Il Comune non può vietare il circo

american circus

Archiviato in: LA CULTURALA NOTIZIALE MANIFESTAZIONI

RSSNumero commenti (7)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. Granocchiaio ha detto:

    «Il Comune non può vietare il circo»

    Il presidente dell’Ente nazionale alla Lav: non bastano le vostre pressioni, c’è una legge nazionale che ci tutela

    ________________________________________
    GROSSETO C’è una legge nazionale, in vigore da quasi cinquant’anni, che consente ai circhi di fare la propria attività, garantendo gli spazi nelle varie città. E ci sono numerose sentenze che chiariscono che un’ordinanza di un Comune non può vietare ciò che la legge dello Stato permette. Per questo Antonio Buccioni, presidente dell’Ente Nazionale Circhi, replica alla Lav e ai consiglieri comunali che chiedono che l’attendamento sia vietato. «Curiosa idea di democrazia quella espressa dalla Lav – scrive in una nota –. “Oltre alle pressioni della Lav, anche più di cento cittadini hanno scritto al sindaco” dichiara il responsabile Lav di Grosseto, chiedendo al Comune di emanare un’ordinanza di divieto ai circhi con animali. Secondo la Lega Antivivisezione, dunque, basterebbero un’esigua minoranza rumorosa e le pressioni di un’organizzazione di parte per ottenere da un Comune la non applicazione dello legge dello Stato (la n. 337 del 1968), e la cancellazione di un’inequivocabile giurisprudenza consolidata in materia, che parte dal 1994 e arriva ai giorni nostri. Cento, ma nemmeno duecento o cinquecento cittadini, hanno il diritto di imporre agli altri 82 mila e più, un’ideologia fanatica che non esprime certo la maggioranza né del comune sentire dei grossetani e né, tantomeno, della maggioranza degli italiani. È davvero pericoloso che qualcuno pensi di dettare legge con il metodo della pressione, che rasenta la volontà di sopraffazione, perché questo si che significherebbe farsi beffe del sistema democratico. Sorvoliamo sulle denunce che piovono sui circhi ma che poi vanno provate nei tribunali». «L’American Circus – spiega ancora – vanta un ammaestratore che porta il nome di Flavio Togni, il quale ha vinto tre Clown d’Argento e un Clown d’Oro al Festival Internazionale del Circo di Montecarlo per i suoi numeri con gli animali, frutto di un lungo e attento ammaestramento in dolcezza. Nel merito, le linee guida Cites non possono essere evocate per introdurre divieti, come ha stabilito l’ultima sentenza (4 luglio 2012), in ordine di tempo, quella del Tar dell’Emilia Romagna, che ha cancellato l’ordinanza di un Comune emiliano che si era proprio richiamato alle linee guida Cites per introdurre il divieto agli spettacoli con primati, delfini, lupi, orsi, grandi felini, foche, elefanti, rinoceronti, ippopotami, giraffe e rapaci diurni e notturni: “Secondo un indirizzo giurisprudenziale che il collegio pienamente condivide, nell’attuale vigente ordinamento giuridico – scrive il Tar – è pacifico il potere dell’ente locale di disciplinare e vigilare nell’esercizio dei suoi poteri di polizia veterinaria sulle condizioni di igiene e sicurezza pubblica in cui si svolge l’attività circense e su eventuali maltrattamenti degli animali, sanzionati anche penalmente dall’art. 727 c.p., non esiste, in contrasto, una norma legislativa che attribuisca allo stesso il potere di fissare in via preventiva e generalizzata il divieto assoluto di uso degli animali in spettacoli, ed anzi un simile intervento si pone in palese contrasto con la legge n. 337 del 1968, che tutela il circo nella sua dimensione tradizionale, implicante anche l’uso degli animali”. Quella sentenza fa chiarezza anche sul ruolo delle associazioni animaliste. In corso di giudizio la Lav è infatti intervenuta ad opponendum, eccependo l’inammissibilità del ricorso, in quanto lo stesso non le era stato notificato quale soggetto controinteressato. Il Tar ha invece ritenuto ammissibile il ricorso presentato dal circo Moira Orfei, anche in forza della seguente valutazione: “non risulta sufficiente, di per sé, la mera qualificazione di associazione che, come altre presenti sul territorio nazionale, tutela in via generale le specie animali, per assumere la veste di soggetto controinteressato in senso sostanziale nel giudizio proposto avverso tale divieto”. Ognuno al proprio posto e tutti rispettosi della legge, insomma».

    Il Tirreno
    MARTEDÌ, 19 FEBBRAIO 2013
    Pagina 19 – Grosseto

  2. mezzolitro ha detto:

    Vorrei che gli animali “ammaestrati” e custoditi con tanto amore e dedizione, potessero dire la propria opinione in proposito.

    • Granocchiaio ha detto:

      Sì, e io che i ciuchi volassero!
      Ma cerchiamo di essere seri e non facciamo i modaioli a tutti i costi!

      • mezzolitro ha detto:

        Senti un pò ranocchio, come li addestreresti codesti ciuchi volanti? Le tecniche sò sempre quelle, frustate, poco o punto cibo, poca o punta acqua, catene corte, droghe, e poi volareeeee, ho ho, volaree, sempre più sù….
        Poveretti, gli animali e chi va a vedè cotanti spettacoli.

        • Granocchiaio ha detto:

          cioè, fammi capì: il tuo cane – o quello della tua famiglia – l’hai allevato e addestrato con questi sistemi? pure con il gatto? e con le bestie che tiravano il carro? o anche con i cavalli da monta?
          conosci solo le frustate, poco o punto cibo, poca e punta acqua, catene corte, droghe…….solo questo conosci?
          mi sembra un bel campionario, complimenti!

          • mezzolitro ha detto:

            No caro, gli animali che vivono a casa mia non fanno spettacoli pè divertì grandi e piccini (di cervello…), ma vivono tranquilli e beati, in cucce e ceste comode, ben pasciuti.
            Le “torture” che ti ho elencato nel precedente post le subiscono i cavalli, gli orsi, le scimmie, ecct… che “lavorano” nei circhi…

  3. Granocchiaio ha detto:

    caro Mezzolitro
    A questo punto immagino che gli animali che vivono a casa tua lo facciano per loro libera scelta, o quantomeno abbiano esplicitato la loro opinione in merito.
    Immagino anche che gli animali domestici siano tali per loro scelta o quantomeno siano stati anche loro interpellati in proposito.
    Per quanto riguarda gli animali nel circo sono cose che esistono da millenni e solo ora con la “modernità” di certi pensatori si mette in discussione validità ed etica.
    La stessa modernità, almeno quella più coerente, diventa vegana e rifiuta di mangiare animali allevati a questo scopo. Non condivido nella maniera più assolta, ma ammetto che in effetti una coerenza c’è. Evidentemente per taluni domare ed ammaestrare gli animali per il circo no, ma allevarli ed accudirli per poi ucciderli e mangiarli sì. Per caso appartieni a questo gruppo?
    Immagino ancora che tutto quello che viene “imposto” agli animali per le attività dell’uomo siano da te condannate. Penso per esempio ai cavalli addestrati nel dressage. Per non parlare dei cavalli da corsa che quando arrivano in dirittura non ricevono certo carezze.
    Io la penso diversamente. Come in tutte le attività umane c’è chi le fa bene e chi no. Ci potranno essere addestratori (o domatori) che fanno il loro mestiere in un modo o che in un altro.
    Ammetto in fine che ci sia gente che la pensa diversamente da me. Anche se mi fanno un poco paura.
    Per ora quindi fermiamoci al fatto che esiste una legge sui circhi e che questa deve essere rispettata. Anche se c’è una minoranza che strilla e sbecera il proprio dissenso. In democrazia per cambiare le cose ci vuole una maggioranza ed un legge.

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.