La Sentinella che non sentinella

*

Alt_farsi-riconoscere

Ma sta sentinella cosa sentinella? Ogni tanto chiude un occchio?

O all’occorenza anche tutti e due?

Leggo sempre con attenzione la Sentinella del Braccagni, anche e soprattutto ora che è in versione “Nuova”.

Ora dopo l’ultima uscita del n. 7 – Gennaio 2015 vorrei fare una mia notazione.

In particolare vorrei parlare della rubrica l’Angolo del libro – a cura di Corrado Barontini

Sempre ben curata e sviluppata questa meritoria rubrica, occupa intere pagine del giornale.

Questi gli autori citati e indicati negli ultimi numeri

  • M. Bartolini,
  • A. Angeli,
  • C. Barontini,
  • M. Innocenti,
  • M. Vergari,
  • V. Filippini,
  • G. Bardi
  • O. Ferretti,
  • B. Mastacchini,
  • S. Colli,
  • F. Perillo,

un giornalista tedesco per un libro e ambientato nel 1943/1944, e ancora e di nuovo

  • C. Barontini,
  • L. Niccolai,
  • P. Nardini
  • C. Barontini,

fino a

  • L. Bellini
  • M .Ciani.

e

  • “I Briganti” (CD)
  • R. Vatti
  • I. Pimpinelli

Molti articoli per molti autori! Complimenti!

Non è necessario dannarsi per verificare che non esiste nessuna notazione, e ancor meno critica, ma nemmeno una parola, sul mio libro “I miei Acquisti in Maremma” libro pubblicato dal sottoscritto nel Maggio del 2012.

Nessuna accenno da parte del curatore, e nemmeno da parte del Caporedattore, né da qualche componente  la numerosa Redazione e nemmeno da parte dei vari collaboratori.

E si che il libro ha anche una certa attinenza con i ricordi e le “tradizioni popolari”………in effetti è un racconto mio e della mia famiglia, ma anche della vita vissuta prima nella fattoria degli Acquisti e poi nel paese di Braccagni nei decenni ’50 e ’60.

Sarò pure interessato, ma mi domando ancora perché dopo ben 5 numeri usciti dopo il libro, questo non è stato né recensito, né segnalato, né prima né poi. Insomma, come si dice in maremmano: “manco se lo so cacato!”

Commento fatto a bocce ferme e a motore ghiaccio, senza rancore o in cerca di pubblicità. Solo per amor di critica e curiosità.

 

Probabilmente c’è un perché. Qual’è?

Archiviato in: LA CULTURALA NOTIZIALA VITA DI PAESE

RSSNumero commenti (3)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. Granocchiaio ha detto:

    Alt! Farsi riconoscere!
    Ma sta sentinella cosa sentinella? Ogni tanto chiude un occchio?
    O all’occorenza anche tutti e due?

    Leggo sempre con attenzione la Sentinella del Braccagni, anche e soprattutto ora che è in versione “Nuova”.

    Ora dopo l’ultima uscita del n. 7 – Gennaio 2015 vorrei fare una mia notazione.

    In particolare vorrei parlare della rubrica l’Angolo del libro – a cura di Corrado Barontini
    Sempre ben curata e sviluppata questa meritoria rubrica. Occupa intere pagine del giornale.
    Questi gli autori citati e indicati negli ultimi numeri
    M. Bartolini,
    A. Angeli,
    C. Barontini,
    M. Innocenti,
    M. Vergari,
    V. Filippini,
    G. Bardi
    O. Ferretti,
    B. Mastacchini,
    S. Colli,
    F. Perillo,
    un giornalista tedesco per un libro e ambientato nel 1943/1944, e ancora e di nuovo
    C. Barontini,
    L. Niccolai,
    P. Nardini
    C. Barontini,
    fino a
    L. Bellini
    M. Ciani.
    e
    “I Briganti” (CD)
    R. Vatti
    I. Pimpinelli

    Molti articoli per molti autori! Complimenti!

    Non è necessario dannarsi per verificare che non esiste nessuna notazione, e ancor meno critica, ma nemmeno una parola, sul mio libro “I miei Acquisti in Maremma” libro pubblicato dal sottoscritto nel Maggio del 2012.
    Nessuna accenno da parte del curatore, e nemmeno da parte del Caporedattore, né da qualche componente la numerosa Redazione e nemmeno da parte dei vari collaboratori.

    E si che il libro ha anche una certa attinenza con i ricordi e le “tradizioni popolari”………in effetti è un racconto mio e della mia famiglia, ma anche della fattoria degli Acquisti e del Braccagni nei decenni ’50 e ’60.

    Sarò pure interessato, ma mi domando ancora perché dop 5 numeri usciti dopo il libro, questo non è stato né recensito, nè segnalato, né prima né poi. Insomma, come si dice in maremmano: “manco se lo so cacato!”

    Commento fatto a bocce ferme e a motore ghiaccio, senza rancore o in cerca di pubblicità. Solo per amor di critica e curiosità.

    Probabilmente c’è un perché. Qual’è?

  2. nello ha detto:

    Granocchiaio, ti sei forse (faccio solo per dire) dimenticato di essere di Braccagni (o degli Acquisti, cambia poco in fondo era praticamente un tuttuno). Noi siamo buoni solo a criticare gli altri se fanno qualcosa, come siamo sempre pronti a dire ” perché lo devo fare io?”.
    Come affermi il tuo libro, familiare quanto vogliamo dove però ci sono forti ricordi del tempo che fu nella nostra campagna, non è stato considerato,la stessa cosa è successa per il libro di Umberto che fu presentato addirittura in loco ( a Montepescali al museo, il tuo lo presentasti nella sala consigliare a Grosseto, se non erro ed anche lì presenti molti paesani) con grande partecipazione, ed anch’esso, forse più del tuo, descriveva la vita paesana. Forse succederà ancora con altri autori locali, ma mi sembra che nonostante tutto sia il tuo libro che quello di Umberto, in una nazione dove la lettura sembra sia un optional, in zona abbiano avuto un discreto successo, recensione o meno sul giornalino locale.

    • Granocchiaio ha detto:

      Carissimo Nello, più o meno d’accordo sulle premesse, non tanto sulla conclusione. Detto in soldoni, è vero che salvo rari casi, pare che chi faccia qualcosa nel paese se gli va bene è semplicemente ignorato. Altre volte attaccato e criticato. Fino a qui siamo d’accordo: purtroppo c’è da dire che è un vizio nazionale.
      Quando però dici nonostante tutto il libro mio e quello di Umberto “abbiano avuto un discreto successo, recensione o meno sul giornalino locale” permettimi di non essere d’accordo. Libri come questi se hanno successo riescono a coprire le spese di pubblicazione. Così è stato anche per me e ne sono felice. Devo peraltro dirti che se anche ci fosse stato l’intervento della Sentinella, magari anche con grande risalto, il risultato di vendite sarebbe cambiato di poco o per nulla.
      Il punto è un altro. Come ho indicato La Sentinella riferisce e recensisce decine di libri, dei più diversi autori. Ne esce uno scritto da un paesano e “silenzio tombale”. E si che, come giustamente ricordi tu, il libro tratta dei miei primi 25 anni di vita, ma entro due località nostre: la Fattoria degli Acquisti e il paese di Braccagni. Una descrizione abbastanza meticolosa di questi due luoghi, delle persone che ci vivevano e degli avvenimenti di allora. E se non è ricordo e tradizioni questo aspetto, non saprei proprio. Ti confesso che uno dei complimenti che mi sono più spesso stati fatti riguarda proprio il ricordo e la descrizione della vita di questi due luoghi e dei loro abitanti!
      Ultima notazione. Mi scuserai, ma vedo che sei membro della Redazione del giornalino. Questo significa che puoi senz’altro dirci se sono state prese decisioni a questo soggetto oppure che tu ne sei guardato bene dal segnalare il fatto e chiderne fatto e spigazione. Grazie

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.