LA CONSEGNA DELLE TARGHE

Il Presidente Achille Giusti consegna la targa a Massimo Neri

Il Presidente Achille Giusti consegna la targa a Massimo Neri

Il presidente Massimo Neri consegna la targa a Giorgio Bellaveglia

Il presidente Massimo Neri consegna la targa a Giorgio Bellaveglia

Stefano D'Errico consegna la targa a Carlo Vellutini

Stefano D’Errico consegna la targa a Carlo Vellutini

Roberto Tonini consegna la targa a Carlo Pondini

Roberto Tonini consegna la targa a Carlo Pondini

p088

La maestra Nella Lolini consegna la targa a Cristina Bernasconi

 

LE TARGHE

LE TARGHE

MASSIMO NERI

MASSIMO NERI

GIORGIO BELLAVEGLIA

GIORGIO BELLAVEGLIA

CARLO VELLUTINI

CARLO VELLUTINI

GIACOMO PONDINI

GIACOMO PONDINI

CRISTINA BERNASCONI

CRISTINA BERNASCONI

LE TARGHE

LE TARGHE

?????????????

Cristina Bernasconi

frequenta la scuola Commerciale per programmatori e poi Laurea in Scienze dell’informazione (che poi sarebbe informatica) a Pisa.

Inizia il suo lavoro con alcun mesi borsa di studio all’università, ma poi viene contattata e assunta dalla Coop (allora Coop Toscana Lazio, oggi Unicoop Tirreno) con l’incarico di sviluppo e gestione software, per magazzini, negozi, contabilità.

Avendo poi “in testa” la voglia di volevo far “qualcosa”, si  dedica al mondo del volontariato (C.R.I.) dove entra titubante e dove non riuscirà più a smettere.

Nell’ambito della protezione civile, di cui la CRI fa parte, segue vari corsi nelle diverse materie. Collabora fattivamente sul territorio in ambito di Protezione civile in vari terremoti e alluvioni un po‘ in tutta Italia

E infine, memore di una mazza da Baseball che il falegname Febo Bonelli gli aveva fatto alle elementari prima si appassiona al Baseball, poi tifosa, poi sposa un giocatore di Baseball, quindi diviene dirigente accompagnatore e così, sempre per fare qualcosa, diviene ufficiale di gara della Federazione Italiana Baseball e Softball.

Segue le partite dei campionati di baseball e softball e scrive quello che succede. Con i suoi report la federazione calcola le statiche di gioco dei giocatori. Nel massimo campionato italiano, fa anche la diretta online delle partite utilizzando un software apposito. Anche qui non mi accontento di “fare” e diviene istruttore, per chiunque volesse intraprendere questa “carriera”. Immagino: sempre per fare qualcosa!

448-03-giacomo

Giacomo Pondini anche lui classe 1975

Dopo le elementari di Braccagni prosegue con le Medie alla Pascoli, come di norma tutti i braccagnini. Poi gli studi superiori partono all’Università degli Studi di Siena dove ottiene la laurea in Scienze Politiche e proseguono presso  Freie Universität Berlin e infine presso l’Università degli Studi di Parma dove frequenta il Master, International Relations and Affairs.

A partire dai nove anni fa regolarmente le vacanze estive in Inghilterra con lo scopo di apprendere in maniera appropriata la lingua. Apprenderà poi a livelli diversi altre lingue.

Dopo un breve periodo presso l’Ambasciata d’Italia in Namibia viene assunto come direttore per il Consorzio Tutela Morellino di Scansano dove resterà per undici anni. Dai primi dell’anno è Direttore del  Consorzio del  Vino Brunello di Montalcino!!! Cin cin: alla salute!

Complimenti!

 

02-carlo-vellutini

Carlo Vellutini – classe 1975 –  inizia studiando in Italia e all’estero. Approda presto a quella che sarà la sua passione, il giornalismo: a 20 anni è il più giovane iscritto d’Italia all’ordine dei giornalisti come Pubblicista. Inizia presto una collaborazione con TV9 con particolare predilezione per lo sport, il calcio in particolare. Nel 2006 supera l’esame di Stato diventando Giornalista Professionista. Inizia collaborando con diversi giornali per dedicarsi poi in maniera principale alla televisione.

Comincia a scrivere anche qualcosa al di fuori del giornalismo fino a pubblicare proprio in questi giorni il suo primo romanzo “Reti di smeraldo”.

Riceve diversi premi tra cui il prestigioso premio dalla Game Fair Award dove è stato premiato, tra gli altri, insieme ai giornalisti Osvaldo Bevilacqua e della giornalista del TG2 Maria Grazia Capulli!!!

Finalmente arriva poi anche il premio Braccagni.info!

 

01-massimo

Parlare di Massimo Neri per noi di Braccagni significa soprattutto parlare di OL.MA.

Arriva nel 1979 nell’allora piccolo frantoio dal futuro incerto, con solo 4 frantoiani, e da allora l’OL.MA. sotto la sua guida compie un cammino di sviluppo inimmaginabile. L’80% della produzione oggi va all’estero, principalmente: in U.S.A., Giappone, Canada, e paesi del Nord Europa. I dipendenti sono oggi 20 fissi e 80 nel periodo di punta del lavoro, mentre il volume di affari raggiungere cifre di grandissimo rispetto. Nel frattempo Massimo ha rivestito importati cariche in istituzioni che hanno a che fare con l’agricoltura. L’incontro di sabato 24 sarà l’occasione per ripercorrere il tragitto di questi 37 anni!

 

448-img499-premiati-2016-bis

446-img498-locandina-anta-sett-2016

 

img495 premio 2016 1°avviso

il 24 settembre 2016 di nuovo Premio Braccagni.info

13 premiati nei primi 4 anni del premio

e quest’anno chi sarà premiato?

quanti saranno i premiati?

questione di giorni ormai 

448 premio braccagni.info 2016

Archiviato in: LA CULTURALA NOTIZIALA VITA DI PAESELE MANIFESTAZIONI

RSSNumero commenti (6)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. Granocchiaio ha detto:

    il 24 settembre 2016 di nuovo Premio Braccagni.info

    13 premiati nei primi 4 anni del premio

    e quest’anno chi sarà premiato?

    quanti saranno i premiati?

    questione di giorni ormai

  2. Granocchiaio ha detto:

    riceviamo da parte del Comitato di Gestione del C.P.S. “GLI ANTA”:
    Il 28 settembre, tanto tempo fa’, a Braccagni c’era la fiera
    Il 28 settembre di ogni anno, a Braccagni, in località Campo della Fiera, si svolgeva, fino ai primi anni 60, una bella e famosa manifestazione fieristica dove venivano presentate vacche e tori di razza chianina e maremmana, pecore, maiali nonché attrezzi agricoli come scale in legno e panieri di vimini e di castagno e per la gioia dei ragazzi dell’epoca ‘duri alla menta’, liquirizie ecc.
    La fiera era cos’ famosa in tutta la Toscana che a visitarla venivano anche molte persone della Valdichiana e dal Senese ed era un’occasione per venire a trovare quei parenti ed amici che erano venuti in Maremma per lavoro, nell’occasione il pranzo veniva preparato con pietanze un po’ più ricercate.
    Per ricordare questa ricorrenza, il C.P.S. Gli Anta organizza una cena per
    Sabato 24 settembre alle ore 20,00

    durante il quale verranno riproposti alcuni dei piatti caratteristici che le massaie preparavano per i loro ospiti.
    Mangeremo:
    • Antipasto: prosciutto e melone, salame, crostini
    • Primo: tagliatelle al ragù, acqua cotta
    • Secondo: scottiglia, arrosto di manzo con insalata
    • Dolce: zuppa inglese
    • Da bere: acqua, vino e caffè finale
    Quota di partecipazione € 20,00. Le prenotazioni terminano il 20 settembre e comunque al raggiungimento del numero di 120 partecipanti; non potranno essere prese partecipazioni successive.

    Il comitato di gestione

    Nel pomeriggio del 24, alle ore 16,30 verranno consegnati i premi
    “braccagni.info 2016”
    a persone scelte dall’associazione Braccagni.info:
    sarà una bella occasione per festeggiare tutti insieme.

    Per informazioni e prenotazioni: Catia 3294193925-0564329342, glianta@braccagni.net

  3. Granocchiaio ha detto:

    Parlare di Massimo Neri per noi di Braccagni significa soprattutto parlare di OL.MA.
    Arriva nel 1979 nell’allora piccolo frantoio dal futuro incerto, con solo 4 frantoiani, e da allora l’OL.MA. compie un cammino di sviluppo inimmaginabile. L’80% della produzione oggi va all’estero, principalmente: in U.S.A., Giappone, Canada, e paesi del Nord Europa. I dipendenti sono oggi 20 fissi e 80 nel periodo di punta del lavoro, mentre il volume di affari raggiungere cifre di grandissimo rispetto. Nel frattempo Massimo ha rivestito importati cariche in istituzioni che hanno a che fare con l’agricoltura. L’incontro di sabato 24 sarà l’occasione per ripercorrere il tragitto di questi 37 anni!

  4. Granocchiaio ha detto:

    Carlo Vellutini – classe 1975 – inizia studiando in Italia e all’estero. Approda presto a quella che sarà la sua passione, il giornalismo: a 20 anni è il più giovane iscritto d’Italia all’ordine dei giornalisti come Pubblicista. Inizia presto una collaborazione con TV9 con particolare predilezione per lo sport, il calcio in particolare. Nel 2006 supera l’esame di Stato diventando Giornalista Professionista. Inizia collaborando con diversi giornali per dedicarsi poi in maniera principale alla televisione.

    Comincia a scrivere anche qualcosa al di fuori del giornalismo fino a pubblicare proprio in questi giorni il suo primo romanzo “Reti di smeraldo”.

    Riceve diversi premi tra cui il prestigioso premio dalla Game Fair Award dove è stato premiato, tra gli altri, insieme ai giornalisti Osvaldo Bevilacqua e della giornalista del TG2 Maria Grazia Capulli!!!

    Finalmente arriva poi anche il premio Braccagni.info!

  5. Granocchiaio ha detto:

    Giacomo Pondini anche lui classe 1975

    Dopo le elementari di Braccagni prosegue con le Medie alla Pascoli, come di norma tutti i braccagnini. Poi gli studi superiori partono all’Università degli Studi di Siena dove ottiene la laurea in Scienze Politiche e proseguono presso Freie Universität Berlin e infine presso l’Università degli Studi di Parma dove frequenta il Master, International Relations and Affairs.

    A partire dai nove anni fa regolarmente le vacanze estive in Inghilterra con lo scopo di apprendere in maniera appropriata la lingua. Apprenderà poi a livelli diversi altre lingue.

    Dopo un breve periodo presso l’Ambasciata d’Italia in Namibia viene assunto come direttore per il Consorzio Tutela Morellino di Scansano dove resterà per undici anni. Dai primi dell’anno è Direttore del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino!!! Cin cin: alla salute!

    Complimenti!

  6. Granocchiaio ha detto:

    Cristina Bernasconi
    frequenta la scuola Commerciale per programmatori e poi Laurea in Scienze dell’informazione (che poi sarebbe informatica) a Pisa.
    Inizia il suo lavoro con alcun mesi borsa di studio all’università, ma poi viene contattata e assunta dalla Coop (allora Coop Toscana Lazio, oggi Unicoop Tirreno) con l’incarico di sviluppo e gestione software, per magazzini, negozi, contabilità.
    Avendo poi “in testa” la voglia di volevo far “qualcosa”, si dedica al mondo del volontariato (C.R.I.) dove entra titubante e dove non riuscirà più a smettere.
    Nell’ambito della protezione civile, di cui la CRI fa parte, segue vari corsi nelle diverse materie. Collabora fattivamente sul territorio in ambito di Protezione civile in vari terremoti e alluvioni un po‘ in tutta Italia
    E infine, memore di una mazza da Baseball che il falegname Febo Bonelli gli aveva fatto alle elementari prima si appassiona al Baseball, poi tifosa, poi sposa un giocatore di Baseball, quindi diviene dirigente accompagnatore e così, sempre per fare qualcosa, diviene ufficiale di gara della Federazione Italiana Baseball e Softball.
    Segue le partite dei campionati di baseball e softball e scrive quello che succede. Con i suoi report la federazione calcola le statiche di gioco dei giocatori. Nel massimo campionato italiano, fa anche la diretta online delle partite utilizzando un software apposito. Anche qui non mi accontento di “fare” e diviene istruttore, per chiunque volesse intraprendere questa “carriera”. Immagino: sempre per fare qualcosa!

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.