Le scelte azzardate

Archiviato in: FOTO VIDEO E MUSICALA CULTURALA NOTIZIA

RSSNumero commenti (10)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. Granocchiaio ha detto:

    Le scelte azzardate
    Ho sempre guardato con una certa circospezione certi prodotti bio. Cioè quelli che per rafforzare l’immagine di “natura(le) non trattata” qualche volta c’hanno un bachino che s’è scavato la sua tana proprio nella polpa della pera, o magari una pesca con un bel livido maron sotto la pelle vellutata. Poi mi dico che sono troppo sospettoso e alla fine cedo e compero un prodotto che chi non ce l’ha è come se non esistesse: si, compro anch’io una mela morsicata. Ovviamente come tutte le cose buone e bio bisogna pagarle un po’ di più. A me pare di pagarla un po’ parecchio di più. Ma vuoi mettere? Il look della confezione però è veramente di classe, e per di più è pesante, segno evidente che è roba mica di plastica, c’è del peso. Una volta a casa mi sbrigo a rifornirmi di energie a tavola, sistemo il cane che anche lui deve essere alimentato. Colei va a vedersi la Maria nazionale in Tv e io mi richiudo nel mio caotico e vergognoso rifugio personale. Mi sembra di tornare ragazzo quando stavo per aprire un prezioso regalo. Veramente assomiglia di più a quella sensazione di trepidazione e timore che ti assale quando hai fatto una spesa importante per una cosa tanto sognata e ancora mai avuta tra le mani e che temi per qualcosa senza sapere per che cosa. Forse è il timore di non essere all’altezza del dono o più semplicemente di non essere capace di apprezzarlo. O magari nemmeno di saperlo usare.
    La gentile signora mi aveva detto: guardi non si preoccupi, lei si collega a iTunes ed il gioco è fatto, fa tutto da se. Oramai è vietato stupirsi con questi meravigliosi aggeggi.
    Apro la confezione e continuo a vedere dettagli di gran classe come l’imballo, dei minuscoli opuscoli, i soliti accessori come cuffie e cavetti così ben arrotolati che te non riuscirai mai a rifare uguale e che quindi non rientreranno più precisamente nella confezione.
    Provo a cercare qualche traccia di istruzioni ma non trovo niente. Dovrei mettere la Sim ma non so dove metterla. Infine (su internet) pesco un signore che mostra come si fa, anche se pure lui mostra qualche difficoltà ad aprire il cassettino laterale. Vedo e sento che per aprire lo sportello ci vuole l’apposito attrezzo appuntito in dotazione. Ma io non lo vedo e non lo trovo. Possibile che lo abbia già perso? Visto che il buco della serratura è un microscopico buchino laterale provo con un ago per cucire, ma non riesco. O magari con la solita sfortuna nella mia confezione non c’è. Anche Enzo – che è un grande esperto e c’ha la mela morsicata da una vita – mi dice che deve esserci, guarda bene e vedrai che c’è. A notte fonda telefono a Paola, che anche lei ce l’ha, per sentire qualche conforto. Cerca di darmi consigli – usare uno spillo di sicurezza, o simile. Mentre parlo al telefono guardo quasi come un ingrato nemico l’oggetto, la sua scatola e la strafica confezione dei librettini fermati con una specie di diapason in metallo. Poi come un lampo: vuoi vedere che è quel diapason li la chiave per aprire? Sgancio l’aggeggio e capisco di aver vinto la prima tappa della caccia al tesoro.
    Penso a quei manigoldi che mi dicevano: guarda che è tutto intuitivo, basta provare e ci arrivi da solo. Riesco a mettere la Sim ed accendere la divina morsicata che mi ripaga con lo splendore di una videata piena di icone oramai familiari tanto si vedono giornalmente alla tv. Appagante senz’altro, ma a quante caccia al tesoro dovrò partecipare? E vincere? Non so perché ma mi viene a mente l’effige coniata sulle gloriose 50 lire.

    • tnroman ha detto:

      Quando ho cominciato a leggere non capivo dove volevi andare a parare…(l’agricoltura biologica mi sta particolarmente a cuore)…poi tutto si è chiarito…
      Hai ceduto al fascino della mela. Io per quanto apprezzi lo stile di tutti i suoi prodotti, sono contrario per principio ai suoi costi e alla sua filosofia. Se potessi abbandonerei volentieri anche Windows, ma per certe cose è un casino usare sistemi operativi Open source. Comunque sono curioso di leggere come procede la scoperta del nuovo device (a proposito -pad o -phone?)e ti auguro di non martellarti troppo sui…come faceva l’omino delle 50£

  2. fla ha detto:

    ahahha …. l’ omino col martello davanti all’ incudine!!!!
    Cmq, abbi fede, quando tornerai a riveder le stelle ti si aprirà un mondo fantastico!!
    Aspettiamo le puntate successive …

  3. Granocchiaio ha detto:

    Curioso che a prendere al volo il mio discorso siano uno degli amici a me più vicino e l’altro che è dall’altra parte del mondo! O forse no. Entusiasta sostenitore il primo quanto critico il secondo. Ottimo assortimento, proprio quello ideale ad una completa e obbiettiva analisi. Grazie al Fla e grazie a tnroman.
    Io vedrò di salvaguardare quello che mi resta sopra l’incudine!

  4. capinera ha detto:

    hai ragione…. non e’ cosi semplice come dicono ma credimi non riuscirai piu’ a farne a meno una volta che sara’ effettivamente operativo!! ti servira’ per qualunque cosa e in qualunque momento.
    Ogni cosa che scoprirai sara’ una conquista, comunque voglio farti i miei migliori complimenti per la tua coraggiosa apertura mentale!!!

  5. Granocchiaio ha detto:

    Le scelte azzardate
    Seconda puntata

    Il cammino nella giungla metropolitana è ripreso con costanza, pazienza ed umiltà. Ho una lista di “come si fa?” e di “perché?” che fa paura.
    Istruzioni del genere non l’ho trovate disponibili sulla MM (Mela morsicata) e non è possibile trovare tutto su Internet.
    Quindi con umiltà sono andato di nuovo a bussare alla generosa porta di Enzo per vedere se potevo risolvere qualche altro problemino.
    Papale papale chi ho chiesto: ma con sto coso ci si pole parlà solo in viva voce e con le cuffie? E lui mi ha redarguito stupefatto: ma scherzi? O che cosa? Ma certo che si parla anche normalmente portando l’MM all’orecchio. E io: l’ho fatto ma lo sento lontanissimo…… e lui: prova ad alzare il volume! Già fatto, non c’è verso lo sento a male pena. Anche lui non ha saputo che dirmi: guarda che il sistema ci deve essere, è così, non so cosa ti pol’esse successo………………
    Poi, non ricordo come m’è venuta un’idea circa l’MM all’orecchio: e se fosse la plastica di protezione dello schermo? Io di solito l’ho sempre lasciata sui cellulari finchè non erano malmesse. Quando poi le levavo, anche dopo diverso tempo, il vetro del cell era nuovo. Tolgo, a malincuore questa plastichetta e provo a chiamare un numero per vedere se funza. Cerrrrto che funza! Elementare, ora che l’ho fatto.

    Poi lo richiamo e gli segnalo il secondo inconveniente: guarda che anche con le cuffie ho dei problemi. Di solito non sento niente, solo una volta, casualmente hanno funzionato, poi niente. Ma c’è qualche modalità da applicare per renderle operative? Niente devi mettere lo spinotto e sono pronte. E io: secondo me è spanato il buco del jack delle cuffie, perché il mio ci largheggia…….come quello delle………(bip)
    E lui ancora: ma no guarda che deve funzionare e se no vorrà dire che hai un guasto, ma siccome c’hai la garanzia non ti preoccupare che ti cambiano il pezzo. Eh, si bella prospettiva. Sai se è il jack si cambia con poco, ma se è l’alloggiamento del jack c’è da cambiare l’intera MM. Quindi tempi lunghi, tutti i dati e le configurazioni già messe come le recupero…….speriamo di no.
    Siccome devo andare a Grosseto decido di andare al negozio dove ho preso l’MM e vedere di risolvere. La gentile signorina sentito il problema mi chiede di far provare a lei. Infila il jack, si mette l’auricolare, seleziona un numero e poi fa si con la testa….funziona? chiedo, e lei: si tutto e bene. Ma come? Faccio io cos’è successo? E lei: ma l’aveva infilato a fondo il jack? Credo di si. E così facendo riprendo l’MM e provo a togliere il jack, ma è duro ad uscire. Ecco cos’era. Andava spinto con forza per farlo entrare fino in fondo……riprovo anche, infilo fino in fondo e tutto funziona.
    Decisamente non ci ho fatto una gran figura, ma lo sapevo fin dall’inizio che bisognava armarsi di pazienza ed umiltà
    Pensate che io sia un brocco? Forse pensate bene. Ho una storia per un cambio del piano tariffario con un gestore che al confronto questa sembra l’Odissea dei lillipuziani. Se mi viene voglia la racconterò.
    Per la MM devo affrontare tre cose che mi stanno a cuore:
    1° con la posta ricevo ma non riesco a spedire
    2° come importare mia musica e foto dal mio pc (e come gestirle)
    3° come fare a mettere una musica scelta per ogni contatto che mi chiama
    cose che con il mio vecchio macinino facevo alla grande
    vero Fla?

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.