Possiamo ignorare i limiti di velocità senza rischio di essere multati! Qualcuno può contraddirmi?

Possiamo ignorare i limiti di velocità senza rischio di essere multati!

Si! Basta che non ci siano Autovelox ben visibili a distanza e al margine della carreggiata. Specie se in rettilineo.

Una battuta spiritosa? Una provocazione? Niente di tutto questo. Solo la sentenza di un giudice di pace che ha annullato una multa ad un automobilista che era stato fotografato dall’autovelox. Perché? Perché questo non era ben visibile! Motiva poi il giudice che in questo caso sarebbe venuto meno il deterrente che la macchinetta dovrebbe al contrario esercitare  sull’automobilista, quindi, prima ancora di essere sanzionato!

Andiamo avanti.

Il giudice ha così ribadito che la finalità ultima dell’autovelox non è quello di fare la multa, ma rendere le strade più sicure. Questo avviene solo se questi vengono messi bene in vista, interpretando così il ruolo di deterrente tale da spingere l’automobilista a quel “ravvediemento operoso” che si traduce in un  andatura più consona alle condizioni della strada.

Che dire?

Per esempio che: Possiamo ignorare i limiti di velocità senza rischio di essere multati se non c’è un autovelox posizionato e ben visibile.

Ma anche che al di fuori di quel piccolo tratto coperto dall’Autovelox NESSUNO E’ AUTORIZZATO A MULTARVI PER ECCESSO DI VELOCITA!

liberamente tratto ed adattato da un articolo de LA NAZIONE di Venerdì 6 giugno 2014 pag 11 di CRONACA DI GROSSETO

Qualcuno ha lo ha pensato ben prima di me:

Dal WEB: Autovelox, perché la legge ne impone la segnalazione? postato da ANTONIOEMME il 20/07/2012

Qualcuno può gentilmente spiegarmi perché in Italia vige l’ obbligo di segnalare la presenza degli autovelox fissi e mobili? E perché si permette ai vari dispositivi come i navigatori di segnalarne preventivamente la presenza? Che senso ha? Non avrebbe più senso segnalare in modo generico che in un dato comune o un dato tratto stradale c’ è la possibilità di un autovelox, ma impedire a chiunque di scoprirne l’ ubicazione? Se lo scopo principale dell’ autovelox non è la multa ma far si che venga ridotta la velocità, segnalandone la presenza l’ automobilista rallenta solo in quel tratto e poi riprende a correre come prima vanificando di fatto la ragione per cui si installano gli autovelox.

Elementare, Watson! Sottoscrivo al 100%

Questo è il nostro paese………………..

W l’Italia e tutti gli italiani. Isole comprese.

Ovviamente se qualcuno ha qualcosa da ridire sono ben accette le relative osservazioni

 

Nota finale: la foto di copertina ha un po’ poco a che vedere con l’articolo, ma anche qui succede come nelle riviste: se metto una bella donna l’articolo guadagna almeno un 70% in più di lettori!

la fanciulla si è stancata ed è costretta a fare l’autostop da seduta……….

Archiviato in: featuredFOTO VIDEO E MUSICALA NOTIZIALA VITA DI PAESE

RSSNumero commenti (1)

Lascia una risposta | Trackback URL

  1. Granocchiaio ha detto:

    Possiamo ignorare i limiti di velocità senza rischio di essere multati!

    Si! Basta che non ci siano Autovelox ben visibili a distanza e al margine della carreggiata. Specie se in rettilineo.

    Una battuta spiritosa? Una provocazione? Niente di tutto questo. Solo la sentenza di un giudice di pace che ha annullato una multa ad un automobilista che era stato fotografato dall’autovelox. Perché? Perché questo non era ben visibile! Motiva poi il giudice che in questo caso sarebbe venuto meno il deterrente che la macchinetta dovrebbe al contrario esercitare sull’automobilista, quindi, prima ancora di essere sanzionato!

    Andiamo avanti.

    Il giudice ha così ribadito che la finalità ultima dell’autovelox non è quello di fare la multa, ma rendere le strade più sicure. Questo avviene solo se questi vengono messi bene in vista, interpretando così il ruolo di deterrente tale da spingere l’automobilista a quel “ravvediemento operoso” che si traduce in un andatura più consona alle condizioni della strada.

    Che dire?

    Per esempio che: Possiamo ignorare i limiti di velocità senza rischio di essere multati se non c’è un autovelox posizionato e ben visibile.

    Ma anche che al di fuori di quel piccolo tratto coperto dall’Autovelox NESSUNO E’ AUTORIZZATO A MULTARVI PER ECCESSO DI VELOCITA!

    liberamente tratto ed adattato da un articolo de LA NAZIONE di Venerdì 6 giugno 2014 pag 11 di CRONACA DI GROSSETO

    Qualcuno ha lo ha pensato ben prima di me:

    Dal WEB: Autovelox, perché la legge ne impone la segnalazione? postato da ANTONIOEMME il 20/07/2012

    Qualcuno può gentilmente spiegarmi perché in Italia vige l’ obbligo di segnalare la presenza degli autovelox fissi e mobili? E perché si permette ai vari dispositivi come i navigatori di segnalarne preventivamente la presenza? Che senso ha? Non avrebbe più senso segnalare in modo generico che in un dato comune o un dato tratto stradale c’ è la possibilità di un autovelox, ma impedire a chiunque di scoprirne l’ ubicazione? Se lo scopo principale dell’ autovelox non è la multa ma far si che venga ridotta la velocità, segnalandone la presenza l’ automobilista rallenta solo in quel tratto e poi riprende a correre come prima vanificando di fatto la ragione per cui si installano gli autovelox.

    Elementare, Watson! Sottoscrivo al 100%

    Questo è il nostro paese………………..

    W l’Italia e tutti gli italiani. Isole comprese.

    Ovviamente se qualcuno ha qualcosa da ridire sono ben accette le relative osservazioni

    Nota finale: la foto di copertina ha un po’ poco a che vedere con l’articolo, ma anche qui succede come nelle riviste: se metto una bella donna l’articolo guadagna almeno un 70% in più di lettori!

Lascia una risposta

Devi essere iscritto per scrivere un commento.