Un’altra colonna degli Acquisti se n’è andata

Giulia abitava nell’appartamento di centro

Archiviato in: I RICORDI E I PERSONAGGILA NOTIZIALA VITA DI PAESE

RSSNumero commenti (3)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. Granocchiaio ha detto:

    Un’altra colonna degli Acquisti se n’è andata.

    Giulia Bacciarelli, vedova di Nando Parrini e mamma dell’amico Emo, è morta domenica 25 novembre alla bella età di 95 anni.
    Anche lei come me viene dagli Acquisti. Suo marito Nando era barrocciaio in fattoria. I barrocciai di allora erano i “camionisti” dell’epoca. Con il barroccio e due cavalli trasportavano tutti materiali necessari ai vari bisogni. Prima di lui i barrocciai “ufficiali” erano stati Guido Veltroni (babbo di Maria, moglie di Giuliano Boni e quindi mamma di Roberto e Alberto) e Florindo Bianchi babbo di Beppina del Lollo e di Vito. Proprio Florindo trasportando i sassi per la costruenda Chiesa del Braccagni rimase ucciso in occasione di un ritiro in quel di Montemassi. Nando andò a sostituire quindi proprio Florindo.
    Io sono stato amico, e lo sono tuttora di Emo Parrini, che è dell’età mia, un anno di differenza.
    Ogni volta che incontravo Giulia vedevo i suoi occhi accendersi. Era il riconoscimento delle nostre comuni origini. Non c’era bisogno di mettersi a ricordare, bastavano gli sguardi o anche dei piccoli accenni.
    Ma con lei il rapporto era veramente speciale: mi carezzava con dolcezza come si carezza un figlio, e io ricambiavo spesso con delle carezze come da figlio a mamma.
    Le sue carezze non sostituivano quelle del figlio, perché Emo è vivo e vegeto ed era in continuazione da lei. No, le sue carezze stavano a testimoniare dei rapporti davvero speciali che avevamo noi “gente degli Acquisti”. Tutti figli di tutti, tutti mamme e babbi di tutti.
    È strano, ma bello, che ancora oggi, a distanza di oltre sessant’anni che questi ricordi e questi sentimenti siano ancora così vivi e importanti. Capaci di accendersi appena vengono sfiorati dai soli sguardi.
    Una notazione che mi hanno fatto spesso al libro che ho scritto sugli Acquisti è stata quella secondo la quale io avrei raccontato una storia tutta al positivo, anche quando non parlavo bene di qualcuno. Il clima era pervaso da ricordi di quei momenti e sentimenti tutti speciali che ci legavano.
    Tra di noi, gente degli Acquisti.

  2. viviana ha detto:

    Le mie condoglianza sentite ad Emo che incontro spesso davanti ai cancelli della scuola elementare di via Sicilia , dove aspettiamo l’uscita delle nostre nipotine.
    Un’occasione quella per parlare dei vecchi tempi, per rievocare episodi lontani, per rammentare figure storiche del nostro piccolo paese .
    So che Giulia, grande amica della mia mamma, è rimasta lucida fino alla fine , in grado di ricordare bene ogni attimo della sua lunga vita . Mi ero riproposta tante volte di andare a trovarla , sicuramente si ricordava di me bambina e soprattutto della mia mamma . Quei propositi che di fanno e non si mantengono per una serie infinita di motivi.
    Oggi il dispiacere di sapere che ,
    come dice Roberto, se ne è andata un’altra colonna della nostra comunità .

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.