PARLAMENTO EUROPEO del 25-05-2014 risultati a Braccagni e Montepescali

*

img152 ELEZIONI 64 65

img153 ELEZIONI 76

Archiviato in: LA NOTIZIALA VITA DI PAESE

RSSNumero commenti (6)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. Granocchiaio ha detto:

    Risultati delle votazioni per Parlamento Europeo nelle sezioni 64 65 e 76 del Comune di Grosseto

  2. nello ha detto:

    Mi sembra che siamo sul livello nazionale nelle percentuali. Però…..sarebbe interessante confrontare questi risultati con le politiche ed allora si vedrebbero cose molto interessanti. Se ricordo bene il PD e M5S non avevano questa forbice, anzi i grillini erano in testa (mi sembra , sempre a memoria, che in una sezione superavano abbondantemente il 40%)

    • Granocchiaio ha detto:

      Ma cosa vuoi di più? più che asfaltarlo? Il povero Grullo….
      Mentre invece dovresti ringraziarlo: senza il calcio in culo che lo ha messo in orbita col ciuffolo che il PD arrivava a queste vette!
      Ricorda che da Togliatti a Berlinguer non mi pare che nessuno abbia mai toccato vette simili.

      • nello ha detto:

        Per sola informazione Togliatti o meglio ancora Berlinguer, pur non raggiungendo il quid odierno del PD, hanno attenuto buoni risultati senza aiuti esterni (tipo Grillo) né con propagande elettorali che ad oggi bisogna vedere se possono essere realizzate. tanto per dirne una: i famosi 80€ ci sono per qualcuno (in forma molto equivoca) solo fino a Dicembre, poi caleranno a circa 60€ perché il pacchetto è annuale e quest’anno è diviso per 8,da un altr’anno sarà diviso per dodici….). Comunque il mio distinguo sui voti PD-M5S locale fra le politiche e queste europee era solo perché, mi sembra anche su questo blog, qualcuno esaltò il 41% del grullo come tu lo chiami. Io non esalto per il 62% della mia sezione, o per il 40% nazionale, perché lo reputo solo un risultato dovuto al momento (offese da parte di uno, disgregazione del Pdl etc.) Un po’ come nelle elezioni amministrative del 1975, quando l’effetto Berlinguer, le botte referendarie della DC (aborto e divorzio) insieme a ai primi effetti terroristici (impotenza quasi equivoca dello stato) portarono il PCI al max storico (oltre il 36%), ma l’anno dopo alle politiche, dove contava, rientrò nei ranghi, perdendo mi sembra oltre il 3%).

      • Ric ha detto:

        Insomma… i dati raccolti da Renzi sono da Democrazia Cristiana dei miei tempi e danno un significato ben preciso a queste elezioni: da una parte danno una forza enorme all’interno del Paese su riforme che – a questo punto – possono essere attuate senza ascoltare nessuno e neppure concertarsi con le organizzazioni sindacali e di categoria; secondo, decretano la fine di Forza Italia e del berlusconismo, atteggiamento politico che ci aveva portato fuori delle relazioni con gli altri paesi della Ue; terzo, i movimenti di protesta popolare tipo Grillo (M5S) non passano assieme ad un movimento totalmente revisionista della politica italiana. Inoltre in Europa, dopo la vittoria in paesi anche importanti di movimenti di destra con forte avversione verso l’immigrazione, Renzi può andare a discutere con maggiore forza e dovrà essere ascoltato. Io non credevo in lui, ma mi devo ricredere…

  3. mezzolitro ha detto:

    Vorrei dire a tutti i grillini (un pò spariti per la verità…) e a tutti i renziani(che si moltiplicano all’ennesima potenza da un minuto all’altro…):
    “Ciò che l’Elettore dà, l’Elettore toglie”. Meditare gente!

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.