Prima Grande Rimpatriata dei Braccagnini: In viaggio verso il passato

*

foto a Rocca di Montemassi

foto a Rocca di Montemassi

piccole anticipazioni sui filmati completi della manifestazione

zona centrale foto

lato sinistro foto

zona centrale foto

zona centrale foto

lato destro

 

Alcune foto scaricate su Facebook

Archiviato in: FOTO VIDEO E MUSICAI RICORDI E I PERSONAGGILA CULTURALA VITA DI PAESELE MANIFESTAZIONI

RSSNumero commenti (12)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. braccagni.info ha detto:

    In viaggio verso il passato

    Quante volte è capitato di ripensare agli amici e conoscenti di 40, 50 o 60 anni fa! Parlo soprattutto delle persone che non hai più visto da allora. Persone che sono partite, emigrate per altre regioni, altre città, altre occupazioni e destini. Se non hai avuto più contatti con loro ti viene di pensare: cosa faranno adesso? Che vita avranno avuto? Che famiglia, che storie avranno avuto? Che aspetto, che faccia avranno adesso?

    Poi ti rendi conto che sono interrogativi destinati a non avere risposta e passi oltre. Non puoi avere risposte perché non hai più nemmeno l’indirizzo, o un numero di telefono, o magari un indirizzo e-mail, non sapere nemmeno da dove rifarti per trovarli. Mi riferisco soprattutto a chi è andato lontano, fuori provincia, forse a Firenze, a Torino o chissà dove. Per chi è partito da decenni dal paese ma è rimasto in zona, magari proprio a Grosseto, il problema è semplificato: chiedendo in giro c’è sicuramente qualcuno che sa, che ha visto, che sa a chi chiedere. Però anche in questo caso ci vuole un motivo particolare, con una certa urgenza o necessità, altrimenti tutto rimane a livello di pensiero passeggero. Anche perché non c’è un motivo vero per cercarlo, per parlarci e meno ancora per incontrarlo. Sono tutti tragitti mentali e viaggi verso il passato che abortiscono poco dopo essere nati. Con superficiale leggerezza si lascia perdere e si va oltre.

    Poi succede qualcosa di nuovo, qualcosa che rompe questo circolo vizioso. Succede perché qualcosa è cambiato in questi ultimi anni. Qualcosa che ha accorciato le distanze e aperto finestre, possibilità di trovarsi, di dialogare e di vedersi prima nemmeno immaginabili. Questo nuovo incredibile mezzo si chiama web o più semplicemente “internet”. Con i motori di ricerca su internet trovi di tutto e di più, ma nel senso più pieno del significato. Poi una rete sociale (in inglese social network) connette tra loro da diversi ambiti sociali. Legami che vanno dalla conoscenza casuale, ai rapporti di lavoro, ai vincoli familiari. Tra quelli più usati al mondo vi sono Facebook e Twitter. Altro oggetto misterioso e nuovo entra in gioco: il Blog. Una specie di diario aperto al pubblico dove il titolare scrive e può mettere immagini e suoni, e il pubblico tutto, rispettando certe regole, può intervenire, commentare, rispondere o chiedere. E questo è un nuovo significativo passo verso una comunicazione più aperta generalizzata e capillare.

    Io frequento questi “luoghi”, uso questi mezzi, anche se non è facilissimo padroneggiare con destrezza questo mondo digitale. Però, con tanta buona volontà, qualche aiuto dai più giovani (i miei nipotini di 8 e 10 anni già mi danno delle discrete dritte), cerco di stare perlomeno al passo.
    Ed è così che mettendo sul blog http://www.braccagni.info e sul mio profilo di Facebook notizie, ma soprattutto foto, in particolare foto di diversi anni fa, è iniziato un fenomeno non previsto. Molti si sono fatti vivi chiedendo se per caso la foto ritraesse la tale classe scolastica, in un certo anno, se quello in seconda fila non fosse proprio lui o come si chiamava la ragazzina tutta bionda con le treccine. Uno, due e poi tre e poi via via molti si sono presentati in questa maniera. sul blog abbiamo un articolo che sia chiama “A volte ritornano” e li vanno molte di queste foto. Altre direttamente su Facebook. Dalla semplice richiesta s passa a qualche confidenza, a qualche richiesta di informazione, come stai, che fai, dove sei. Il passo successivo, inevitabile, è stato: ma non sarebbe bello rivedersi? Dopo tutti questi anni………
    Così è iniziata la storia che ci ha portato ad organizzare la Prima Rimpatriata dei Braccagnini. Rimpatriata che si è svolta nei giorni 28 e 29 settembre 2013. Con un successo inimmaginabile. Non tanto per il numero dei partecipanti, 120 solo alla cena del sabato, quanto per l’entusiastica partecipazione e soddisfazione di tutti i partecipanti. L’esclamazione più diffusa è stata “mì! O tè?” e giù baci&abbracci! (cit. Sciabolik). Mentre al momento dei saluti finali il ritornello infinito era: la rifaremo vero? Quando?

    (continua)

  2. braccagni.info ha detto:

    prima piccola anticipazione sui filmati dell’intera manifestazione

  3. Ric ha detto:

    Ce ne sono ancora un paio di centinaia da scaricare… a domani!

  4. mezzolitro ha detto:

    Torno sulla serata di sabato, aspettando la pubblicazione delle foto (mi dicono migliaia…), per parlare degli incontri che io, forse uno dei più giovani tra i presenti alla serata, ho fatto con i “rimpatriati”.
    Devo dì che è stato più facile far capire chi ero quando ho cominciato a presentarmi come il figlio di Metardo e Maria, oppure come nipote di Carlo e Damiano, al che qualche luccichio negli occhi dell’interlocutore l’ho visto.
    Tra tutti gli incontri fatti, sono rimasto colpito dalla verve di Viviana che non conoscevo, e dalla simpatia del Frare, quello che considero uno dei talenti inespressi (o parzialmente espresso) di Braccagni, forse e sottolineo forse, non ha avuto la costanza di applicarsi fino in fondo al mestiere che si era scelto (o il mestiere aveva scelto lui, chissà…), certo è che quando lui se ne è andato da Braccagni, dopo qualche anno in provincia è esplosa la viticoltura di qualità e poteva fare davvero affari d’oro. Un vero peccato, bastava aspettare ancora un pò ed era fatta.

  5. Ric ha detto:

    Sono un vecchio appassionato della fotografia ed ho dato la mia disponibilità a scattare le foto dell’evento una volta definito il programma delle giornate della “Rimpatriata” che, come è stato visto da tutti, è stata organizzata fino nei minimi particolari con disponibilità economiche limitate ma con tanto entusiasmo. Vedendola come appassionato della fotografia, voglio dire che in questa occasione mi è capitato di vedere volti di persone veramente emozionate, di quella emozione che non si esprime con le parole o con i gesti, ma con l’espressione e sopratutto con gli occhi. E’ il caso della foto di quella signora che, una volta ricevuta la medaglietta ricordo di Braccagni.info, si è alzata in piedi per farsi fotografare con grande semplicità e un sorriso quasi imbarazzato: è venuta una bella fotografia. Quattro signore che sono state sempre insieme fotografandosi con una piccola fotocamera tascabile, non appena mi hanno visto passare si sono alzate senza dire una parola per farsi riprendere e con un sorriso appena abbozzato sicuramene per l’emozione di essere insieme e con tutta quella gente; anche questa è venuta una immagine molto bella. Molte altre di queste immagini verranno caricate su un CD che è nostra intenzione fare. Ho sopratutto cercato di riprendere i volti e l’espressione che si vedeva chiaramente nelle persone; la caratteristica saliente della serata non era il clima di rumorosa rimpatriata o di facile entusiasmo tipico degli incontri tra ex amici o compagni, si trattava invece di un consistente gruppo di persone estremamente felici di ritrovarsi insieme che non manifestavano esteriormente questa loro sensazione. Braccagni.info assieme al Centro Sociale di Braccagni è riuscito a piazzare un evento in modo magistrale e con una grande partecipazione di volontari che hanno collaborato con grande capacità, come le cuoche, coloro che hanno servito la cena e tanti altri che si sono offerti in modo gratuito per la riuscita dell’evento.
    Sto effettuando la post-produzione delle foto e ci vorrà ancora qualche giorno per ottimizzarle tutte perchè solo io ne ho scattate varie centinaia, ed eravamo due fotografi…
    Un ringraziamento particolare va alle Autorità che hanno partecipato alla “Rimpatriata”; per fortuna Braccagni e la Maremma dimostrano sempre di essere fatto da gente unita, anche nelle Istituzioni!

    • mezzolitro ha detto:

      Alloraaaa!!!!! Queste fotoooo!!!! Escono o no?

      • Ric ha detto:

        Pazienza qualche ora: il Granocchiaio ha ricevuto le foto ed ora le sceglie: sono tutte molto bellissime!

        • mezzolitro ha detto:

          Se sò tutte bellissime, che c’è da sceglie?
          FO-TO!
          FO-TO!
          FO-TO!
          FO-TO!
          FO-TO!

          • Granocchiaio ha detto:

            carissimo mezzolitro
            Devo farle presente che le foto sono state fatte da ben 4 fotografi diversi, tutti con una notevole preparazione professionale. Infatti io non c’ero.
            Ovviamente, però, ognuno ha lavorato con “il suo”, cioè con il suo stile, con i suoi tempi, con i suoi soggetti, con le sue cronologie, con il suo proprio modo “di intendere e di volere”. Dunque tutte queste foto devono poi essere armonizzate nella presentazione sennò vien fuori un gran guazzabuglio.
            Essendo poi dei fotografi amatoriali, ma forse proprio per questo, molto scrupolsi, hanno dovuto/voluto ripassare le proprie foto con programmi adeguati (Photoshop e similari)
            Le ultime foto, degli ultimi due fotografi, mi saranno consegnate a fine giornata, può darsi in nottata. Si, perché si deve sapere, che non essendo il loro mestiere, fanno tutto il lavoro nei ritagli di tempo.
            Questo spero sia esauriente circa la spiegazione dei tempi necessari. Da questo, caro mezzolitro, capirà che io avrò tutto il matertiale – non meno di 6-700 foto e oltre due ore di filmato, se tutto va bene, a partire da domani mattina. Da domattina lavorareemo per la selezione delle foto, delle scene, dei tempi e quindi del time line relativo. A questo lavoro, ove riterremo utile, metteremo anche un sottofondo musicale.
            Per tutto quanto sopra detto prevedo che il lavoro non sarà pronto prima di metà settimana prossima.
            Sul risultato finale speriamo, ma non possiamo garantire niente, se non scrupolosità e passione.
            Abbiate pazienza, vi prego.

            P.S. a dire la verità una delle ragioni del ritardo sta anche nel fatto che non riusciamo a trovare una foto che le renda giustizia (sia cioè presentabile), intendiamo a lei, non alla persona che le sta vicino e per la quale, ovviamente, non ci sono problemi……..

      • Ric ha detto:

        Carissimo Granocchiaio, vista la bella riuscita della festa e le molte persone che lo chiedono, hai intenzione di fare un DVD od un CD per le foto che abbiamo scattato io e Enzo in occasione della festa? Sarebbe una bellissima idea!

        • Granocchiaio ha detto:

          carissimo Ric
          la risposta è nella replica fatta a Mezzolitro: si, faremo un DVD. Anzi, forse due.

          Uno sarà “da vedere e da sentire”, cioè immagini, foto, filmati e sonoro. Uno conterrà invece le copie di tutte le foto per cui ognuno potrà stamparsi in proprio, o farsi stampare da un fotografo, tutte le fotografie che interessano.
          Questo per venire incontro alle richiesta specifiche dei partecipanti. In effetti al momento di salutarci le richieste erano due:
          1. Rifaremo un’altra rimpatriata? Quando?
          2. Come si fa a vedere ed avere le foto delle due giornate?
          Le risposte sono qui:
          1. Si, a botto rispondo sì, la rifaremo, l’anno prossimo. E saremo molti di più, perché c’è tuttora gente che mi chiama dicendomi che l’ha saputo in ritardo e che avrebbe voluto partecipare!
          2. Per vedere ed avere le copie, come detto,
          faremo un cofanetto con due DVD: uno da vedere e sentire, uno utilizzare in proprio tutte le foto. Ve lo faremo sapere appena pronto.
          Spero di essere stato esauriente.

          Sempre a vostra esposizione.

  6. mezzolitro ha detto:

    Photoshop!?!?!?!?!?
    Allora, se per puro caso, in qualche foto in cui sono presente mi trovo senza capelli e grassottello, vi faccio passare “l’anima dei guai!” come disse il capitano De Falco allo sciagurato Schettino! Quindi occhio alla penna!

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.