Cinema in Giardino alla Banca della Maremma di Braccagni

 

 

 

 

 

Ore 19.30 “apericena”

 

Ore 21.00 inizio proiezione

 

Per partecipare ad “Al Cinema in Giardino” è obbligatoria la prenotazione, poichè il limite massimo di posti disponibili è di 50 a serata.
Le prenotazioni possono essere effettuate telefonicamente, al numero 0564 474 213 oppure via e-mail, all’indirizzo info@cralmaremma.it

 

 

Archiviato in: LA NOTIZIALA VITA DI PAESE

RSSNumero commenti (6)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. Granocchiaio ha detto:

    Il Cral Maremma ti invita all’iniziativa “Al Cinema in Giardino”, tre appuntamenti con alcune fra le pellicole più apprezzate della passata stagione cinematografica, eccezionalmente proiettate all’aperto, presso il giardino della filiale della Banca della Maremma di Braccagni.

    Anche nelle occasioni di svago, la Banca ed il Cral Maremma non perdono di vista l’attenzione per il sociale: in coerenza gli interventi effettuati dal Credito Cooperativo a sostegno delle popolazioni colpite dal recente terremoto, verrà promossa, durante le tre serate, l’iniziativa nazionale “Rimettiamola in forma”, proposta da Federcasse in favore dei produttori agricoli emiliani e lombardi danneggiati.

    Oltre a goderti il film in programma e “l’apericena” che lo precederà, potrai così offrire il tuo contributo acquistando del Parmigiano Reggiano o del Grana Padano di alta qualità.
    Ore 19.30 “apericena”

    Ore 21.00 inizio proiezione

    Per partecipare ad “Al Cinema in Giardino” è obbligatoria la prenotazione, poichè il limite massimo di posti disponibili è di 50 a serata.
    Le prenotazioni possono essere effettuate telefonicamente, al numero 0564 474 213 oppure via e-mail, all’indirizzo info@cralmaremma.it

  2. Granocchiaio ha detto:

    Stasera 2 agosto 2012
    “Midnight in Paris”
    di Woody Allen (commedia, USA, 2011, 94 minuti). Gil – sceneggiatore hollywoodiano con aspirazioni da scrittore – e la sua futura sposa Inez, sono in vacanza a Parigi con i piuttosto invadenti genitori di lei. Gil è già stato nella Ville Lumiêre e ne è da sempre affascinato. Lo sarà ancor di più quando una sera, a mezzanotte, si troverà catapultato nella Parigi degli anni venti con tutto il suo fervore culturale. Farà in modo di prolungare il piacere degli incontri con Hemingway, Scott Fitzgerald, Picasso e tutto il milieu culturale del tempo, cercando di fare in modo che il “miracolo” si ripeta ogni notte. Suscitando così i dubbi del futuro suocero.
    Leggi la recensione su Mymovies.it

  3. Granocchiaio ha detto:

    Chissà quanto tempo era che non vedevo un film su di uno schermo come al cinema!
    Ero un po’ scettico un po’ per le zanzare, un po’ per la tecnica che ritenevo piuttosto alla buona per la proiezione.
    Appena seduto mi sono accorto invece che l’impianto visivo era di buon livello, mentre quello sonoro era addirittura eccezionale: buona qualità e godibilità dei tanti pezzi musicali del film.
    Un film dove non si tarda a sentire la mano di Woody Allen, specie nei colloqui. La trama è fantastica come nelle migliori occasione di certi film made in USA, mentre il racconto va via incalzante e avvincente.
    Le scene iniziali di Parigi valgono da sole la visione del film. Ci mostrano la Parigi più bella e caratteristica, quasi fosse uno spot pubblicitario, ma fatto da uno che la conosce bene e la ama. E sa filmare come si deve. Ho la fortuna di conoscerla abbastanza e di considerarla la città che più amo, per questo mi pare che l’introduzione sia un vero atto di amore verso di lei.
    La colonna sonora è un altro pilastro del film, bella incalzante, specie con la chitarra acustica e nel clarino che sospetto sia suonato qua e la da Woody Allen stesso.
    Mi ero seduto tanto per la curiosità su come si vedeva e si sentiva, ma per niente al mondo mi sarei poi alzato prima della fine.
    Vero che non mi ritrovavo il mio telecomando in mano, vero che le poltroncine in plastica non erano il massimo della comodità, ma tutto il resto è stato di una goduria unica.
    Belle, anzi bellissime e desiderabili, le donne così come le vede e le ama l’autore.
    L’ultima chicca che rende ancora più gradevole il film: la mancanza di Woody Allen come attore. Troppo spesso troppo ingombrante con quel suo modo di recitazione a mitraglia balbettante.

  4. GINESTRA ha detto:

    Serata carina,ottima la scelta del film complimenti agli organizzatori

  5. Carlo Vellutini ha detto:

    Ottima iniziativa. Bravi tutti!!!! E’ stata veramente una bella serata!!! Credo che questo dimostri come la Banca della Maremma, grazie al suo Cral, possa essere un valore aggiunto per il paese grazie ad iniziative di questo genere!!!!

  6. Granocchiaio ha detto:

    Con la proiezione del film “Quasi amici” si è concluso il ciclo “Al cinema in giardino”, una serie di appuntamenti cinematografici serali organizzati dal CRAL della Banca della Maremma. Un’iniziativa che, in coerenza con i principi sui quali si fondano le Banche di Credito Cooperativo, ha unito il piacere del cinema all’aperto alla solidarietà sociale: durante le tre serate, infatti, è stato promosso il progetto “Rimettiamoli in forma”, proposto da Federcasse, la Federazione nazionale delle BCC, in favore dei produttori di formaggio emiliani e lombardi colpiti dal recente terremoto. I partecipanti all’evento hanno potuto, così, acquistare del Parmigiano Reggiano e del Grana Padano di qualità, proveniente dai caseifici danneggiati dal sisma.
    L’attenzione della Banca verso il sociale è stata testimoniata anche dalla scelta della location per le tre serate: le proiezioni, infatti, sono state effettuate presso il giardino della succursale di Braccagni, la prima sede bancaria italiana totalmente ad “impatto zero”. L’edificio della filiale costituisce una testimonianza del percorso compiuto in questi anni dalla Banca della Maremma, assieme all’associazione Legambiente, sul tema delle energie rinnovabili, ed è strutturato in modo da consentire un notevole risparmio energetico, mediante lo sfruttamento degli apporti gratuiti di energia e l’ottimizzazione delle dispersioni di calore.
    Le tre serate hanno costituito un importante momento di aggregazione tra la Banca e la propria compagine sociale, grazie anche al momento conviviale della cena, offerta dal CRAL precedentemente alla visione dei film. Una testimonianza del fatto che esiste un modo differente di “fare banca”, e di stare vicini ai propri soci ed al proprio territorio. Lo spirito cooperativistico che caratterizza la BCC della Maremma risulta, inoltre, ancor più evidente se si considera che tutte le attività del CRAL sono interamente realizzate grazie all’operato dei dipendenti della Banca.
    Il risultato finale dell’iniziativa è stato estremamente positivo in quanto, oltre alla grande soddisfazione da parte dei presenti, verranno donati complessivamente euro 4.125 in favore dei caseifici del Parmigiano-Reggiano colpiti dal terremoto.
    Un ringraziamento particolare da parte del CRAL Maremma va a Gianni Burroni per le proiezioni, alla signora Agatina Salvadori, al ristorante “De Gustibus” ed a Simona Bellini “Prodotti tipici” per la preparazione dei buffet e, per la musica, all’Istituto Musicale Comunale Palmiero Giannetti ed al violinista Alessio D’Inverno.

    CRAL Maremma.

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.