il nostro cedro non lo salviamo più

*

foto di Fabio Bargelli

foto di Fabio Bargelli

Tutto si può dire, ma certo non che la ditta incaricata dell’abbattimento degli alberi ci abbia dormito sopra. Questa foto è stata scattata da Fabio Bargelli quando ancora c’era luce………..

Mentre (l’involontaria?) immagine fallica suona purtroppo come un ve l’abbiamo messo tanto così……. dove non ci batte il sole!

Immagino domattina cosa possiamo trovare.

 

PENSIERINO DELLA SERA

Gli alberi sono stati tagliati perché pericolosi in quanto troppo prossimi alla viabilità (o agli impianti).

C’è una legge recentissima che lo prevede o è sempre stato così?

Se è recentissima sicuramente qualcuno ci potrà dire qual’è e la data della sua entrata in vigore.

Se non è recentissima, perché questi alberi sono stati lasciati a pericolo pubblico per anni e forse decenni, cioè fino ad oggi? Chi è responsabile di cio?

Potrebbero essere quelli che hanno provveduto oggi, con enorme ritardo, a provvedere alla messa in sicurezza.

O no?

C’è poca chiarezza in tutto questo.

Perché non sono stati esposti nei cartelli gli estremi dell’autorizzazione comunale?

 

Archiviato in: LA CULTURALA NOTIZIALA VITA DI PAESE

RSSNumero commenti (2)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. Granocchiaio ha detto:

    Tutto si può dire, ma certo non che la ditta incaricata dell’abbattimento degli alberi ci abbia dormito sopra. Questa foto è stata scattata da Fabio Bargelli quando ancora c’era luce………..

    Mentre (l’involontaria?) immagine fallica suona purtroppo come un ve l’abbiamo messo tanto così……. dove non ci batte il sole!

    Immagino domattina cosa possiamo trovare.

    PENSIERINO DELLA SERA

    Gli alberi sono stati tagliati perché pericolosi in quanto troppo prossimi alla viabilità (o agli impianti).

    C’è una legge recentissima che lo prevede o è sempre stato così?

    Se è recentissima sicuramente qualcuno ci potrà dire qual’è e la data della sua entrata in vigore.

    Se non è recentissima, perché questi alberi sono stati lasciati a pericolo pubblico per anni e forse decenni, cioè fino ad oggi? Chi è responsabile di cio?

    Potrebbero essere quelli che hanno provveduto oggi, con enorme ritardo, a provvedere alla messa in sicurezza.

    O no?

    C’è poca chiarezza in tutto questo.

    Perché non sono stati esposti nei cartelli gli estremi dell’autorizzazione comunale?

  2. mezzolitro ha detto:

    Un uccellino (cò un bel paio di baffi…) m’ha sussurrato che ‘unn’è del tutto peregrina l’ipotesi che un “menager d’assalto” RFI di ultima generazione, di quelli cazzutissimi, in un impeto di decisionismo abbia stabilito, d’emblée, che quella pianta lì ‘un ci poteva più stà.
    Peggio per lei, che tra l’altro era stata piantata lì in memoria di un caduto durante i bombardamenti.
    E per noi, che ci troviamo un’altra volta trattati come sudditi.
    Però anche per lui, perchè ora gli farei proprio vedè i sorci verdi.
    Tempo al tempo…

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.