatore ha detto:

      Sulla cucina non avevamo dubbi. L’importante era vedere la nuova dislocazione della Sagra, dato che era nata all’ex-asilo. Ma, a quanto pare, anche il nuovo sito funziona.

  8. Granocchiaio ha detto:

    Piccolo reportage fotografico alla sagra con amici, nuovi abitanti del paese, chi mangia, chi beve, chi balla, chi guarda ballà

    Ti verrebbe la voglia di dire la tua, ma un saggio amico pochi minuti fa mi ha suggerito “le Sagre vanno prese per quelle che sono”: mi è parso un ottimo consiglio, e allora W la Sagra!

    • Fritz ha detto:

      Oh Granocchiaio che c’è che un ti va bene???…certo ‘na foto me la potevi fa anche a me!!!…W la sagra!!!

      • Granocchiaio ha detto:

        Ma te ti chiami Fritz o Lucignolo?

        Tu Satana mi vuoi tentare!

        L’uomo saggio mi ha consigliato e mi ha detto.

        E poi chi ti dice cosa avevo da dire? Dicci quarcosa te, che se poi un mi torna potrei anche cede alla tentazione!

        W la Sacra!

        Pe la foto: t’ho cercato pe tutta la Sacra e un t’ho trovato: evidentemente t’eri infrascato! Ha! Birbante!

        • Fritz ha detto:

          ma che voi infrascà…ero a vedè se imparavo a fa du passi di danza ma mi sembravo un elefante dal Cocchia!!!…non si possono trovà lati polemici in queste occasioni..prendila come ti pare ma è la pura verità.Te vai alla sagra sai quello che mangi(per me ottimo)sai dove ti siedi, chi ti serve, chi trovi per fa du chiacchere e beve ‘na birretta o un limoncello,se voi fa du risate in pista..per tutto il resto c’è la sagra!!!

        • Patrizio ha detto:

          Sono andato a comprare qualche cosa da mangiare alla SACRA SAGRA di Braccagni, poi l’ho sottoposto al giudizio di una giuria al di sopra delle parti,
          ecco voti da uno a dieci:
          Acqua cotta 8
          fagioli all’uccelletta 6
          Tortelli al sugo 7+
          scottiglia 8
          patate fritte 9
          rostinciana 8
          funghi porcini fritti 9

          logistica della festa 9
          organizzazione interna 9
          ragazzi di servizio ai tavoli 10
          donne in cucina 9
          uomini in cucina 9

          parcheggio 8

          da notare che nonostante due giorni di pioggia forte, il terreno e la struttura risulta asciutte e pulite.

          sui fagioli un consiglio, o li prendete secchi e li mettete la sera a bagno e il giorno dopo li cucinate, altrimenti quelli in scatola vanno sgocciolati, oppure si sente il sapore del liquido di conservazione… che al limite si potrebbe coprire con molta pementa e un pò si insaporimento con spezie nostrane, rosmarino in testa…

          esame superato ampiamente, ora spedisco tutto al ministero della Gelmini per la valutazione della prova Invalsi e poi facciamo la media… 🙂

          • roberto ha detto:

            Devo dire che i problemi per realizzare una Sagra sono molti, non solo in fatto di permessi, ma anche nell’organizzare il gruppo di lavoro. Ho saputo per esempio che questo anno c’è stata la defezione per problemi fisici di Agatina, che è sempre stata un po’ la capocuoca.
            Cmq sono riusciti ad ovviare e, vedendo i voti dati alla cucina della sagra, mi pare che la sostituzione abbia avuto successo.

    • Ric ha detto:

      Stasera tempo permettendo vengo anche io alla sagra. W la Sagra di Braccagni!

  9. admin ha detto:

    “Ne ho abbastanza di sagre!! in tempi duri come questo,mi riferisco alla crisi economica, sono molto vicino a chi paga onestamente le tasse e sopravvive a fatica magari è in procinto di chiudere.”

    Non diciamo chi ha scritto questa frase su Facebook.

    Ps: complimenti per la puntualità del servizio fotografico, anche se quella pista da ballo ci sembra un po’ vuota.

    • Carlo Vellutini ha detto:

      A volte un commento può svelare mille verità!!!

      • Granocchiaio ha detto:

        CONDIVIDO AL 101%&

        chi vuole sta zitto non glielo nega nessuno e qui ci viene solo pe legge

        chi ha voglia di chiaccherà – magari mettendo il limitatore sulle bischerate – se viene qui ha trovato il posto giusto

        postate gente, postate

        nei giorni prossimi altre foto prese al volo alla sacra

  10. Carlo Vellutini ha detto:

    Sono stato alla Sagra il primo giorno per respirare un po’ delle novità. La zona è accogliente e devo dire che l’Us Braccagni e tutti i collaboratori (mi risulta che fossero davvero tanti) che si sono dati da fare hanno fatto un ottimo lavoro. Intanto hanno bonificato un’area che rischiava di essere preda di erbacce e rifiuti rendendola accogliente. Già questo è un servizio reso alla comunità. Poi l’ambiente è ottimo. Raccolto al punto giusto lo spazio dove si cena, con lo sfogo che viene dalla pista di pattinaggio. Se lo scorso anno i ballerini avevano problemi a darsi alle danze quest’anno possono destreggiarsi come vogliono!!! Poi c’è lo spazio birreria gestito da Massimiliano che è uno dei fiori all’occhiello per i giovani. Chi non vuole ballare infatti si può sedere con una chiara, rossa o doppio malto a fare due chiacchiere all’aria aperta!!! Ci sono tutti i presupposti per farla funzionare al meglio…a parte i soliti contro che continuano a fare su e giù per le scale del Palazzo per rompere le scatole – con tanto di nuovo controllo delle autorità-. Ma dico io: possibile che in un paese non si abbia nulla da fare e non ci piaccia godere delle cose belle che vengono realizzate? Troppo facile criticare, ma prima dovremmo riuscire a fare le stesse cose!!! Scusate l’amarezza ma veramente certe cose non mi vanno proprio giù…

  11. sagrarolo ha detto:

    Viva la Sagra di Braccagni e l’Unione Sportiva del Presidente Franco Menghini!!!

  12. Marzia ha detto:

    Il 21 rientro e la prima sera sicuramente verrò a cena!!l’aspettavo con ansia..sicuramente non deluderà..non l’ha mai fatto!

  13. armando ha detto:

    Buon giorno, son forestiero, leggo che la sagra è fino al 29 Agosto, ma compreso? Mi piacerebbe parteciparvi ma arriverò a Grosseto domenica 29 volevo sapere se troverò accoglienza a cena..graze un salutone a tutti.

    • admin ha detto:

      Certo che troverà accoglienza, il 29 agosto 2010 è l’ultimo giorno della Festa, la cucina rimane aperta fino alle 10,30.
      Tra l’altro sarà un finale con il botto, in quanto sono previsti fuochi di artificio.
      Saluti e ci vediamo il 29.

  14. armando ha detto:

    grazie mille, allora ci vediamo domenica 29 a cena !

  15. Carlo Vellutini ha detto:

    Non ho fatto caso se qualcuno lo ha scritto, ma il 29 alle 23,30 sono previsti i consueti fuochi d’artificio di fine sagra…ormai un classico dell’etstate braccagnina!!!!

    • sentinella ha detto:

      Menu sagra Braccagni
      Coperto: 1 euro
      tortelli al sugo 5
      tortelli burro e salvia 4,5
      acquacotta 4
      penne al ragù 4,50
      penne all’arrabbiata 4,5
      zuppa di funghi 5
      tris di primi 8
      scottiglia 6,5
      prosciutto e melone 5
      rostinciana 5
      cinghaile 7,5
      salsiccia 3
      bistecca di maiale 5
      bistecca di vitella 9
      trippa 5
      tris di secondi 11
      funghi fritti 5
      fagioli all’uccelletta 2,5
      fagioli lessi 2
      patate fritte 2
      pomodori 2
      formaggi 4
      frutta 2
      dolce 2,5

  16. lory ha detto:

    Sono stato alla sagra di Braccagni. Tutto buono, l’unica cosa che non mi è piaciuta è che non si poteva andare a giocare a pallone nel campo sportivo. Dato che ci ritornerò, spero che si potrà giocare.

    • Ric ha detto:

      Lo stadio di Braccagni è destinato alla squadra locale che dovrà affrontare il prossimo campionato. Come tutti i campi di calcio, durante il periodo estivo, si riparano buche e si risistema il manto erboso.

  17. mezzolitro ha detto:

    Viste le foto, devo dì che a stà là dietro, alla friggitrice, e mi perdo il passaggio di tutte qulle sventole;
    chiederò al Menga di spostare la mia postazione vicino al Bar.

  18. Carlo Vellutini ha detto:

    Via Mezzolitro non ti lamentare…hai la postazione d’angolo da dove puoi vedere bene il passo…E’ per questo che ultimamente la gente si lamenta che bruci un po’ troppo le patate!!! E poi devi stare buono con l’occhio lungo…sennò la fidanzata ti sistema!!!! 😉

  19. braccagni.info ha detto:

    Stasera alla Sagra ci sarà una novità: l’esposizione fotografica realizzata da wwww.braccagni.info La Sentinella del Braccagni:
    “Gente della Sagra di Braccagni”
    a cura del Granocchiaio di Maremma
    Molte foto da guardare, magari gustando un “sangria” del bar.

  20. braccagni.info ha detto:

    Problemi logistici ci costringono a rinviare l’esposizione delle foto a domani.

  21. mezzolitro ha detto:

    Vabbè, se ‘un si pole nemmeno scherzà, ditelo e mi ritiro nel mio regno fatto di vapori d’olio fritto.
    Vorrei approfittare del mezzo per fare un saluto ad un mio amico, Sergioallestero, che appunto stà lontano dalla famiglia e soprattutto dai tortelli maremmani al ragù, sua unica e vera passione terrena che sò per certo si collega spesso e volentieri al sito, così lo vorrei tranquillizzare sul fatto lo preoccupa di più:
    tutto a posto Sergino,vai tranquillo, è vero che ogni sera si fanno fori un migliaio di tortelli, ma nonnopepi tutte le mattine e le rifà e Anna di Giorgino e rifà il sugo.
    Naturalmente cerca di sbrigatti a tornà perchè ‘unnè che si pole stà fino a settembre ai fornelli…

    • nonnopepi ha detto:

      io non ho problemi per i tortelli al mattinom di buon ora mi metto al tavolino,ops scusate volevo dire al telefono e ne faccio 1000 1200 a secondo del bisogno quindi venite tranquillamente i tortelli ci saranno sempre

  22. braccagni.info ha detto:

    Inaugurata ieri sera l’esposizione fotografica “Gente della Sagra di Braccagni” a cura del Granocchiaio di Maremma, realizzata grazie a http://www.braccagni.info La Sentinella del Braccagni.

  23. Granocchiaio ha detto:

    Iersera mi so ripresentato con il cannone in mano e ho visto facce giulive e facce dallo sguardo enigmatico
    Le prime ereno di quelli fotografati, le seconde quelle stranite a cui non avevo ancora fatto foto o non ereno ancora state pubblicate

    Poi si presenta un fenomeno di modello che mi fa: cancellami dai tu clienti, perché dopo la foto che m’hai fatto, tra di noi tutto è finito!

    Io gli ho detto: se ti riferisci a te e alla tu faccia anch’io so d’accordo, non sei il mio tipo,
    ma come foto se ci fosse un concorso pe la meglio foto io voterei la tua !

    e se si facesse davvero un concorso???

    • biadone ha detto:

      io voto per quel canarino (o meglio canarone) giallo con bandana verde, che visto iersera dal vivo è anche meglio, nel senso che calzava crocs gialle con calzino verde … un bijou!

      • Granocchiaio ha detto:

        più che votallo sarebbe stato bello tu gli’avessi fatto l’arsomiglio pe mettello nel blog così che si vedeva anche noi e si poteva valutà l’esemplare……..

  24. Carlo Vellutini ha detto:

    Granocchiaio, ma da un palato fino come te una recensione sulla sagra l’attendiamo!!!! Ovviamente in tema culinario!!!!

  25. Mezzalira ha detto:

    Il Granocchiaio tace ma io la mia la dico

    Note (quasi) liete
    I prezzi sono grosso modo quello delle altre sagre, con l’aggravante del coperto: è odioso già nei ristoranti e nelle trattorie, qui è veramente indifendibile!

    Note meno liete:
    come a Montepescali, ma anche nella stragrande maggioranze delle sagre: i piatti, le posate ed il bicchiere continuano ad essere in plastica di pessima qualità: possibile che non sappiano che ci sono materiali riciclabili assai più gradevoli e non molto più costosi? Anzi non dovendo riciclare alla fine costano assai meno a tutti, e non si inquina! – Meditate gente, meditate

    Note (quasi) liete:
    la qualità del mangiare – qui degli esperti hanno stilato classifiche e voti: la cosa come gioco è sempre possibile, ma bisogna ricordarsi che di una sagra si tratta
    ciononostante, anzi proprio per questa ragione ci sono delle costanti che bisognerebbe ricordare e rispettare
    per esempio vanno bene i piatti già cotti e solo da riscaldare (il cinghiale in umido), non vanno bene le preparazioni da fare espresse (fritto) specie le carni alla griglia…………
    per queste è praticamente impossibile accontentare tutti sul punto di cottura, e poi quando la sagra parte la griglia diventa una bolgia, c’è la roba cotta, la roba stracotta, la roba sugherina (asciutta) e il must: la roba ghiaccia riscaldata, qualcosa di veramente infame che nemmeno il peggior nemico merita!
    Nota: è inutile fornire un coltello di ferro per tagliare la (dura) bistecca se poi si lascia la (gracile) forchetta di plastcia: a me mi s’è rotta al seconso tentativo di taglio!
    L’unica cosa salvabile alla griglia è Sua Maestà la salsiccia che come la prendi è quasi sempre suona
    Vanno bene le cose espresse ma facilmente gestibili come i tortelli e le penne, meno la ribollita che si lascia un po’ andare

    Note molto liete
    Il vino in bottiglia chiusa con tappo apribile dall’avventore

    Note quasi liete
    La scottiglia è un piatto di difficile esecuzione e forse un po’ caro a farsi bene, e qui è dimostrato
    Le patate fritte sono buone, hanno anche l’aspetto di essere immortali……….meglio non indagare

    Note molto liete
    I ragazzi che fanno il servizio per portare vivande e accessori piatti
    Meno bene che deve sparecchiare: non si sa bene a chi tocchi, ma ci vole tre volte il tempo necessario per le pietanze ordinate

    Note liete e meno liete
    Buona la pista di pattinaggio. Sbagliato il posizionamento dei gruppi che facevano musica.
    Deleterio perché sparava la musica nella zona mangereccia, poco accorto perché in fondo alla pista, lontano dalla gente che balla o guarda ballare e ascolta. Molto meglio sarebbe stato metterli con le spalle al distributore, a metà pista, suonando in mezzo alla gente e verso l’incolpevole campo da gioco. Semplice no?

    Note interrogative
    La sagra va bene per i giovani e meno giovani. Ma poco per i ragazzini e le bimbe. Non c’è spazio e motivi di svago per loro. Nemmeno un pezzo di campo verde per giocare……………….questo mi sembra veramente il colmo!
    come dire: vietato giocare nel campo da gioco!!!!!!!!!!!!!!

    • franck ha detto:

      … in effetti vedere quel prato verde del campo di calcio e non poterci entrare a giocare… per noi ragazzi sarebbe l’ideale.

    • Ballerina ha detto:

      Caro mezzalira,hai fatto un ottimo cappottino a tutta la sagra, però vorrei precisare alcune cose;
      1.Arrivata al punto “Ribollita” mi è sorto un dubbio: o alla sagra non sei mai venuto o di cucina non te ne intendi un gran che come vuoi fare apparire. Sai perchè?
      Alla nostra Sagra la Ribollita non è mai stata fatta ma la pietanza di cui penso tu parli si chiama Acquacotta e il procedimento di preparazione e somministrazione è totalmente diverso.
      2.Della griglia tutto puoi dire tranne che fa uscire carne cotta e riscaldata, la prova è che a differenza della salsiccia, che tu lodi tanto, tutto il resto viene cotto dopo specifica ordinazione dei camerieri con la comanda già in mano.
      3.Per quanto riguarda la bistecca di vitella, dove dici aver rotto 2 volte la forchetta, mi spiace e mi scuso ma è chiaro che su 200/250 bistecche a sera può capitare che il nostro fornitore ce le dia alcune più dure.
      4.Per quanto riguarda le patatine che dici immortali, credo tu ti riferisca al fatto che sono congelate, sì e vero sono congelate, ma è specificato nel menù contrassegnate da apposito asterisco. Nessuno è obbligato a prenderle.
      5.La scottiglia: anche qui dimostri di non conoscere bene la cucina, poichè la scottiglia di pollo, perchè questa serviamo, non ammette alternative di esecuzione. Così è e così va fatta. Non si può rispiarmare o spendere di più per farla meglio, la nostra ricetta è quella della tradizione maremmana, cipolla, pollo, pomodoro, e poi….
      6.Per quanto riguarda il discorso verde per i bambini, abbiamo già pensato di attrezzarci per l’anno prossimo, naturalmente non sul campo sportivo, che serve per ben altre attività e non per far giocare i bambini. Queste sono scelte della dirigenza dell’U.S. Braccagni.
      Concludo ringraziandoti per i suggerimenti che ci hai dato, che anche se negativi sono sempre costruttivi per noi, come spero che le mie delucidazioni sui punti da te toccati siano state esaustive per tutti i tuoi dubbi sul nostro operato.

  26. Mezzalira ha detto:

    guardi sgnorino franck che io dicevo pe i ragazzini e le bimbe……………….

    con un nome come il suo mi sa che unn’è ne il primo ne il secondo caso

    lei è più giusto che vadi a fa il ballo del trescone o le danze tribali eseguite in gruppo dalle locali tribù che sembreno tanti soldatini con la carica drento

  27. Mezzalira ha detto:

    Carissima Ballerina
    Nonostante la tua chiusura verrebbe da dirti: accetti tutto fuorché le critiche
    Punto per punto come vuoi tu

    Se per un refuso scrivo Ribollita con Acquacotta pensi di smontare una critica parti già con il piede di una polemica cavillosa e poco concreta. Quella che era era, e aveva un buon sapore e una consistenza poco invidiabile.

    Sulla carne dove sostieni che sia impossibile che qualche volta possa uscire carne riscaldata, delle due una o alla griglia ci sei stata poco o via via sei un po’ distratta……dal ballo?.

    Sulle posate (non riciclabili) non adatte ad aggredire una tenace bistecca (troppo) cotta ho detto la mia, ma pare che tu non abbia niente da dire…….

    Beh, che le patatine siano buone l’ho detto, che siano congelate mi sembra perfino ovvio, che siano immortali lo sospetto tuttora

    Tu ci creda o no, la scottiglia si può fare molto meglio. Per esempio come veniva fatta i primissimi anni proprio costì alla Sagra.

    Sul verde da “GUARDARE MA NON TOCCARE” scarichi tutto su “sono scelte della dirigenza dell’U.S. Braccagni”. Ma perché la Sagra è organizzata dal locale circolo degli scacchisti? Però ammetti il problema. Mi spiace che tu pensi che il campo sportivo “serva a ben altro”: io a questo proposito “penso ben altro”

    Infine spero converrai che anch’io potrei dedicarmi a cose più rinfrescanti che mettermi a fare cappottini alla Sagra, oltre tutto platealmente fuori luogo e tempo in queste torride serate di fine estate, se non avessi a cuore e un minimo di attenzione alle cose del nostro paese.
    Il tempo si perde e le critiche si fanno perché uno ci tiene a certe cose: se se ne fregasse se ne fregherebbe e non ci perderebbe tempo.
    Questo detto aggiungo un paio di osservazioni tra le note liete: il Cocomero che conteneva quella roba lì, la Sangria, e quella specie di mostra delle foto che non sarà stata così ben organizzata, ma pare abbia mosso un po’ le acque di una manifestazione un po’ sonnacchiosa e con riti triti e ritriti. Almeno un’idea diversa. Secondo me non è idea del Granocchiaio………..
    Ballerina, perché non mi dici niente della pista e della musica?

    • mezzamestola ha detto:

      Solo una cosa, la scottiglia non è pollo in umido con cipolla e ingredienti….. ecc…..

      ma è molto di più, e per di più intendo una cottura protatta per ore, tanto che alla fine il colore del piatto non è roseo come quello di un normale pollo in umido o alla cacciatora, ma un colore scuro, e il sugo è denso……
      di scottiglie ne ho mangiate tante, quando erano in vita le massaie che per tutta la vita l’avevano fatta, e ci avevano sfamato famiglie di 10 tredici persone…. utilizzando solo le parti meno ‘pregiate’ dei polli e di altri animali…

      la scottiglia è un piatto povero e ha un pò la stessa storia del cacciucco…. anche quello fatto con i pesci poco pregiati… che avanzavano al porto…

      la scottiglia veniva fatta con le parti di carne che non finivano in mensa padronale….

      una su tutte ricordo la scottiglia di Lina del Salvadori, sapore e profumo che niente ha a che spartire con la scottiglia da sagra che scottiglia non è, perchè manca della giusta cottura che in una sagra non si può garantire salvo non dare scottiglia riscaldata…

      Lina iniziava a cuocerla la mattina presto e dopo almeno 5 ore di cottura era pronta e immancabilmente, sapendo che ne ero ghiotto, un piattino era anche per me che abitavo al piano di sopra al suo.

      ma anche quella della sagra, se fosse scottiglia vera, sarebbe buona anche se fatta giorni prima, perchè la scottiglia è buona anche riscaldata..

      insomma con la scottiglia, con piccoli pezzetti di carne e un pò di pane insaporito, si serve a dosi minimali, un pezzetto di carne e un cucchiaio di sugo nero e denso per persona, perchè la scottiglia la si mangia con molto pane, sponsandolo appena nell’intingolo scuro… tanto questo è saporito per la prolungata cottura, e il pane che già è nel sugo sostiusce a buon proposito la carne che ai tempi dei tempi gli era molto poca e di tagli poco ‘nobili’ proprio come il caciucco fatto di pesci d’avanzo serale al mercato del porto di livorno.

      una porzione di scottiglia ben può reggere tre o quattro fette di pane, ma non di quelle mezze servite, ma di quelle a tutto pane… e non sfiloncino…

      detto questo secondo la mia esperienza contadina, quel pollo in umido era buono al mio palato, se poi lo chiamano scottiglia poco importa dai!…

      E ben vengano le polemiche , dove c’è polemica c’è vita, dove son tutti d’accordo c’è Polo Logistico ….

    • roberto ha detto:

      Cara Mezzalira, se il Granocchiaio vede che confondi l’acquacotta con la ribollita e ti da dieci.

      • Ric ha detto:

        So venuto a ballà alla sagra du volte ma so dovuto stare in piedi tutt’e due le volte. Pel prossim’anno un si potrebbe mette un pò di sedie in più per i pori ballerini?

        • Granocchiaio ha detto:

          Caro sig. Rik

          Lei ‘un si voti i coglioni
          Che chi gli’ha preso la sieda la rihaha
          A costi di levammela da ‘icculo!

          Scusi sa, la battuta non è mia ma è la battuta originale di Augusto Patron del Florida di Follonica anni ’60, che tutti sanno e sentono raccontà via via da circa cinqunt’anni a questa parte

          Mitico il locale, litico Augusto, mitica la battuta

          L’ho DOVUTA sparà perché so convinto che un mi ricapiterà mai più nella mi vita, dovessi campà anche quanto un pappagallo amerihano………….

          Prossimo anno le siede ci saranno, a costo di chiamà Augusto in persona!

  28. Mezzalira ha detto:

    Se Mezzamestola chiama, Mezzalira non può tacere

    Piace in modo particolare l’accenno al cacciucco. Non so in quanti sanno che nella zona di elezione la Scottiglia viene chiamata anche Cacciucco di terra.

    E poi siccome un si frigge co l’acqua, si distingue in Cacciucco da Penna e Cacciucco da Pelo.
    Dove evidentemente nel primo vanno a finire Papero, Polo, Farraona, Piccioni, Fagiani e altri similari. Nel secondo vanno ovviamente Lepre, Coniglio, Agnello, Maiale e similari.

    Circa il discorso degli scarti a me pare si debba citare la circostanza come riferimento storico e tenerlo nella giusta considerazione, e cioè poco e niente. Sia per il Cacciucco di Terra che per il Cacciucco di Mare.

    Cosi come le cotture infinite atte più a carni malandate e povere che agli ingredienti e alle possibilità di oggi. Non sottovaluterei anche l’aspetto salutistico dove i grevi soffritti fornivano possibilità oceaniche all’insorgere di malanni al fegato. E alla coratella. Il chiaro e lo scuto non è un film di Francesco Nuti, ma probabilmente una sfumata di vino rosso (magari di contadino, quello che non si riesce a strozzà) e un uso generoso della (desueta) conserva in luogo di buoni pomodori.

    Il resto è (discutibile) letteratura.
    I fatti sono i fatti e sulla qualità della Scottiglia servita alla Sagra, proprio perché è una Sagra, mi pare poter concordare con Mezzamestola, che sì, una volta si faceva bona, anche alla Sagra.

    Non me ne voglia chi l’ha fatta, perché sono convinto che è capace di farla anche lei come si deve.

    Ora Mezzamestola e Mezzalira hanno parlato. Manca Mezzolitro. Il Granocchiaio lasciamolo fa, c’ha il caldo e il cannone sempre in mano……………….

  29. mezzolitro ha detto:

    Fermi tutti,prima che qualcuno prenda cappello voglio fà una dichiarazione:
    alla sagra del Braccagni si cerca di fà il meglio che si pole, nel senso che le materie prime sò di ottima qualità, le pietanze sò cotte espresso alla piastra (bistecche, petto di tacchino, fettine, le salsicce e la rostinciana a ciclo continuo, le pataine idem come sopra, i funghi ci si prova a falli espressi ma non sempre il risultato ci soddisfa; dalla cucina escono pietanze preparate al mattino (scottiglia, cinghiale, acqua cotta e sughi vari) e poi riscaldate al momento della presentazione delle comande, i tortelli sò cotti espressi e la pasta quasi.
    Detto questo mi sembra inutile sindacare se qualche volta la bistecca è troppo cotta o è dura, questo succede anche nei ristoranti, è solo questione di gusti personali e tra 500/600 persone hai voglia a trovà da discute…
    I tutta questa marea di critiche, l’unica veramente nuova e originale mi sembra quella dei coperti in materiale riciclabile, ci si pole lavorà.

    • roberto ha detto:

      Ma io l’avevo detto i commenti culinari sulla Sagra facciamoli da lunedì.
      Un appunto sul campo sportivo: in genere sono fatti per giocarci a pallone, anche se rispetto la volontà della Dirigenza di non farci entrare nessuno durante la sagra. Cosa che in genere non avviene da altre parti: a Fonteblanda, S. Andrea, Orbetello, Marsiliana e via dicendo durante la sagra il campo sportivo è invaso da bimbi e ragazzi.

  30. Mezzalira ha detto:

    Scusi tanto signor Roberto

    Ma io in queste cose so un po’ come gli animali: se ho fame mangio, se ho sete bevo, se mi scappa la pipì, io piscio

    I commenti non si fanno a comando, ma quando ti scappano, come la pipì………..

    Vedo peraltro con piacere che pur rispettando (ma non condividendo) la Volontà della Dirigenza (guardare ma non toccare), anche lei constata lo sconcertante comportamento di località a noi vicine come Fonteblanda, S. Andrea, Orbetello, Marsiliana e via dicendo dove il campo sportivo (udite udite) è invaso da bimbi e ragazzi!!!!!!!!!!!

    che siano tutti ammattiti da quelle parti?

  31. Carlo Vellutini ha detto:

    Il campo di calcio è stato riseminato da poco, tanto che i ragazzi delle squadre del Braccagni per i primi dieci giorni si sono allenati su altri campi. Purtroppo il lavoro doveva essere fatto in anticipo, ma siccome è ad opera di una delle nuove ditte di Braccagni (La Franca), e lo fa gratuitamente, questa era prima impegnata nel eralizzare ijl nuovo campo in sintetico dello stadio di Novara. Dunque, giustamente, prima ha dovuto pensare al “dovere” (lavoro) e poi al “piacere” (risistemare a costo zero il nostro manto erboso). Tra l’altro questa azienda ha in gestione anche i campi (in questo caso in erba naturale) dell’Olimpico di Roma, di Palermo e di Catania, oltre ad altri ancora e molti dei “tappeti erbosi” vengono dall’area del Madonnino!!!!

  32. Ric ha detto:

    Grazie Granocchiaio sapevo che su di te si pole contà. Ma quest’anno si fanno i fohi artificiali? E se si indove?

  33. Carlo Vellutini ha detto:

    Fuochi artificiali confermati (Menghioni mi ha detto che saranno ancora migliori del passato!!!). Il posto è sempre il solito (incrocio Via Malenchini-via Anita Garibaldi), perché al camèpo non era possibile per ragioni di sicurezza.

  34. Ric ha detto:

    Ma il penultimo della serie di foto (Antonio) è Prodi in vacanza a Braccagni?
    Per lo meno gli assomiglia….

  35. Ric ha detto:

    A questo punto – visto che la Sagra dei Piatti Tipici di Braccagni volge al termine – penso sia doveroso un ringraziamento a tutti coloro che vi hanno partecipato, in particolare al Presidente Menghini, a quanti hanno lavorato alle cucine, a servire in tavola, alla cassa e quanti altri hanno dato il proprio contributo allo svolgimento della Sagra. La Piazza Virtuale di Braccagni dice grazie a tutti quanti e un arrivederci a presto per i turisti e paesani che sono intervenuti.

  36. roberto ha detto:

    …. e stasera tutti alla sagra!
    Programma: tortelli, trippa e fuochi, con tanti amici.

  37. rob. ha detto:

    Sono appena rientrato dalla Sagra: stanco ma contento (vedo che cmq già ci sono le foto della serata: complimenti Granocchiaio). Grande serata: tavoli strapieni, bar preso di assalto, tutti a ballare in pista come non si vedeva da tempo, simpatica e gradita la mostra fotografica, con il Granocchiaio che imperversava; i bimbi che, volenti o nolenti, hanno invaso (in un angolo) il campo sportivo. Come ho mangiato? Non ha importanza: è stato tutto un saluto, una pacca sulla spalla, uno scherzare. Chissà se scherzavano anche quelli della cucina che ci hanno cacciato dopo che eravamo andati lì per salutare un amico. Fa piacere cmq vedere diversi giovani al servizio della sagra; è stata sicuramente una serata impegnativa e forse qualche intoppo c’è stato.
    Sono dovuto andare via e non ho visto i fuochi, ma sono soddisfatto così.
    Al prossimo anno.

    • Fritz ha detto:

      Granocchiaio la foto non mi rende giustizia!!!! che st… mi hai preso il profilo sbagliato..altro che bar preso d’assalto:la birra a fiumi sembrava di essè all’oktober fest…per non parlà del limoncello del bailesse e della sangria della Vegè!!!…se i gendarmi facevano il palloncino ieri notte tutti in galera s’andava…bene i fochi..e la serata è finita da Lucia coi bomboloni caldi…anche li un casino di gente affamata anche se un pò sporcacciona coi rifiuti…Ma tutta stà gente quando un cè la sacra ma dovèèèè???

  38. Granocchiaio ha detto:

    i regazzini drento il campo l’avevo visti anch’io……….
    guarda l’ultima foto

  39. roberto ha detto:

    Credo che stasera anche tutti i pensionati/e che si ritrovavano intorno alla pista a veder ballare, rimpiangeranno la conclusione della Sagra.

  40. Mezzalira ha detto:

    Io propongo, a questo proposito, l’esposizione della bandiera a mezz’asta per almeno trentatre giorni

    Mentre veglie commemorative potrebbero essere organizzate dal CE.RI.SA.CO. (Centro Rimpianti Sagre Concluse)

    no comment oltre…………….

    • Ballerina ha detto:

      Mezzalira dai tuoi commenti sembra che ce l’hai tanto con questa sagra: se posso, ti vorrei chiedere il perchè..

      • Mezzalira ha detto:

        Carissima Ballerina

        Se ha ricevuto l’impressione che io ce l’ho con la Sagra le assicuro che così non è
        Penso abbia letto un po’ tutti i commenti a questo riguardo, e se ci fa caso, chi più chi meno adoperano toni scherzosi conditi via via di un po’ d’ironia e di sana canzonatura di paese

        Questo è tipico del nostro spirito di “toscanacci maremmani” e sono felice di essere nato e cresciuto in mezzo a questa gente che fa di questo un carattere assai particolare e da me amato ed ammirato. Invidiato da tanti, temuto da certuni, ma sicuramente è un segno distintivo di noi e della nostra terra

        Tutto questo detto se si rilegge quanto scritto sulla Sagra vedrà che si può vedere tutto sotto una luce assai diversa

        Io mi permetto di invitarla e rileggere tutto con questo spirito e vedrà che le cose assumeranno una colorazione ben diversa

        Se così non fosse, e solo su sua esplicita e reiterata richiesta, sarò disponibile ad esaudire la sua.

        Se così fosse potrebbe intanto anticiparmi il suo giudizio sulla votazione che proprio qui ha voluto stilare Patrizio:

        Sono andato a comprare qualche cosa da mangiare alla SACRA SAGRA di Braccagni, poi l’ho sottoposto al giudizio di una giuria al di sopra delle parti,
        ecco voti da uno a dieci:
        Acqua cotta 8
        fagioli all’uccelletta 6
        Tortelli al sugo 7+
        scottiglia 8
        patate fritte 9
        rostinciana 8
        funghi porcini fritti 9
        logistica della festa 9
        organizzazione interna 9
        ragazzi di servizio ai tavoli 10
        donne in cucina 9
        uomini in cucina 9

        come vede vengono dati i voti perfino agli uomini e alle donne in cucina……

        Lei condivide questa votazione?
        Metta lei i giusti voti, così tanto per capirsi, la prego

        E poi mi dica lei su questi argomenti:
        materiali (non riciclabili) dei piatti, delle stoviglie e dei bicchieri: voto______e note
        posizionamento dei gruppi che facevano musica: voto_________________e note

        termino la piccola amabile disamine rileggendo:
        roberto scrive:
        30 agosto 2010 alle 21:51
        Credo che stasera anche tutti i pensionati/e che si ritrovavano intorno alla pista a veder ballare, rimpiangeranno la conclusione della Sagra

        E io rispondo:
        Io propongo, a questo proposito, l’esposizione della bandiera a mezz’asta per almeno trentatre giorni
        Mentre veglie commemorative potrebbero essere organizzate dal CE.RI.SA.CO. (Centro Rimpianti Sagre Concluse)
        no comment oltre…………….

        Non le sembrano le poche parole di “roberto” una struggente pagina rubata al libro Cuore?

        Infine
        roberto scrive: 25 agosto 2010 alle 19:48
        Un giudizio culinario sulla Sagra da parte del Granocchiaio? Rischiosissimo. Meglio aspettare lunedì prossimo

        Secondo lei come mai “roberto” chiede che il giudizio culinario da parte del Granocchiaio sia meglio leggerlo a Sagra finita?

        La Sagra è finita e il Granocchiaio tace
        In compenso c’è chi parla
        E chi straparla

  41. Video sagra!!! ha detto:

    E’ stato appena inserito nella sezione VIDEO i “Video della Sentinella” un nuovo filmato fatto alla sagra di Bracacgni il 29 agosto 2010!!!

  42. Granocchiaio ha detto:

    a fine pagina le slideshow delle foto della Sacra

  43. Roberto Spadi ha detto:

    Ieri sera, in un clima prima surreale, poi via-via più acceso e a tratti surriscaldato, si è svolta un’assemblea della Circoscrizione sul tema della Sagra di Braccagni e le sue implicazioni politiche dovute allo spostamento del sito della Sagra dall’ex asilo alla pista polivalente.
    In definitiva un chiarimento tra la Presidente Balestri, il Consigliere comunale Jacobucci e gli organizzatori della Sagra (il Meneghini in primis) che, per me, ha portato ad una semplice conclusione: tutto fiato sprecato, più o meno ognuno è rimasto della propria idea, quindi è anche inutile continuare a parlarne.
    Non contenti si è parlato, per lo più a sproposito, anche del progetto di riqualificazione degli impianti sportivi e della copertura della pista di pattinaggio, ognuno con la sua Verità in testa e nessuna voglia di ascoltare eventuali argomentazioni opposte/diverse.
    Insomma a Braccagni siamo sempre fermi a Peppone e don Camillo.
    Che tristezza.

    • Carlo Vellutini ha detto:

      La mia posizione sia sulla Sagra che sul progetto di riqualificazione è chiara e indubbiamente favorevole per tutta una serie di ragioni che ho già spiegato. La cosa che mi ha fatto piacere – pur non potendo partecipare in quanto impegnato al lavoro come tutti i lunedì da dieci anni a questa parte…e forse quando si parla (male) di qualcuno i cui commenti sono pubblici e sempre firmati con nome e cognome sarebbe meglio invitarlo (e metterlo nelle condizioni di essere presente) anche se lo si fa sempre con terze persone e mai direttamente!!!- è che si è scoperto che esiste il nostro blog e che da qui possono venire anche delle critiche o degli elogi. Meno male…Per il resto meglio non aggiungere, anche perché (se è corretto ciò che mi hanno riportato) forse sarebbe meglio scrivere i commenti in inglese o in francese, forse si comprenderebbero meglio!!! Che nessuno si offenda…è solo una battuta!!!!

      • Carlo Vellutini ha detto:

        Mi è sfuggito un “nulla” dopo aggiungere!!!!

        • patrizio ha detto:

          e io che pensavo di essere il più cattivo e odiato…. di questo blog…

          meno male che sono in buona, anzi ottima compagnia.

          Ma dei veri e seri problemi di Braccagni proprio il PD non ne vuole parlare fino a quando non avranno deciso tutto senza dirci che cosa vogliono, dove vogliono, quando vogliono farci? Pare che la bagarre estiva abbia distratto i nostri politici locali da quello che per braccagni è un momento epocale nella sua storia, dopo quasi due secoli di pacifico sviluppo da cittadina agricola e tranquilla, vogliono trasformarla in periferia industriale della provincia… e si discute di una catena e di un lucchetto…. secondo me è Vergognoso!!

          • braccagni.info ha detto:

            So che si è parlato nella riunione anche del blog. Ci fa piacere quindi che sia letto, sarebbe davvero gradito se persone come Patrizia Balestri e Mario Iacobucci, visto il loro ruolo istituzionale, intervenissero nel dibattito che di volta in volta si crea, anche se rispetto la loro scelta, come di chiunque, di non intervenire.
            E’ chiaro che però deve essere rispettato chiunque intervenga nel blog, soprattutto quando si firma. Le critiche non sempre fanno piacere ma, credetemi, è importante quando ci si confronta, pubblicamente, sia in assemblea sia attraverso un blog. A Braccagni c’è bisogno di persone che hanno a cuore le sorti del loro paese. Partiamo da questo punto che ci accomuna, il resto viene da sè.
            Naturalmente vigileremo quando il tono degli interventi non sarà degno di questa “piazza”.

    • biadone ha detto:

      Peppone e Don Camillo? magari, almeno quelle erano sane e goliardiche “legnate” tra avversari politici, in un clima di odio e amore contraddistinto da un grande rispetto reciproco.
      Non è proprio quello a cui ho assistito!

  44. Carlo Vellutini ha detto:

    Quanto scritto da Patrizio, nella sostanza, è la “vera verità” che ormai da tempo cerco di far capire. Oggi il problema è la Sagra, domani sarà un’altra cosa, in realtà si registra un’immobilità clamorosa su una vicenda che potrebbe segnare e modificare il nostro paese. Capisco che qualcuno si offenda perché magari non è abituato a prendersi le critiche (da giornalista mi è capitato di elogiare o criticare dal Presidente della Regione, ai Sindaci, al Presidente della Provincia, figuriamoci se non posso farlo a titolo puramente personale con le nostre istituzioni locali…ormai ho anche le spalle larghe per gli attacchi altrui che mi scivolano addosso abbastanza bene, perché quando esprimi un’opinione devi anche saperti confrontare con chi non la pesna come te) però il ruolo e gli incarichi che si vanno ad assumere presuppongono responsabilità civili, penali, istituzionali e politiche. Se si vuol vivere senza doversi confrontare con gli altri e pensando di avere verità assolute forse è meglio che certi incarichi non si ricoprano. O se lo si fa basta accettare che ci sia chi la pensa in maniera differente da te!
    Detto questo credo che i problemi sottolineati da Roberto di un paese che lui, in maniera molto azzeccata, ha definito da Peppone e Don Camillo, portino con sé il fatto di non avere cose migliori di cui discutere che su un momento che dovrebbe essere di gioia per la nostra frazione, come quello di una Sagra.
    Detto questo vorrei dire che invece di problemi da affrontare ce ne sono eccome. Ogni giorno con il Polo Logistico ne spunta una nuova e, se ci confrontiamo con tanti politici, non riusciamo neppure a capire a cosa rischiamo di andare incontro. Per questo dico che le nostre istituzioni locali che avrebbero dovuto informarci su quanto sta accadendo e sul futuro della nostra frazione al momento sono state le grandi assenti, anche del dibattito. Non ne fo una quesione di partito, lo dico in generale, maggioranza ed opposizione (perché anche questa fa parte del firmamento locale, non dimentichiamocelo). Ricordo solamente una nota del locale PD in favore del Polo, anche se con molti distinguo al suo interno. Il punto è un altro: ma possibile che dopo un anno di cui si parla di questo argomento in maniera pubblica, e non nelle sedi di partito e basta, non si siano mai convocati i paesani per illustrare quale è il loro futuro, cosa si prevede di fare in questa frazione, come verrà modificato il nostro paese? Questo è il vero problema, non la Sagra o un progetto di riqualificazione che sono – e a mio giudizio debbono- essere i benvenuti perché alla fine migliorano la qualità della vita offrendo nuove possibilità. Ma il Polo Logistico e tutto quello che dietro a questa parola si cela la migliorerà? Al momento credo di no, sta a voi dimostrarmi (e dimostrarci) il contrario!!! Con fatti concreti, non solo con le parole e, soprattutto, senza rancore!!!

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.