ANCORA SUL MUSEO DI MONTEPESCALI

*

montepescali_ghigliottina tg

Ieri sul Tirreno ho letto con grande interesse l’articolo relativo ad un tema già ampiamente svolto su questo blog con gli articoli 

MUSEO DELLA STORIA LOCALE “ILDEBRANDO IMBERCIADORI” – MONTEPESCALI Cosa hanno voluto abbandonare Braccagni e Montepescali

Scritto da Granocchiaio il 22-Nov-2015

e

COME TAGLIARSI I COGLIONI PER FAR DISPETTO ALLA MOGLIE

scritto da Granocchiaio il 20-Nov-2015

 

Negli articoli segnalavo che il Museo era Intitolato a Ildebrando Imberciadori e che venne inaugurato il 5 agosto 1994 a Montepescali nei locali dell’ex asilo “Bardo Guicciardini”
e che comprende:
§ La civiltà contadina
§ L’orologeria antica in maremma ( XIV – XIX sec.)
§ L’ultima ghigliottina della maremma – A.D. 1822
§ Strumenti musicali dell’ex corpo bandistico “G. Verdi“ e circolo bandolinistico “G. Puccini“
Esposizione – Ricerca archivistica:
§ Genesi di un comune: Montepescali XI sec.
§ La vicenda degli usi civici di Montepescali
§ Le proprietà terriere della comunità di Montepescali dall’anno mille ai nostri giorni e di n.24 comunità’ della Provincia di Grosseto
Quindi un museo di enorme valore storico e civico. Cosa in qualche misura segnalata anche dal Tirreno.

Meraviglia un poco che Fabrizio Fabbrini e altri cittadini vogliono andare in fondo e capire della chiusura del Museo (sicurezza?) che al momento sfuggono perché ‘a nostra domanda, fin qui non abbiamo avuto risposta’”.

Quando immediatamente dopo Roberto Spadi (Presidente dell’Ente proprietario) dà la risposta che credo tutti ben sanno (o dovrebbero sapere), e cioè che i locali “non hanno più gli standard di sicurezza oggi più stringenti nei luoghi pubblici”. Per esempio impianto elettrico e servizi igienici per disabili.

Valeva, e vale,  la pena però ricordare che il Comune con l’iniziativa GROSSETO PARTECIPA aveva messo a disposizione delle frazioni e delle zone cittadine la somma di 400.000 euro per obbiettivi che gli abitanti stessi avrebbero dovuto segnalare.
Ho partecipato a tutte le riunioni previste per la formazione e la scelta degli obbiettivi. Furono individuati una decina di questi che poi furono ulteriormente ridotti con una votazione dei delegati di Braccagni e Montepescali. Purtroppo le votazioni esclusero dalle prime scelte sia il MUSEO DI MONTEPESCALI che IL MONUMENO A SANTI QUALDALTI a favore di scelte di indubbio minor valore. A mio giudizio.

Progetti ammessi:
SAN ROCCHINO: USIAMO ANCORA LA VECCHIA STRADA voti 14
RECUPERO DELLA CAPPELLA DI SAN ROCCHINO voti 10
PIU’ SPORT AL CENTRO POLIVALENTE DI BRACCAGNI voti 9

Primi tra i progetti non ammessi:
MUSEO DI MONTEPESCALI: rimettiamolo a norma per tutti voti 7
MONUMENTO AL BUTTERO SANTI QUADALTI: voti 6

Questo comportamento dei miei compaesani mi ha spinto a scrivere l’articolo già citato
COME TAGALIARSI I COGLIONI PER FAR DISPETTO ALLA MOGLIE scritto da Granocchiaio il 20-Nov-2015

Il titolo è presto spiegato. La somma di 400.000 euro erano da dividersi tra i progetti di TUTTO IL COMUNE risultati poi i PIU’ VOTATI. Essendo la nostra realtà Braccagni-Montepescali molto più piccola delle zone cittadine o anche di altre frazioni (vedi Marina di Grosseto – Principina a Mare) era evidente che potevamo sperare in un nostro successo solo a condizione di poter prendere voti anche da altra gente del comune, magari sensibile a progetti culturali e civici di grande valore. Come per l’appunto erano il MUSEO DI MONTEPESCALI e IL MONUMENTO SANTI QUADALTI. Scegliere i primi 3 progetti che sono passati è stato come “tagliarsi i coglioni per far dispetto alla moglie”.

E infatti così è andato: nemmeno un progetto dei 3 ammessi è riuscito a entrare nella riparizione dei fondi!

Per la cronaca si sono aggiudicati i finanziamenti:
1. Servizi gratuiti spiagge libere Marina e Principina 40mila euro 252 voti
2. Percorso turistico ecologico Maremma Natura 50mila euro 235 voti
3. Per un centro storico accessibile a tutti 60mila euro 217 voti
4. Fab-Lab Linfa: vita delle idee 70mila euro 214 voti
5. Fuori Grosseto: spettacoli di teatro, musica, folk 50mila euro 205 voti
6. Area parcheggi a Principina Mare 35mila euro 197 voti
7. Grosseto:rete di soggetti, luoghi ed eventi culturali 50mila euro 194 voti
8. Laboratorio eventi Città di Grosseto 40mila euro 190 voti

Che, con licenza parlando, non mi pare proprio che ce ne sia almeno uno più importante dei nostri due scartati dai delegati di Braccagni e Montepescali!

Archiviato in: LA CULTURALA VITA DI PAESE

Tag:

RSSNumero commenti (12)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. Roberto Tonini ha detto:

    Ieri sul Tirreno ho letto con grande interesse l’articolo relativo ad un tema già ampiamente svolto su questo blog con gli articoli
    MUSEO DELLA STORIA LOCALE “ILDEBRANDO IMBERCIADORI” – MONTEPESCALI

    Scritto da Granocchiaio il 22-Nov-2015

    e
    COME TAGALIARSI I COGLIONI PER FAR DISPETTO ALLA MOGLIE

    scritto da Granocchiaio il 20-Nov-2015

    Negli articoli segnalavo che il Museo era Intitolato a Ildebrando Imberciadori e che venne inaugurato il 5 agosto 1994 a Montepescali nei locali dell’ex asilo “Bardo Guicciardini”
    e che comprende:
    § La civiltà contadina
    § L’orologeria antica in maremma ( XIV – XIX sec.)
    § L’ultima ghigliottina della maremma – A.D. 1822
    § Strumenti musicali dell’ex corpo bandistico “G. Verdi“ e circolo bandolinistico “G. Puccini“
    Esposizione – Ricerca archivistica:
    § Genesi di un comune: Montepescali XI sec.
    § La vicenda degli usi civici di Montepescali
    § Le proprietà terriere della comunità di Montepescali dall’anno mille ai nostri giorni e di n.24 comunità’ della Provincia di Grosseto
    Quindi un museo di enorme valore storico e civico. Cosa in qualche misura segnalata anche dal Tirreno.

    Meraviglia un poco che “Fabrizio Fabbrini e altri cittadini vogliono andare in fondo e capire della chiusura del Museo (sicurezza?) che al momento sfuggono perché ‘a nostra domanda, fin qui non abbiamo avuto risposta’”.

    Quando immediatamente dopo Roberto Spadi (Presidente dell’Ente proprietario) dà la risposta che credo tutti ben sanno (o dovrebbero sapere), e cioè che i locali “non hanno più gli standard di sicurezza oggi più stringenti nei luoghi pubblici”. Per esempio impianto elettrico e servizi igienici per disabili.

    Valeva, e vale, la pena però ricordare che il Comune con l’iniziativa GROSSETO PARTECIPA aveva messo a disposizione delle frazioni e delle zone cittadine la somma di 400.000 euro per obbiettivi che gli abitanti stessi avrebbero dovuto segnalare.
    Ho partecipato a tutte le riunioni previste per la formazione e la scelta degli obbiettivi. Furono individuati una decina di questi che poi furono ulteriormente ridotti con una votazione dei delegati di Braccagni e Montepescali. Purtroppo le votazioni esclusero dalle prime scelte sia il MUSEO DI MONTEPESCALI che IL MONUMENO A SANTI QUALDALTI a favore di scelte di indubbio minor valore. A mio giudizio.

    Progetti ammessi:
    SAN ROCCHINO: USIAMO ANCORA LA VECCHIA STRADA voti 14
    RECUPERO DELLA CAPPELLA DI SAN ROCCHINO voti 10
    PIU’ SPORT AL CENTRO POLIVALENTE DI BRACCAGNI voti 9

    Primi tra i progetti non ammessi:
    MUSEO DI MONTEPESCALI: rimettiamolo a norma per tutti voti 7
    MONUMENTO AL BUTTERO SANTI QUADALTI: voti 6

    Questo comportamento dei miei compaesani mi ha spinto a scrivere l’articolo già citato
    COME TAGALIARSI I COGLIONI PER FAR DISPETTO ALLA MOGLIE scritto da Granocchiaio il 20-Nov-2015

    Il titolo è presto spiegato. La somma di 400.000 euro erano da dividersi tra i progetti di TUTTO IL COMUNE risultati poi i PIU’ VOTATI. Essendo la nostra realtà Braccagni-Montepescali molto più piccola delle zone cittadine o anche di altre frazioni (vedi Marina di Grosseto – Principina a Mare) era evidente che potevamo sperare in un nostro successo solo a condizione di poter prendere voti anche da altra gente del comune, magari sensibile a progetti culturali e civici di grande valore. Come per l’appunto erano il MUSEO DI MONTEPESCALI e IL MONUMENTO SANTI QUADALTI. Scegliere i primi 3 progetti che sono passati è stato come “tagliarsi i coglioni per far dispetto alla moglie”.

    E infatti così è andato: nemmeno un progetto dei 3 ammessi è riuscito a entrare nella riparizione dei fondi!

    Per la cronaca si sono aggiudicati i finanziamenti:
    1. Servizi gratuiti spiagge libere Marina e Principina 40mila euro 252 voti
    2. Percorso turistico ecologico Maremma Natura 50mila euro 235 voti
    3. Per un centro storico accessibile a tutti 60mila euro 217 voti
    4. Fab-Lab Linfa: vita delle idee 70mila euro 214 voti
    5. Fuori Grosseto: spettacoli di teatro, musica, folk 50mila euro 205 voti
    6. Area parcheggi a Principina Mare 35mila euro 197 voti
    7. Grosseto:rete di soggetti, luoghi ed eventi culturali 50mila euro 194 voti
    8. Laboratorio eventi Città di Grosseto 40mila euro 190 voti

    Che, con licenza parlando, non mi pare proprio che ce ne sia almeno uno più importante dei nostri due scartati dai delegati di Braccagni e Montepescali!

  2. mezzolitro ha detto:

    Già, io l’avevo detto alla giornalista del Tirreno, i braccagnoli e i montepescalini hanno perso una grossa occasione durante “Grosseto Partecipa”, ma stranamente non l’ha citato nell’articolo…

  3. Carlo Vellutini ha detto:

    Secondo me il modo migliore per salvare realmente il Museo – visti i costi necessari per la ristrutturazione- è farllo aderire alla Fondazione Grosseto Cultura che già gestisce, ad esempio, qjuello di Storia Naturale. In quel modo potrebbe anche avere la necessaria pubblicità di cui merita. fare una chiacchierata con il presidente Loriano Valentini, alla fine, non costa nulla…

  4. Carlo Vellutini ha detto:

    Secondo me il modo migliore per salvare realmente il Museo – visti i costi necessari per la ristrutturazione- è farlo aderire alla Fondazione Grosseto Cultura che già gestisce, ad esempio, quello di Storia Naturale. In quel modo potrebbe anche avere la necessaria pubblicità di cui merita. fare una chiacchierata con il presidente Loriano Valentini, alla fine, non costa nulla…

  5. mezzolitro ha detto:

    Vero, chiedere non costa nulla, però avrei una domanda:
    ” perché chiedere aiuto ad altri quando ai proprietari (quantomeno i più)del Museo non glie ne può fregare di meno?”

  6. mezzolitro ha detto:

    Tutti i braccagnoli, montepescalesi, vallerotani, acquistaioli, verseggini, ecc…
    Insomma TUTTI i residenti nella frazione di Montepescali.

  7. mezzolitro ha detto:

    No caro mio, il Consiglio sta seriamente pensando di emettere ruoli aggiuntivi (una tantum) per la manutenzione straordinaria del Museo.
    Non sarà facile trovare il modo, però…

  8. Granocchiaio ha detto:

    se devo essere onesto non ho capito un granchè! che significa emettere ruoli aggiuntivi (una tantum) per la manutenzione del Museo?

  9. mezzolitro ha detto:

    Significa che il Consiglio può chiamare i proprietari dell’immobile a contribuire alle spese.

    • Granocchiaio ha detto:

      CIOE’ COME DICI TU:
      Tutti i braccagnoli, montepescalesi, vallerotani, acquistaioli, verseggini, ecc…
      Insomma TUTTI i residenti nella frazione di Montepescali ?

      E nell’ipotesi che questi non intendano contribuire che succede?
      (ma che ti devo cavà le parole manco fossero denti da togliere?)

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.