il Governatore Rossi e la Ferrari

*

Ferrari

 

Archiviato in: LA CULTURALA NOTIZIALA VITA DI PAESE

RSSNumero commenti (2)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. Granocchiaio ha detto:

    Da Facebook
    Enrico Rossi Presidente • Piace a 63.259 persone
    18 dicembre alle ore 10.45 •

    Non si danno contributi per riparare una Ferrari, anche se alluvionata.
    Tra gli alluvionati della Maremma c’ è un signore in possesso di Ferrari. Non posso dire “beato lui”, perché se avessi tanti soldi li spenderei in altro modo. De gustibus non est…
    Invece, ciò che non si può accettare è che costui riceva contributi pubblici per i danni all’ auto.
    Così, ho telefonato al prefetto Gabrielli, e insieme abbiamo deciso di bloccare gli interventi a favore delle auto di lusso e di ridistribuire i risparmi ottenuti a chi ne ha bisogno.
    Un piccolo atto di giustizia in un mare di ingiustizia imperante.
    E anche una piccola riflessione: leggi e atti burocratici non possono prevedere tutto; non possono sostituirsi alla assunzione di responsabilità che spetta a chi fa politica,rivestendo ruoli pubblici, e ai funzionari di alto livello.

    ENRICO ROSSI: “NON RIMBORSATE LA FERRARI ALLUVIONATA”
    Scritto da Comitato 7 Novembre
    Giovedì, 19 Dicembre 2013 06:40

    Su facebook si è scatenata la bagarre sul post apparso sulla pagina di Enrico Rossi, Presidente della Regione Toscana, post nel quale invita il prefetto Gabrielli a fermare il risarcimento di svariate decine di migliaia di euro per una Ferrari persa nell’alluvione della Maremma. Intanto c’è da dire che il proprietario, un farmacista benestante, aveva già dichiarato alla stampa di avere intenzione di devolvere in beneficenza la cifra risarcitoria. Rossi invece di bloccare il contributo avrebbe dovuto fare 3 cose:
    a) chiamare il generoso farmacista e ringraziarlo per il bel gesto,
    b) prendere atto del caso limite, peraltro già avvenuto anche a Marina di Campo dove è stata rimborsata una Ferrari e non rimborsato l’acquisto di un’auto con comandi modificati per portatore di handicap, e quindi cospargersi il capo di cenere perché queste sono le regole dei rimborsi seguiti della Regione Toscana.
    c) valutare che chi possiede una Ferrari e non una Audi o una Mercedes non è un cittadino da discriminare.
    Dobbiamo ricordare che in caso di alluvione ai cittadini toscani di Lunigiana, Elba e Maremma non è riconosciuto alcun rimborso per la mobilia e i propri averi perduti nelle case ai piani terra. Invece se si abita al secondo piano e si perdono 2 auto di media cilindrata si può ottenere un rimborso anche di 10/15.000 euro, questo a patto che si ricomprino le auto o si abbiano i soldi per ripararle, quindi è sempre un sistema che premia chi abbia “censo”.
    Se si è una coppia di pensionati con la minima, non automuniti, abitanti al piano terra, che abbia perduto tutta la mobilia e tutti gli elettrodomestici di casa, questi pensionati non hanno diritto a nessun rimborso! Alcune coppie alluvionate di pensionati con la minima esistono davvero, per evidenti motivi anagrafici non hanno accesso al credito, non possono ricomprarsi nulla e dovranno arredare casa con i mobili usati e vestirsi alla Caritas. Alcuni di essi sono anche in condizioni psicologiche piuttosto preoccupanti.
    Altro che Ferrari della Maremma!
    Rossi si preoccupi pure di non far rimborsare la Ferrari, ma prenda atto che il sistema risarcitorio adottato per la Toscana ha ben altri paradossi da evitare.
    Sbagliare è umano, caro Presidente Rossi trovi anche i fondi per rimborsare i mobili.
    Comitato 7 novembre 2011

    http://www.elbareport.it/

    • Granocchiaio ha detto:

      Anche a me pare un poco discutibile l’uscita del Governatore.
      Pare abbia deciso di bloccare (immagino per il futuro) gli interventi a favore delle auto di lusso, come una Ferrari appunto.
      Mettiamo che un cittadino possieda sette auto di media cilindrata, uno per ogni giorno della settimana, dal valore complessivo di una Ferrari come quella dell’Albinia. Mi par di capire che a lui spetta il rimborso, perché non si tratta di auto di lusso.
      O è previsto anche che uno debba avere non più di un’auto di proprietà?
      Quanto poi alla sortita sull’acquisto della Ferrari: “Non posso dire “beato lui”, perché se avessi tanti soldi li spenderei in altro modo.”
      Non fa che convalidare l’ipotesi che si tratti di una sortita populista e demagogica: dove sta scritto che i gusti e le preferenze personali del Governatore in fatto di come spendere i propri soldi debbano influire sulle sue scelte e si senta autorizzato a farcelo sapere? Come consiglio, come prescrizione o come minaccia?

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.