Coppa Passalacqua 2014

*

444Gavorrano-vince-Passalacqua-calcio

 

E’ terminata la 40^ edizione della Coppa Passalacqua!

Con la vittoria dei gavorranesi contro i grossetani. Per 2 a 1.

Questo è tutto quello che ho da dire sull’avvenimento sportivo.

Qualcos’altro però ho da dirlo. Sono somammaente felice che questo torneo (o Coppa) sia infine e FINALMENTE terminato. Il perchè è presto detto.

Nelle prime serate primaverili e poi quell più calde di inizio estate, io con la mia famiglia, non abbiamo potuto godere l’aria, i profumi e i suoni di questi giorni, rondini in testa. Per il semplice motivo che dovevamo chiudere la finestra e rinserrarci davanti al televisore a volume più alto del normale. Perché?

Chi come me abita vicino allo stadio lo sa benissimo.

Perché a partire dal tardo pomeriggio, sicuramente un’oretta e mezzo prima dell’inizio delle partite un infame impianto fonico diffondeva sgradevoli suoni a tutto volume. La cattiva qualità dei suoni supera di gran lunga IN PEGGIO i megafoni usati al mercato dai venditori di piatti e di pannina dei tempi che furono.

Noi esperti riusciamo a decifrare questi INFAMI RUMORI che corrispandono a pezzi musicali che vanno dagli anni 60 in su. In su è un modo di dire.

Se hai un discreto orecchio riesci a riconoscere musiche di Tozzi, di Zucchero, di Raf e anche della Nannini. Senza dimenticare una Mina e un Celentano praticamente adolescenti.

Ma c’è di peggio.

Si sa che anche il cibo più squisito ed amato se lo mangi a ripetizione, continuamente, senza sosta, prima ti stufa, poi finisci per odiarlo. E questo è stato fatto con un  pezzo di un cantante che non solo mi piace, ma amo alla follia. Mi riferisco a Rino Reitano la cui GIANNA hanno messo in continuazione fino al tentativo di farti impazzire! Peggio del gocciolìo notturno di un rubinetto dell’inquilino del piano di sopra che però non c’è perché è andato in ferie.

Uno dice: ma dopo c’è la partita……….appunto a che cazzo serve fare tutto quel casino sguaiato e sgradevole tutto quel tempo prima?

O la fanno così, perché si è sempre fatto? Si sono mai post la domanda se serve a qualcuno. O se per caso è INDISPENSABILE per il buon andamento della gara?

Non oso nemmeno rammentare il rispetto della gente che vi abita intorno: la legge me lo permette e faccio tutto il casino che voglio, e non ci rompete troppo i coglioni.

Così va il nostro povero mondo. Che non solo ha crisi economica e finanziaria. Ma anche altre e penose deficienze.

Archiviato in: I RICORDI E I PERSONAGGILA NOTIZIALA VITA DI PAESELE MANIFESTAZIONI

RSSNumero commenti (2)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. Granocchiaio ha detto:

    E’ terminata la 40^ edizione della Coppa Passalacqua!

    Con la vittoria dei gavorranesi contro i grossetani. Per 2 a 1.

    Questo è tutto quello che ho da dire sull’avvenimento sportivo.

    Qualcos’altro però ho da dirlo. Sono somammaente felice che questo torneo (o Coppa) sia infine e FINALMENTE terminato. Il perchè è presto detto.

    Nelle prime serate primaverili e poi quell più calde di inizio estate, io con la mia famiglia, non abbiamo potuto godere l’aria, i profumi e i suoni di questi giorni, rondini in testa. Per il semplice motivo che dovevamo chiudere la finestra e rinserrarci davanti al televisore a volume più alto del normale. Perché?

    Chi come me abita vicino allo stadio lo sa benissimo.

    Perché a partire dal tardo pomeriggio, sicuramente un’oretta e mezzo prima dell’inizio delle partite un infame impianto fonico diffondeva sgradevoli suoni a tutto volume. La cattiva qualità dei suoni supera di gran lunga IN PEGGIO i megafoni usati al mercato dai venditori di piatti e di pannina dei tempi che furono.

    Noi esperti riusciamo a decifrare questi INFAMI RUMORI che corrispandono a pezzi musicali che vanno dagli anni 60 in su. In su è un modo di dire.

    Se hai un discreto orecchio riesci a riconoscere musiche di Tozzi, di Zucchero, di Raf e anche della Nannini. Senza dimenticare una Mina e un Celentano praticamente adolescenti.

    Ma c’è di peggio.

    Si sa che anche il cibo più squisito ed amato se lo mangi a ripetizione, continuamente, senza sosta, prima ti stufa, poi finisci per odiarlo. E questo è stato fatto con un pezzo di un cantante che non solo mi piace, ma amo alla follia. Mi riferisco a Rino Reitano la cui GIANNA hanno messo in continuazione fino al tentativo di farti impazzire! Peggio del gocciolìo notturno di un rubinetto dell’inquilino del piano di sopra che però non c’è perché è andato in ferie.

    Uno dice: ma dopo c’è la partita……….appunto a che cazzo serve fare tutto quel casino sguaiato e sgradevole tutto quel tempo prima?

    O la fanno così, perché si è sempre fatto? Si sono mai post la domanda se serve a qualcuno. O se per caso è INDISPENSABILE per il buon andamento della gara?

    Non oso nemmeno rammentare il rispetto della gente che vi abita intorno: la legge me lo permette e faccio tutto il casino che voglio, e non ci rompete troppo i coglioni.

    Così va il nostro povero mondo. Che non solo ha crisi economica e finanziaria. Ma anche altre e penose deficienze.

    • nello ha detto:

      Pensa Granocchiaio qualcuno a Grosseto, per una cosa più nobile, ha chiamato i vigili perché alle 20.30, mica dico a mezzanotte, c’era un po’ di rumore da un bar situato in via che di rumore ne ha ad iosa anche durante la notte, facendo sanzionare i gestori (poi tutti, anche chi a autorizzato, come da legge, l’intervento, ha offrirsi come pagatori).
      Battuta, ti premieremo per la sopportazione, ma anche a me che sto abbastanza distante quella musica dava un po’ noia. Dico se proprio pensano che sia necessaria per attirare la gente (ma visto il successo che di norma riscuote il torneo non credo sia utile anche perché in pratica è tutta gente che viene da fuori e credo che, pur a volume elevato non si senta né da Piombino né dall’Argentario….) la inizino mezz’ora prima , giusto per superare l’attesa.

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.