Un grossetano, di Braccagni, prossimo direttore del Consorzio del Brunello di Montalcino

Giacomo Pondini

Giacomo Pondini

“Sono felice per il mio amico Giacomo Pondini che dal 1 gennaio prossimo diventerà direttore del Consorzio del Brunello di Montalcino, sostituendo Giampiero Pazzaglia, altra persona brava e preparata che stimo moltissimo. Giacomo è da più di dieci anni direttore del Consorzio del Morellino di Scansano ed è sicuramente uno che conosce molto bene questo mondo. Auguri Giacomo, auguri veramente di cuore.”

Questa la stupenda notizia che mi ha trasmesso stamattina Carlo Macchi, direttore del giornale on line di enogastronomia Winesurf. Notizia che riempie di gioia me e la famiglia mia tutta, con Stella e Alessandra in testa, ragazzi assieme. È un insieme di orgoglio e di felicità per una persona di primo’ordine. Destinato fin dai prestigiosi studi a grandi traguardi questo invidiabile incarico venuto dal Consorzio del più celebrato dei vini toscani è un riconoscimento al suo valore oramai noto in tutto il mondo dell’enologia italiana e oltre.

Gli auguro di svolgere con successo questo incarico fino a considerare questo traguardo non un arrivo, ma un punto di passaggio per più alte mete.

Archiviato in: IL MANGIARE ED IL BERELA NOTIZIALA VITA DI PAESE

Tag:

RSSNumero commenti (1)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. Granocchiaio ha detto:

    “Sono felice per il mio amico Giacomo Pondini che dal 1 gennaio prossimo diventerà direttore del Consorzio del Brunello di Montalcino, sostituendo Giampiero Pazzaglia, altra persona brava e preparata che stimo moltissimo. Giacomo è da più di dieci anni direttore del Consorzio del Morellino di Scansano ed è sicuramente uno che conosce molto bene questo mondo. Auguri Giacomo, auguri veramente di cuore.”
    Questa la stupenda notizia che mi ha trasmesso stamattina Carlo Macchi, direttore del giornale on line di enogastronomia Winesurf. Notizia che riempie di gioia me e la famiglia mia tutta, con Stella e Alessandra in testa, ragazzi assieme. È un insieme di orgoglio e di felicità per una persona di primo’ordine. Destinato fin dai prestigiosi studi a grandi traguardi questo invidiabile incarico venuto dal Consorzio del più celebrato dei vini toscani è un riconoscimento al suo valore oramai noto in tutto il mondo dell’enologia italiana e oltre.
    Gli auguro di svolgere con successo questo incarico fino a considerare questo traguardo non un arrivo, ma un punto di passaggio per più alte mete.

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.