Sulla scia delle scie

 

 

 


Archiviato in: LA NOTIZIA

RSSNumero commenti (4)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. Granocchiaio ha detto:

    Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

    Scie che sarebbero compatibili con le scie chimiche descritte dai sostenitori di questa teoria
    La teoria del complotto sulle scie chimiche (inglese: chemtrails) sostiene che alcune scie di condensazione visibili nell’atmosfera terrestre sarebbero presunti agenti biologici o chimici, spruzzati in volo attraverso ipotetiche apparecchiature montate su aerei, come parte di un complotto globale portato avanti da attori misteriosi per motivi sconosciuti.
    Vi sono numerose versioni di tale teoria cospirazionista, che propongono le ipotesi più diverse; la più comune è quella secondo cui si tratterebbe di un presunto “piano” di irrorazioni con presunte sostanze clima-alteranti; nessuna di esse ha però mai portato alcuna prova oggettiva a supporto delle asserzioni personali dei loro vari fautori.
    Tale teoria del complotto non ha mai trovato alcun credito nell’ambito della comunità scientifica, in quanto è totalmente priva di riscontri empirici, di coerenza o di prove scientifiche; le scie che i sostenitori della teoria identificano come scie chimiche sono infatti in realtà normali scie di condensazione (inglese: contrails), che in determinate condizioni atmosferiche assumono un aspetto inconsueto.[1]
    Il diffondersi di questa teoria nel mondo attraverso i mass media, e in particolare Internet, ha fatto sì che diversi enti governativi abbiano ricevuto richieste da molte persone che chiedevano spiegazioni in merito a questo presunto fenomeno[2].
    Gli stessi enti governativi e la comunità scientifica hanno ripetutamente dimostrato l’assoluta inconsistenza e incoerenza scientifica di tali asserzioni[3]. Analoghe risposte sono state date dai diversi governi italiani alle relative interrogazioni parlamentari, oltre che da numerosi piloti ed esperti meteo[4][5]. Anche riviste e programmi di divulgazione scientifica hanno definito la teoria “una bufala”.
    Il supposto rilascio di presunte “scie chimiche” non deve essere confuso con la tecnica detta cloud seeding (inseminazione delle nubi), che consiste nello spargere ioduro d’argento nelle nubi per stimolare le precipitazioni piovose.

    • mezzolitro ha detto:

      Ebbravo Ranocchio, belle foto! Sul testo avrei da ridire, nel senso che pensare che alcuni credano che ci siano persone che inquinano il cielo con sostanze chimiche pericolose facendole rilasciare dagli aerei di linea, mi sembra davvero troppo! Vabbè che il complottismo è uno sport molto praticato nel mondo, ma credo che se uno vole avvelenà l’aria ci sò modi molto più semplici, credo.
      Però noi che si sta proprio sotto una delle aereovie più trafficate, qualche “fenomeno” lo possiamo testimoniare.
      Proprio a me è capitato più volte di verificare la caduta di bei pezzi di ghiaccio sui campi intorno a casa mia.
      In genere capita in periodi ben precisi, fine maggio primi di giugno, e fine agosto primi di settembre.
      Una volta un pezzo di ghiaccio ha addirittura schiantato un tubo dell’irrigazione delle barbabietole, e il giorno successivo nel punto dell’impatto, oltre al tubo (in alluminio zingato) schiantato, si era creato un “alone” di 4-5 metri di diametro di barbadietole con le foglie “lessate” che poi sò seccate, idem con patatine un’anno dopo con un campo di pomodori (da qualche parte c’ho le foto con le piante lessate).
      A suo tempo feci delle ricerche, venne fuori che questi “ghiaccioli” vengono rilasciati dagli aerei di linea che in particolari condizioni climatiche in quota, gli scarichi delle toilettes prima si ghiacciano sotto la carlinga e poi quando gli aerei incontrano una zona più calda questi si staccano e precipitano.
      Una volta a Valdemiro gli sfondarono il tetto della stalla!
      Da un pò di tempo il fenomeno è diminuito, credo che sia a causa della diminuzione drastica dei voli!

  2. Ric ha detto:

    Bravo Mezzolitro un’avrai per caso scritto questo per avere i contributi?
    Guardando quelle strisce nel cielo a me pare siano nuvole chiamate cirri che sono ad altezza molto elevata (circa 12.000 metri) e che precedono le perturbazioni meteo. In particolare i cirri assumono delle conformazioni luminescenti perchè formate da ghiaccio, data l’altezza. Poi per il resto si va un po’ dalla fantasia alle cose possibili; ha ragione Mezzolitro, ci sono altre possibilità per inquinare l’atmosfera.

  3. Ric ha detto:

    ALLARME MALTEMPO Il nostro partner di metereologia Ilmeteo.it ci invia questo messaggio che noi giriamo ai visitatori del blog: “ALLARME MALTEMPO Attenzione: martedì 24 forti venti sciroccali pe4r circolazione depressionaria sulle Baleari. INTENSA PERTURBAZIONE NEL NORD TOSCANA E COSTE TOSCANE. Nel pomeriggio intense piogge in alta Toscana. ATTENZIONE NELLA SERA FORTI PRECIPITAZIONI IN ALTA TOSCANA”
    Giriamo la notizia e daremo notizia di ulteriori variazioni nelle previsioni.

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.