L’arte è sempre bella.. Ed alcuni artisti…riescono a disegnare i sentimenti…

*

01 perez 01 446

02 fabianperez 448 04

03 perez 03 416

ArtScans CMYK

05 449 fabianperez02

06 449 fabian_perez_011

07 449 Fabian_Perez_Medias_Negras_IV2-579x720

 fino a qui Fabian Perez da qui in poi Jack Vettriano 01 jac 01 446   02 445 04 j vettriano the-singing-butler wikipaint   03 445 Jack Vettriano -- 03   04 446 Jack Vettriano 02   05 444 0 Couple X   06 443 08 Jack Vettriano, 1951 - Dance me to the end of love - Tutt'Art@ (9)   07 446 10 06 vettriano5am     Viviamo in un mondo dominato dalle immagini e dalla grande quantità di dati che ci arrivano. In particolare da Internet con i suoi Social Network, Facebook in primis, dai blog, eccetera. Ovviamente una grande quantità di dati è mille volte meglio di una scarsità di dati. E poi ci sono le cose insperate e nemmeno mai immaginate come per esempio ritrovare un amico perso di vista da anni e decenni, o la scoperta che ci sono persone che la pensano come te (e non l’avresti mai supposto) o viceversa scoprire che certe persone si cui avresti giurato non sono affatto come supponevi. Perché, al di là della frittura mista da cui bisogna difendersi, c’è tutta una quantità di idee, di osservazioni, di fatti e di misfatti, di confessioni fatte in pubblico e che magari non si fanno nemmeno in privato, insomma una marea di notizie che nemmeno nei bar degli anni d’oro potevi raccogliere. E non è vero che non possiamo difenderci dal di più, possiamo, se lo vogliamo. Magari facendosi dare una mano da quelli più bravi di noi a smanettare e spippolare, ma i mezzi tecnici ce ne sono abbastanza.

Tuttavia corriamo dei rischi di altro genere che nemmeno immaginiamo. Può succedere come quando viaggiamo veloci con un treno: guardando dal finestrino le immagini che ci corrono a grande velocità lì davanti ci appaiono come un film velocizzato in cui vediamo tutto, ma non osserviamo niente. Bisogna guardare lontano per accorgersi di una bella montagna o di un bel panorama. Allora possiamo osservare, non solo vedere. Qualcosa di simile succede qui su Internet. Vediamo e leggiamo centinai di notizie, ma difficilmente ci fermiamo ad osservare. E poi quasi sempre ci riferiamo a fatti o cose di cronaca.

Ci sono rare eccezioni. E ieri ne ho vista una molto bella e molto interessante: proprio grazie a questa segnalazione mi è venuto di scrivere queste riflessioni. Sul profilo di una carissima amica vedo su Facebook un’immagine di una donna vista di spalle. Pare una foto, ma guardando meglio mi accorgo che è un quadro. Guardo meglio e si, è proprio un quadro. Un’immagine bellissima. Di quelle che non si spiegano, si devono solo osservare ricevendo tutte le sensazioni e le emozioni che ti procura quell’opera. Il quadro è quello in testa all’articolo. L’autiera di questa bella cosa è la mia amica Ilaria Vescarelli che in risposta al mio inevitabile “mi piace” mi ha a detto: Fabian Perez..vai a vederlo….bravissimo, e io: Dove?,  lei: Sul sito!  Vado sul sito e scopro una prima sequenza di immagini di quadri molti coinvolgenti. Glielo dico e lei di rimando: Jack Vettriano lo conosci? – Anche lui molto bello A questo punto mi prendo con calma e con cura a visitare i siti dei due artisti. Sono rimasto incantato a vedere quanto belli e coinvolgenti fossero i lavori dei due artisti. Tanto da sentirmi in DOVERE di segnalarli qui, come ad amplificare il bel regalo che ci ha fatto Ilaria.

 

L’arte è sempre bella..

Ed alcuni artisti…riescono a disegnare i sentimenti…

la mia amica Ilaria

 

La fortuna capita a chi è lì pronto a prenderla

Le cose belle sono alla portata di tutti

Come quelli che ci fanno almeno caso passandoci vicino

come la mia amica Ilaria

 

Ecco i due link: Fabian Perez http://www.fabianperez.com/

Jack Vettriano http://www.jackvettriano.com/

Archiviato in: FOTO VIDEO E MUSICALA CULTURA

RSSNumero commenti (2)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. Granocchiaio ha detto:

    Viviamo in un mondo dominato dalle immagini e dalla grande quantità di dati che ci arrivano. In particolare da Internet con i suoi Social Network, Facebook in primis, dai blog, eccetera.
    Ovviamente una grande quantità di dati è mille volte meglio di una scarsità di dati. E poi ci sono le cose insperate e nemmeno mai immaginate come per esempio ritrovare un amico perso di vista da anni e decenni, o la scoperta che ci sono persone che la pensano come te (e non l’avresti mai supposto) o viceversa scoprire che certe persone si cui avresti giurato non sono affatto come supponevi.
    Perché, al di là della frittura mista da cui bisogna difendersi, c’è tutta una quantità di idee, di osservazioni, di fatti e di misfatti, di confessioni fatte in pubblico e che magari non si fanno nemmeno in privato, insomma una maree di notizie che nemmno nei bar degli anni d’oro potevi raccogliere.
    E non è vero che non possiamo difenderci dal di più, possiamo, se lo vogliamo. Magari facendosi dare una mano da quelli più bravi di noi a smanettare e spippolare, ma i mezzi tecnici ce ne sono abbastanza.

    Tuttavia.
    Tuttavia corriamo dei rischi di altro genere che nemmeno immaginiamo. Può succedere come quando viaggiamo veloci con un treno: guardando dal finestrino le immagini che ci corrono a grande velocità lì davanti ci appaiono come un film velocizzato in cui vediamo tutto, ma non osserviamo niente. Bisogna guardare lontano per accorgersi di una bella montagna o di un bel panorama.
    Allora possiamo osservare, non solo vedere.

    Qualcosa di simile succede qui su Internet. Vediamo e leggiamo centinai di notizie, ma difficilemnte ci fermiamo ad osservare. E poi quasi sempre ci riferiamo a fatti o cose di cronaca.
    Ci sono rare eccezioni. E ieri ne ho vista una molto bella e molto interessante: proprio grazie a questa segnalazione mi è venuto di scrivere queste riflessioni.

    Sul profilo di una carissima amica vedo su Facebook un’immagine di una donna vista di spalle. Pare una foto, ma guardando meglio mi accorgo che è un quadro. Guardo meglio e si, è proprio un quadro. Un’immagine bellissima. Di quelle che non si spiegano, si devono solo osservare ricevendo tutte le sensazioni e le emozioni che ti procura quell’opera. Il quadro è quello in testa all’articolo.
    L’autiera di questa bella cosa è la mia amica Ilaria Vescarelli che in risposta al mio inevitabile “mi piace” mi ha a detto: Fabian Perez..vai a vederlo….bravissimo, e io: Dove?, lei: Sul sito! Vado sul sito e scopro una prima sequenza di immagini di quadri molti coinvolegenti. Glielo dico e lei di rimando: Jack Vettriano lo conosci? – Anche lui molto bello
    A questo punto mi prendo con calma e con cura a visitare i siti dei due artisti. Sono rimasto incantato a vedere quanto belli e coinvolgenti fossero i lavori dei due artisti.
    Tanto da sentirmi in DOVERE di segnalarli qui, come ad amplificare il bel regalo che ci ha fatto Ilaria.

    L’arte è sempre bella..
    Ed alcuni artisti…riescono a disegnare i sentimenti…
    la mia amica Ilaria

    La fortuna capita a chi è lì pronto a prenderla
    Le cose belle sono alla portata di tutti
    Come quelli che ci fanno almeno caso passandoci vicino
    Come la mia amica Ilaria

    Ecco i due link:
    Fabian Perez
    http://www.fabianperez.com/

    Jack Vettriano
    http://www.jackvettriano.com/

    L’arte è sempre bella..
    Ed alcuni artisti…riescono a disegnare i sentimenti…
    la mia amica Ilaria

    La fortuna capita a chi è lì pronto a prenderla
    Le cose belle sono alla portata di tutti
    Come quelli che ci fanno almeno caso passandoci vicino
    come la mia amica Ilaria

  2. Granocchiaio ha detto:

    L’arte è sempre bella..

    Ed alcuni artisti…riescono a disegnare i sentimenti…

    la mia amica Ilaria

    La fortuna capita a chi è lì pronto a prenderla

    Le cose belle sono alla portata di tutti

    Come quelli che ci fanno almeno caso passandoci vicino

    come la mia amica Ilaria

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.